change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - sarajevo...o e pace newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

Liturgia di ringraziamento per il 50mo anniversario della Comunità di Sant'Egidio

10 febbraio, ore 17,30 Basilica di San Giovanni in Laterano

 
versione stampabile
10 Settembre 2012 16:30 | Mayor Seminar of Sarajevo (Hall Paul VI)

Cercare Dio per ritrovare l’uomo



Serafim


Metropolita ortodosso, Patriarcato di Romania

Ringrazio gli organizzatori del nostro incontro, la Comunità di Sant’Egidio,  per il tema ispirato di questa tavola rotonda: « Cercare Dio per ritrovare l’uomo». Questo sintagma esprime bene una verità fondamentale della fede cristiana, e, credo, di ogni religione. Poiché Dio e l’uomo sono intrinsecamente uniti, non si può separarli : chi cerca Dio ritrova l’uomo e chi si interessa veramente all’uomo scopre in lui il mistero di Dio. Essendo creato « a immagine e somiglianza di Dio », l’uomo racchiude in sé il mistero di Dio stesso ; per questo l’uomo si rivela, si lascia conoscere solo nella misura in cui noi conosciamo Dio, il suo Prototipo, cioè nella misura in cui abbiamo « un’esperienza di Dio ». Qui sottolineo con forza « esperienza di Dio » perché Dio non è soggetto di conoscenza intellettuale o razionale, disincarnata, ma di un’esperienza mistica, esistenziale, che si fa nella preghiera e nella contemplazione. Del resto nel linguaggio biblico « conoscere » significa unirsi alla persona che si vuole conoscere. Così, solo nella misura in cui noi ci avviciniamo a Dio grazie a questa esperienza mistica, ci avviciniamo anche all’uomo, lo conosciamo dall’interno, in maniera esistenziale. E questo ci fa prendere coscienza che siamo di fatto uniti ad ogni uomo, a tutta l’umanità che vive in noi. L’uomo è un microcosmo che ricapitola in sé tutta l’umanità e tutto il creato. Tutto vive nel nostro cuore purificato dalla preghiera e dall’ascesi : gli umani, gli animali, le piante, i minerali, l’universo con le sue galassie e metagalassie.  Niente ci è estraneo. San Paolo descrive bene questo mistero quando dice : « Siamo un solo corpo in Cristo e ciascuno per la sua parte siamo membra gli uni degli altri» (Romani 12, 4). E anche : « Poiché c'è un solo pane, noi, pur essendo molti, siamo un corpo solo: tutti infatti partecipiamo dell'unico pane.» (I Corinzi 10, 17). E ancora : « Se il piede dicesse: «Poiché io non sono mano, non appartengo al corpo», non per questo non farebbe più parte del corpo.» (I Corinzi 12, 15). Il grande mistero dell’unità si realizza quindi in colui che è unito a Cristo e fa un tutt’uno con Lui.

Tuttavia il peccato ci impedisce di vivere realmente il mistero dell’unità ontologica di tutta l’umanità e di conoscere l’uomo così com’è. Il peccato, soprattutto quando si ripete e diventa passione, sfigura l’uomo, lo degrada e infine lo distrugge. Il peccato rompe o falsifica la comunione con gli altri e rinchiude l’uomo in se stesso, in un universo irreale, menzognero. L’uomo egoista, schiavo del denaro e dei piaceri di questa vita, trasforma anche gli altri in oggetti o mezzi per soddisfare i propri interessi. E questo appunto perché l’uomo non cerca più Dio, dimentica Dio o si mette lui stesso al posto di Dio. Che è l’estrema follia !

In opposizione all’opera dello Spirito che è la realizzazione dell’unità e dell’armonia interiore, l’opera del diavolo, « padre della menzogna » (ed ogni peccato è una menzogna, una irrealtà che si crede reale, una falsa meta) è proprio distruggere ogni unità, seminare la discordia, il turbamento. Così il cuore, in cui si ricapitolano tutte le potenze psicofisiche dell’essere umano, scoppia e si disperde ; non trova più la pace e non è più capace di sperimentare l’amore che lo lega a tutta l’umanità.

Questo è il motivo per cui tutta la vita cristiana è una lotta per purificare il cuore da ogni passione, affinché la grazia possa agire in tutta libertà e realizzare in noi l’unità interiore sinonimo di santità. E’ prima di tutto una lotta per la preghiera. Perché pregare non è sempre facile, proprio a causa della dispersione del nostro spirito preso dalle preoccupazioni di questo mondo. Facciamo spesso l’esperienza disgraziata della dispersione dello spirito durante la preghiera, e ciò impedisce all’intelletto di scendere nel cuore. Non dimentichiamo che lo spirito o l’intelletto (il nous) è un’energia del cuore, e che trova riposo solamente quando « scende nel cuore » mediante la preghiera. Una preghiera puramente intellettuale, che non impegna il cuore per diventare progressivamente una « preghiera del cuore », resta una preghiera superficiale. Una tale preghiera non ha la forza di trasformare l’uomo, di pacificare il suo cuore, di renderlo sensibile per sentire gli altri vivere in lui.

Anche la lotta dell’ascesi è legata alla preghiera, perché nessuno può pregare con il ventre pieno, dicono i Padri. Bisogna digiunare, bisogna condurre una vita sobria in tutto, per avere la buona disposizione di pregare. Altrimenti lo spirito si disperde nelle cose esteriori e si attacca ad esse, o scende nei sensi e accende le passioni carnali.

Anche lottare contro le cattive passioni che ci assalgono senza sosta fa parte del combattimento per la purificazione del cuore. L’apostolo Paolo ci esorta a lottare contro le nostre passioni fino al sangue. « Non avete ancora resistito fino al sangue nella vostra lotta contro il peccato»  (Ebrei, 12,4). Così la lotta ascetica, sostenuta dalla grazia, per la preghiera e la purificazione del cuore da ogni passione cattiva è assolutamente necessaria per ritrovare la libertà interiore e l’unità con i nostri fratelli e sorelle nell’umanità.

Possiamo concludere tornando al titolo di questa tavola rotonda: colui che cerca Dio, trova l’uomo, colui che è unito a Dio è unito anche all’uomo, ad ogni uomo. Non c’è vera comunione tra gli uomini, se non c’è comunione con Dio che è Amore e fonte d’amore per gli uomini. Solo i cuori purificati dalla grazia e dall’ascesi diventano una cosa sola con l’umanità intera e prendono su di sé le gioie e le sofferenze di tutti gli uomini.

Messaggio del papa per l'Incontro di Sarajevo
Benedetto XVI

Programma Italiano
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
6 Febbraio 2018

Gli auguri del pastore valdese Bernardini per i 50 anni di Sant'Egidio: continuiamo insieme per la pace, la giustizia, i corridoi umanitari

IT | HU
31 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

La Comunità di Sant’Egidio ricorda il prof. Joachim Gnilka scomparso a Monaco all’età di 90 anni.

IT | DE
28 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

'Il piatto più buono è quelllo dell'amicizia': lo offre Sant'Egidio a tanti amici nelle periferie di Monaco di Baviera


Visita di Marco Impagliazzo alla Scuola della Pace e alla mensa
IT | DE
24 Gennaio 2018
ROMA, ITALIA

'La potenza della Chiesa di Gesù è una forza disarmata che ferma il male' La predicazione del pastore Paolo Ricca per la Settimana dell'Unità tra i cristiani

IT | FR | HU
24 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

La Chiesa è il popolo dell'attesa. Meditazione del pastore valdese Paolo Ricca


alla preghiera della Comunità di Sant'Egidio in Santa Maria in Trastevere. Testo e podcast
18 Ottobre 2017

A un mese dall'Incontro delle religioni a Münster, le Strade di Pace hanno attraversato 4 continenti


Nella foto l'evento a Blantyre, Malawi. Guarda foto e video di tutti gli altri
IT | ES | DE | FR | RU
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
7 Febbraio 2018

50 anni di Sant'Egidio: la gioia del Vangelo da Roma alle periferie del mondo


La Comunità compie 50 anni. Una storia cominciata il 7 febbraio 1968 a Roma da Andrea Riccardi con un piccolo gruppo di liceali che volevano cambiare il mondo...
IT | DE | PT
7 Febbraio 2018

'Un aspetto chiave di Sant'Egidio è la sua dedizione al dialogo' Da Yad Vashem, il Memoriale dell'Olocausto a Gerusalemme, gli auguri per il 50mo

IT | DE
7 Febbraio 2018

'Vi auguro di continuare la vostra missione per la pace': Ahmad Al-Tayyeb, Grande Imam di Al-Azhar, per i 50 anni di Sant'Egidio

IT | DE

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
23 Febbraio 2018
Domradio.de
"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"
1 Febbraio 2018
SIR
50° Comunità Sant’Egidio: Hilarion (Patriarcato di Mosca), “la nostra una collaborazione che ha dato tanti buoni frutti”
30 Gennaio 2018
Vaticannews
Corridoi umanitari: la collaborazione ecumenica via della speranza
26 Gennaio 2018
POW - Pressestelle des Ordinariates Würzburg
Angst und Lethargie überwinden
15 Gennaio 2018
Roma sette
Ecumenismo, in processione con anglicani, luterani e ortodossi
tutta la rassegna stampa correlata

LIBRI
Andrea Riccardi - Tutto può cambiare



San Paolo
altri libri

17/01/2019
Preghiera per la Chiesa

Preghiera ogni giorno


COME SEGUIRE L'EVENTO
Sarajevo 2012

Si Ringrazia