change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - sarajevo...o e pace newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

Liturgia di ringraziamento per il 50mo anniversario della Comunità di Sant'Egidio

10 febbraio, ore 17,30 Basilica di San Giovanni in Laterano

 
versione stampabile
8 Settembre 2012 18:00 | Centre of Sarajevo

Saluto e Omelia di Sua Eminenza Vinko Puljiċ Cardinale, Arcivescovo di Vrhbosna-Sarajevo



Vinko Puljic


Cardinale, arcivescovo di Vrhbosna-Sarajevo, Bosnia e Erzegovina

Iniziando questa Santa Messa, come padrone di casa vorrei esprimere la mia gioia e dare il benvenuto a tutti i partecipanti di questa Eucaristia.
In primo luogo saluto tutti i conconcelebranti dell’Eucaristia:
Il grande e indimenticabile amico cardinale Roger Etchegeray, vice decano del Collegio cardinalizio, che ci ha visitato a metà di agosto del 1992 come delegato speciale del Papa, ma il suo comportamento non è mai stato quello di un delegato ma di una persona vicina a noi con il cuore.
Saluto anche gli altri i cardinali e do loro il benvenuto, in modo speciale saluto il cardinale Kurt Koch, che è presidente del Consiglio Pontificio per l’Unità dei cristiani. La vostra presenza, in modo particolare, incoraggia questa preghiera e l’intento comune per la pace.
Sinceramente e di tutto cuore saluto il nostro amico e caro ospite il cardinal Paul Popuard, emerito Presidente del Pontificio consiglio per la cultura. Non possiamo dimenticare la Sua vista a Sarajevo.
Saluto il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, che in qualità di Prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, ci ha mostrato la sua vicinanza in vari modi e particolarmente visitandoci a Sarajevo.
Saluto tutti gli arcivescovi, i vescovi ed i sacerdoti che sono presenti a questa Eucaristia.
Invio un saluto e un ringraziamento particolare alla comunità di Sant’Egidio, che è organizzatore di questo incontro.   
Con gioia e rispetto particolare saluto Sua beatitudine il Patriarca serbo Irinej e i rappresentanti della chiesa ortodossa di tutti i paesi: benvenuti a Sarajevo così che possiamo insieme pregare per la pace. La vostra presenza è un grande segno che ci dice molto riguardo all’edificazione della pace e della via del dialogo.
Saluto anche tutti gli altri cristiani che sono arrivati a Sarajevo: preghiamo e agiamo in modo tale che in questa “Città simbolo” possiamo edificare un messaggio di pace che sia un segno per tanti.
Saluto tutti i capi dello stato e politici che con la loro presenza danno sostegno alle religioni e alle culture sulla via del dialogo.
Un cordiale saluto a tutti i padroni di casa e a tutti gli ospiti che partecipano a questa celebrazione Eucaristia.
Saluto tutti i rappresentanti dei media, sia giornali che elettronici: essi renderanno presente questo evento a un pubblico più largo.
 

 

Egregi signori,
Fratelli nel ministero episcopale
Cari fratelli concelebranti, cari fratelli e sorelle!

Stasera siamo uniti celebrando insieme l'Eucaristia di veglia domenicale, nella quale preghiamo in modo particolare per la pace in questa città, in questo paese, nel mondo intero. Questo è il motivo principale del nostro raduno e della nostra comunione nella preghiera. Vi ringrazio per la Vostra presenza che porta il messaggio di pace. Ringrazio in particolare la Comunità di Sant’Egidio per aver scelto questa città come luogo dell’Incontro internazionale di preghiera per la pace. Grazie per il vostro impegno tenace per la convivenza tra i popoli, radicato in una fede profonda nutrita dall’amore per la Parola di Dio e per i poveri.
La vostra presenza nella preghiera ha lo stesso valore dell’esortazione del profeta Isaia: “siate forti, non abbiate paura”! In questo deserto, causato dalla guerra, è necessario che di nuovo fiorisca la vita della comunione nella nostra differenza. Appoggiandosi sulla fede in Dio bisogna imparare ad accettare, rispettare e apprezzare ognuno come persona e come portatore dei diritti fondamentali.
Nell’impegno per difendere i diritti di ciascuno, desideriamo che la Parola di Dio, così come ci viene riportata dalla lettera di san Giacomo, ci incoraggi assieme a tutti i disperati, resi consapevoli che Dio non fa preferenze. L’impegno per la verità e la giustizia, per la difesa dei diritti di ciascuno è fondato sulla certezza che la Parola di Dio è sempre vera e giusta e che per Dio ogni uomo è importante. Se la fede in Dio ci guida, allora saremo capaci di custodire l’uomo che è accanto a noi.
San Marco ci ha scritto una parabola sulla guarigione del sordo-muto. Poniamoci anche noi di fronte a questo stesso Signore desiderando che ci apra gli occhi della fede, che ci dia la parola giusta della pace e della convivenza, che ci dia la capacità di fare il bene.
Questo paese e le persone che vi abitano sono ferite dalla guerra, che ha seminato sfiducia e, per questi motivi si vive nell’insicurezza. Molte disgrazie hanno colpito le persone di questo paese. Oggi preghiamo perché il Signore guarisca tutte le ferite, che ritorni la fiducia in Dio, la fiducia nell’uomo e questo faccia crescere la possibilità che l’uomo sappia collaborare con Dio.
Come uno che ha vissuto ed è sopravvissuto a questa brutale guerra vi saluto con i più sinceri sentimenti di benvenuto. Non voglio soffermarmi sui momenti bui, ma insieme con voi pregare per un futuro migliore, che non è soltanto importante per la Bosnia ed Erzegovina e i popoli che vi abitano, ma per l’intera Europa e per tutto il mondo.
La preghiera è stata forza per sopportare gli orrori della guerra, però adesso sempre di più si stende la nuvola della disperazione. Ecco perché è importante che da questa città parta il grande messaggio di speranza, il messaggio di energia positiva, che dice: le diversità non sono uno svantaggio ma una risorsa. Da questa diversità, infatti, nasce il bisogno di costruire un mondo in cui nella convivenza e nella tolleranza si possa sperare in un futuro migliore.
Qui desidero citare le parole che il beato papa Giovanni Paolo II doveva dire a Sarajevo l’otto settembre 1994, ma non potendo venire queste parole le ha inviate: la Dichiarazione dei diritti dell’uomo è uno dei primi pilastri verso l’edificazione della pace. La guerra è contro l’uomo. Se si vuole evitare la guerra è necessario assicurare il rispetto dei diritti fondamentali dell’uomo tra i quali occupa il primo posto il diritto alla vita di ogni uomo, dal momento del concepimento fino alla morte naturale.
Esistono anche altri diritti, per esempio la libertà religiosa e la libertà di coscienza, che dirigono i principi della convivenza degli uomini nell’ambito spirituale. Il Concilio vaticano II ha dedicato a questi diritti una dichiarazione particolare, la dichiarazione sulla Dignità della persona, la Dignitatis humanae.
La convivenza del singolo e dei popoli innanzi tutto deve fondarsi sui “diritti dei popoli”. Come ogni singolo uomo, così anche ogni popolo ha diritto di esistere, ha diritto di sviluppare il proprio patrimonio culturale. Esso è fonte di ispirazione per le famiglie che educando i figli, trasmettono alle generazioni future i beni culturali della patria.
“… Così nasce la pace nel rispetto dei diritti della persona e dei diritti dei popoli; così si edifica e si difende la pace”.
Noi siamo consapevoli che la pace è un compito grande. Siamo consapevoli di non essere i padroni di noi stessi, ma secondo il diritto Divino, facciamo parte di una grande famiglia; partendo dalla famiglia della nostra Chiesa locale dell’arcidiocesi di Vrhbosna, della Chiesa cattolica in Bosnia ed Erzegovina, come anche della Chiesa universale Cattolica, e guardando in senso politico anche dell’integrazione Europea. Per questo è necessaria la solidarietà del mondo nell’impegno per costruire la pace e allargare i nostri orizzonti. In primo luogo ci affidiamo a colui che è la nostra pace, il Cristo Signore risorto che ci dona la sua pace, non come lo dona il mondo, dove la legge del più forte sembra comandare, ma la pace nella quale ogni essere umano è creato da Dio, amato, redento da Cristo; così costituiamo la comunità dei credenti nella via d’amore e di pace.
Per questo vi sono grato per la Vostra presenza, per la partecipazione a questa preghiera comune per la pace, per l’uguaglianza, per la dignità di ogni uomo. Vi ringrazio perché in questi giorni siete uniti con noi cattolici e con tutti i cittadini di questo paese. Grazie per ogni gesto solidale nell’edificazione della pace.
Che Dio accolga le nostre preghiere, benedica la comunione e doni la sua pace ai cuori, alle famiglie, ai popoli e a tutti i paesi del mondo.
Amen!
 

Messaggio del papa per l'Incontro di Sarajevo
Benedetto XVI

Programma Italiano
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
6 Febbraio 2018

Gli auguri del pastore valdese Bernardini per i 50 anni di Sant'Egidio: continuiamo insieme per la pace, la giustizia, i corridoi umanitari

IT | HU
31 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

La Comunità di Sant’Egidio ricorda il prof. Joachim Gnilka scomparso a Monaco all’età di 90 anni.

IT | DE
28 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

'Il piatto più buono è quelllo dell'amicizia': lo offre Sant'Egidio a tanti amici nelle periferie di Monaco di Baviera


Visita di Marco Impagliazzo alla Scuola della Pace e alla mensa
IT | DE
24 Gennaio 2018
ROMA, ITALIA

'La potenza della Chiesa di Gesù è una forza disarmata che ferma il male' La predicazione del pastore Paolo Ricca per la Settimana dell'Unità tra i cristiani

IT | FR | HU
24 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

La Chiesa è il popolo dell'attesa. Meditazione del pastore valdese Paolo Ricca


alla preghiera della Comunità di Sant'Egidio in Santa Maria in Trastevere. Testo e podcast
18 Ottobre 2017

A un mese dall'Incontro delle religioni a Münster, le Strade di Pace hanno attraversato 4 continenti


Nella foto l'evento a Blantyre, Malawi. Guarda foto e video di tutti gli altri
IT | ES | DE | FR | RU
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
7 Febbraio 2018

50 anni di Sant'Egidio: la gioia del Vangelo da Roma alle periferie del mondo


La Comunità compie 50 anni. Una storia cominciata il 7 febbraio 1968 a Roma da Andrea Riccardi con un piccolo gruppo di liceali che volevano cambiare il mondo...
IT | DE | PT
7 Febbraio 2018

'Un aspetto chiave di Sant'Egidio è la sua dedizione al dialogo' Da Yad Vashem, il Memoriale dell'Olocausto a Gerusalemme, gli auguri per il 50mo

IT | DE
7 Febbraio 2018

'Vi auguro di continuare la vostra missione per la pace': Ahmad Al-Tayyeb, Grande Imam di Al-Azhar, per i 50 anni di Sant'Egidio

IT | DE

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
23 Febbraio 2018
Domradio.de
"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"
1 Febbraio 2018
SIR
50° Comunità Sant’Egidio: Hilarion (Patriarcato di Mosca), “la nostra una collaborazione che ha dato tanti buoni frutti”
30 Gennaio 2018
Vaticannews
Corridoi umanitari: la collaborazione ecumenica via della speranza
26 Gennaio 2018
POW - Pressestelle des Ordinariates Würzburg
Angst und Lethargie überwinden
15 Gennaio 2018
Roma sette
Ecumenismo, in processione con anglicani, luterani e ortodossi
tutta la rassegna stampa correlata

LIBRI
Andrea Riccardi - Tutto può cambiare



San Paolo
altri libri

26/03/2019
Preghiera per i poveri

Preghiera ogni giorno


COME SEGUIRE L'EVENTO
Sarajevo 2012

Si Ringrazia