change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
15 Settembre 2016

Il breviario di padre Hamel tra le memorie dei martiri ci dice che la fraternità è il nostro cammino

Le parole di Andrea Riccardi e l'omelia del vescovo di Rouen, mons. Lebrun nella celebrazione per la consegna del breviario di padre Jacques Hamel a San Bartolomeo all'Isola

 
versione stampabile

Sarà conservato a Roma nella Basilica di San Bartolomeo all'Isola, la chiesa di Roma dedicata ai "nuovi martiri", il breviario di padre Jacques Hamel, il sacerdote ucciso nella sua chiesa nei pressi di Rouen in un attacco terroristico lo scorso 26 luglio. La reliquia è stata consegnata ieri nel corso di una commovente celebrazione, presieduta dal vescovo di Rouen, mons. Lebrun e dei familiari di padre Jacques.   

Il saluto di Andrea Riccardi:

 

E' con un misto di dolore e di gioia che noi accogliamo il grande dono che la Chiesa di Rouen fa a questa Basilica di San Bartolomeo dedicata a i nuovi amrtiri. Ritorna il dolore del barbaro attentato che ha colpito un ottuagenario sacerdote debole negli anni ma forte nella fede e nella dignità, il dolore per qualcosa di terribile. Ma anche allo stesso tempo la gioia di avere riscoperto la grandezza e la ricchezza della fede della Chiesa, della Chiesa di Rouen e della Chiesa di Francia, la dignità della reazione animata da pace e responsabilità del suo vescovo, la dignità dolente ma forte della famiglia e lo stringersi di tutto il Paese. Lasciatevi dire ancora il nostro dolore ma anche la nostra partecipe ammirazione.
Padre Hamel è un esempio, la sua vita va letta e capita e, credo, ispirerà molti giovani, non solo francesi ma al di là della Francia. Non aggiungo parole se non una gratitudine a voi tutti. Questa chiesa di San Bartolomeo che Giovanni Paolo II ha voluto dedicata ai nuovi martiri oggi accoglie il breviario di padre aHamel e vede come questi uomini e queste donne che sono stati colpiti nella loro debolezza oggi indicano al mondo una via di pace e alla Chiesa una via di fedeltà sino alla fine. Grazie.

L'omelia di mons. Dominique Lebrun, vescovo di Rouen.

“Donna ecco tuo figlio”. Chi sono i figli di una madre? Sono fratelli e sorelle. Con questa parola Gesù dichiara quello che compie sulla croce. La nuova fraternità. Non di un Padre sconosciuto, di un Padre rivelato da Gesù. Una fraternità nuova ma che si costruisce, che si riceve fin da questa terra, come figli di Maria, che sono i figli della stessa madre, fratelli e sorelle, che hanno un fratello maggiore, Gesù stesso. Nel mistero della croce si compie l'adozione, da parte di Cristo, di questa umanità che Dio, il suo Padre, gli ha consegnato nello stato di peccatori.

Non dimentichiamo che il primo assassinio della storia è quello di due fratelli, che hanno così spezzato il legame di fraternità, che con Cristo, con la sua morte, si ricostruisce, torna di nuovo.
Non è di scarso interesse ricordare che, nella storia dell'umanità, ci fu la possibilità giuridica di adottare un fratello o una sorella. Qualche traccia si trova nella vecchia Grecia, ma anche nell'impero romano. Ma la storia ci dice che questo sparisce: è sparito proprio all'epoca di Gesù. Esiste, per farmi capire, l'adozione giuridica quando dei genitori adottano un figlio o una figlia generati da altre persone, ma esiste anche una adozione spirituale, ma vera, da parte di Cristo. La fraternità è il nostro cammino. Siamo fieri, noi francesi, di avere questa parola in cima ai nostri stabilimenti, alle nostre scuole, ai nostri comuni. E anche, credo, nel nostro cuore: la fraternità. E sono felice che il nostro ambasciatore sia presente tra di noi, perché quello che portiamo, questo desiderio, questa grazia che ci è stata fatta da Gesù sulla croce non è solo per noi, è per tutti. Senza limiti. Perché viene dall'amore di Dio che è infinito.

 
Forse siamo diventati, o proviamo a diventare, fratelli, dimenticando il padre e la madre. Perché questa fraternità che è stata spezzata dalla morte, dall'assassinio, non possiamo viverla senza riceverla come una grazia. 
Oggi tra di noi ci sono le due sorelle di padre Jacques, nel nostro cuore c'è anche il fratello che non è potutto venire per motivi di salute. Sono scioccati, toccati da questa morte, ma portano una speranza. Vedono oggi in questa celebrazione, ma anche da tanti segni in tutto il mondo dopo l'attentato, che la nostra fraternità umana è ancora un piccolo segno di questa fraternità divina che ci è data. 
Si, padre Jacques, diventa un segno di fraternità universale, un fratello universale. 
Ringrazio la Comunità di Sant'Egidio perché non è solo custode di questo santuario, ma lo è perchè si è messa al servizio della fraternità universale tra i popoli e nelle nostre grandi città, dove il mondo vive, specialmente attraverso i migranti, i poveri. Grazie di accogliere questa reliquia che vi diamo con il cuore.
Posso confessare che quando me lo avete proposto, qualcosa dentro di me diceva: ma non è troppo presto? Dopo aver sentito il Papa ieri, penso che questo sentimento non era del tutto giusto. Forse questo sentimento nasceva nel mio piccolo cuore, perchè vorrei conservare ancora per noi il nostro padre Jacques. Forse lo stesso è per voi, la sua famiglia. Lo so, vi fa soffrire questo distaccarvi dal vostro fratello, ma egli ci è dato come segno di fraternità. E vogliamo prendere questa strada. E posso dire oggi anche con i nostri fratelli musulmani. Questo cammino già iniziato, da tempo, dal nostro beato Charles de Foucauld, dal santo Papa Giovanni Paolo II, che ha voluto riunire ad Assisi attorno alla figura di Francesco le religioni. Si, vogliamo intraprendere questo cammino di fraternità. Preghiamo perché sia possibile nel nostro cuore. Non è facile neanche per me, ve lo assicuro. Qualche volta mi prende la rabbia.
Avrò il coraggio di interrogare i miei amici musulmani su cosa significhi per loro questo gesto? Porterò la domanda di Papa Francesco di ieri mattina: sarebbe tanto bello che tutte le confessioni religiose dicano che uccidere nel nome di Dio è satanico. Cioè non corrisponde al cuore umano, è solo il segno di questi angeli ribelli, ma non vinceranno. In fondo non hanno vinto padre Jacques. Siamo qui, vivi, sul cammino della fraternità.
Coloro che hanno perpetrato questa violenza in qualche modo sono anch'essi condannati alla fraternità come cammino, al dialogo come espressione di amore, condannati come Gesù stesso è stato condannato, ma nessuno ha potuto mettere nel suo cuore odio, menzogne, orgoglio, nessuno.
Preghiamo il Signore, anche per l'intercessione di padre Jacques perché questa fraternità sia concreta, nelle nostre famiglie. Non è difficile vedere fratelli e sorelle che non si parlano più, non si capiscono più. Però, rimane, dentro il cuore, la determinazione di diventare fratelli. 
OGGETTI ASSOCIATI

 LEGGI ANCHE
• NEWS
1 Febbraio 2018

Dall'Argentina al Santuario dei martiri di San Bartolomeo, le memorie dei religiosi uccisi nel 1976

IT | ES | FR
29 Gennaio 2018
PARIGI, FRANCIA

Bienvenue! L'arrivo a Parigi di 40 profughi siriani grazie ai corridoi umanitari

IT | ES | DE | FR | CA | ID
11 Gennaio 2018

È online il nuovo sito della Basilica di San Bartolomeo all'Isola, santuario dei nuovi martiri del XX e XXI secolo

14 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

Preghiera in memoria di Annalena Tonelli: oggi la consegna della sua agenda al memoriale dei nuovi martiri a San Bartolomeo all'Isola

26 Novembre 2017
ROMA, ITALIA

Basilica di San Bartolomeo: Preghiera in memoria di Suor Veronika Theresia Ràckovà, la sua vita per i malati in Sud Sudan

24 Novembre 2017
PARIGI, FRANCIA

Nuovi arrivi in Francia con i #corridoiumanitari! Ieri accolte 5 famiglie dalla Siria

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
tutte le news
• STAMPA
1 Febbraio 2018
Roma sette

A San Bartolomeo all’Isola le memorie dei pallottini assassinati in Argentina nel ’76

29 Gennaio 2018
Avvenire

Corridoi umanitari. Italia, Francia, Belgio, Andorra: l'Europa che accoglie i siriani

26 Novembre 2017
SIR

Sant’Egidio: veglia di preghiera a San Bartolomeo per suor Veronika Theresia

9 Settembre 2017
Notizie Italia News

#Pathsofpeace: la responsabilità di aprire nuove vie di pace ...

9 Settembre 2017
Radio Vaticana

"Strade di pace": in Germania annuale appuntamento di Sant'Egidio

26 Agosto 2017
Avvenire

Barcellona. In 500mila contro il terrorismo. Fischiato il re Felipe VI

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

ASSISI 2016 - il programma in pdf

Predicazione di Mons. Vincenzo Paglia alla veglia di preghiera per la pace e in memoria delle vittime degli attacchi terroristici a Parigi

Omelia di S.E. Paul R. Gallagher per la commemorazione dei martiri contemporanei

Lista martiri ricordati alla veglia di preghiera della settimana Santa 2015

L'omelia di mons. Matteo Zuppi

Marco Impagliazzo

L'intervento del prof. Marco Impagliazzo

tutti i documenti

FOTO

206 visite

211 visite

245 visite

260 visite

223 visite
tutta i media correlati