Martedì 5 Settembre 2006 -   
Preghiera per la Pace

Walter Kasper
Cardinale, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, Santa Sede


Meditazione Salmo 122,6-9

“Domandate pace per Gerusalemme”. Quante volte è risuonata nei secoli, anzi nei millenni, questa invocazione di preghiera dei salmi della bibbia. Quante volte Gerusalemme, la città della pace, è stata assediata e distrutta: dagli assiri e dai babilonesi, dai romani e dai crociati. Quante volte è stata oggetto di contesa, fino ai nostri giorni, tra ebrei, cristiani e musulmani. Tutte e tre le religioni venerano a Gerusalemme i loro luoghi santi. Tutte e tre amano Gerusalemme e vogliono per questo essere lì. Tutte e tre le religioni hanno il diritto ad abitarvi in pace, ma vi possono vivere solo stando insieme in pace. Tutte e tre pregano l’unico Dio, che non è un Dio della violenza, ma il “Dio della pace”, come viene spesso chiamato nella bibbia.

Quante volte per questo abbiamo pregato nelle ultime settimane per la pace a Gerusalemme, per la pace tra ebrei e musulmani in quella regione afflitta e scossa da conflitti, nella quale nuovamente uomini innocenti da ogni parte –donne e bambini, malati, anziani e giovani –soffrono e muoiono e vivono nella paura e nello spavento. Essi per noi non sono chiunque; essi sono –come dice il salmo – i nostri fratelli e amici e cos’altro possiamo augurargli se non la pace. Cos’altro, infatti, essi stessi attendono e bramano di più e cos’altro anche tutti gli uomini di buona volontà ovunque nel mondo attendono e bramano se non la pace sulle loro mura e sicurezza nei loro baluardi.

Noi non siamo ingenui. Siamo a conoscenza dei problemi concreti politici, economici e religiosi; conosciamo le origini ben lontane nel tempo di questo sanguinoso conflitto. Sappiamo della frustrazione accumulata, della disperazione, della paura, dell’ingiustizia e anche dell’odio. Sappiamo che le buone parole da sole non possono risolvere i problemi. Una soluzione sembra superare oggi le possibilità umane. E per questo non siamo così ingenui da pensare che si possano risolvere i problemi con i missili, le bombe e le granate. I missili, le bombe e le granate non risolvono nulla e portano solo distruzione e morte. La guerra non conduce alla pace. La guerra è spesso la madre di altre guerre. Con queste guerre si creano più terroristi di quanti se ne uccidano. La guerra è sempre una sconfitta, è la sconfitta dell’umanità e la sconfitta della speranza e delle attese di pace di tanti.

Quando ero giovane, durante il terribile tempo della seconda guerra mondiale, c’era una poesia da noi che veniva passata di mano in mano nei rifugi antiaerei e nelle trincee; la poesia cominciava con le parole: “Solo la preghiera ci può ancora liberare dalla spada che incombe sulle nostre teste”. Ciò che questa poesia dice appartiene ad un’antica convinzione dell’umanità religiosa che possiamo ritrovare anche in questo salmo. Non sono innanzitutto o non solo i governi, i militari e i diplomatici a decidere della guerra e della pace. La guerra e la pace hanno una causa ben più profonda; esse sono originate nel cuore degli uomini. Lì nascono i pensieri cattivi e quelli buoni, nei singoli e nei popoli. E lì, nel cuore dell’uomo, deve avvenire la conversione e il rinnovamento. Lì deve germogliare la volontà di riconciliazione e di pace che è solo possibile se a ogni parte viene fatta giustizia.

Solo Dio e il suo Santo Spirito hanno accesso al cuore degli uomini. Solo Dio ci può donare un cuore nuovo, un cuore non di pietra, ma di carne, un cuore compassionevole e ci può ispirare sentimenti di pace. Per questo la preghiera per la pace è un’arma più potente dei missili, delle bombe e delle granate; è la vera superpotenza in questo mondo. Gesù ci dice che la fede può smuovere le montagne. Perché Dio, ascoltando la nostra preghiera comune, non dovrebbe anche sciogliere le complicazioni e il nodo umanamente insolubile del Medio Oriente?

Il salmo contiene una promessa per Gerusalemme. E’ la promessa che Dio vuole la pace e che egli ha stabilito la pace per Gerusalemme. Da lì parte la pace; da Gerusalemme diventerà pace universale per tutta l’umanità, per tutte le realtà. Su questa promessa noi costruiamo, a questa promessa ci affidiamo. Per questo non cessiamo di pregare: domandate pace per Gerusalemme; domandate pace per la terra che è terra santa per gli ebrei, i cristiani e i musulmani, la terra della promessa e della pace. Per questo pregate senza sosta per la riconciliazione e la pace.

Copyright © 2006 Comunità di Sant'Egidio