Martedì 5 Settembre 2006 -  Piazza di San Francesco
Cerimonia Finale

Crescenzio Sepe
Cardinale, Arcivescovo di Napoli, Italia


Signor Presidente della Repubblica,
Illustri rappresentanti delle Chiese cristiane e delle grandi religioni mondiali,
Caro prof. Andrea Riccardi e amici della Comunità di sant’Egidio,
Signore e Signori,

è con viva emozione che prendo brevemente la parola in questo felice anniversario della giornata mondiale di preghiera per la pace voluta da Giovanni Paolo II qui ad Assisi. In questi venti anni lo “Spirito di Assisi” ha varcato molte frontiere: città d’Italia, d’Europa e del mondo. Si è affermato come via di pace, di dialogo e di incontro tra religioni differenti, ma si è anche confrontato con il mondo della cultura e del pensiero laico e umanista. Non posso qui enumerare i risultati ottenuti da questo cammino paziente e fedele. Basta guardare lo spettacolo di questa sera, in un mondo in cui pare prevalere la logica del conflitto, per renderci conto del valore di questi Incontri.
Per questi motivi vorrei, dal profondo del cuore, rivolgervi un caldo invito.
Venite a Napoli il prossimo anno! Lo dico da vescovo di quella splendida città mediterranea che sa accogliere con calore chiunque le faccia visita, che ha il dialogo e la vita con gli altri nel suo carattere profondo.
Lo dico consapevole che Napoli parla al Mediterraneo, luogo dove si possono accendere o spegnere tanti conflitti. Napoli vuol essere l’Europa aperta al Mediterraneo, all’Africa, al mondo.
Con la vostra presenza a Napoli potrete dare un contributo a far prevalere la logica del dialogo e della pace.
Lo dico con orgoglio perché tra noi oggi c’è un napoletano d’eccezione, il nostro Presidente della Repubblica.
Napoli, se lo vorrete, vi aspetta con gioia per compiere un altro passo sulla via della pace dopo questo significativo incontro di Assisi.

Copyright © 2006 Comunità di Sant'Egidio