change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
10 Luglio 2014 | LAMPEDUSA, ITALIA

"Grazie Dio che ci hai condotti in salvo". L'arrivo a Lampedusa di un gruppo di profughi dall'Africa e dalla Siria

Lo sbarco avvenuto durante il ricordo del 1° anniversario della visita di papa Francesco all'isola. Una delegazione di Sant'Egidio presente alle operazioni di prima accoglienza

 
versione stampabile

Una delle barche utilizzate dai profughi per la traversataUna delegazione della Comunità di Sant'Egidio si è recata due giorni fa a Lampedusa per le celebrazioni del primo anniversario della storica visita di papa Francesco all'isola. Durante i festeggiamenti alcuni barconi di migranti provenienti da Eritrea, Somalia, Nigeria e Siria sono giunti al Molo Favarolo. A differenza degli altri anni, dall'inizio dell'operazione Mare Nostrum gli arrivi di profughi a Lampedusa sono rari perchè le navi li accompagnano direttamente sulle coste della Sicilia.

All'arrivo a Lampedusa sono iniziate subito le operazioni di prima accoglienza, alle quali ha partecipato anche la delegazione di Sant'Egidio: distribuzione di acqua e di gelati e soprattutto stette di mano, sorrisi e pollice alzato per esprimere la gioia dell'essere salvi e il benvenuto in Italia.

"Ti ringraziamo Dio che ci hai condotto in salvo": gioia per essere sopravvissuti a un viaggio lungo e pericoloso, canti in tigrino e in inglese per ringraziare Dio della sua protezione sono stati il cuore di un momento di preghiera dei profughi insieme alla delegazione di Sant'Egidio, presenti anche il parroco di Lampedusa don Mimmo Zambito e padre Giovanni La Manna del Jesuit Refugee Service.
I migranti sono stati temporaneamente ospitati nel Centro di accoglienza di Contrada Imbriacola, attualmente in fase di ristrutturazione e solo parzialmente funzionante.

Nella delegazione di Sant'Egidio c'era anche T., un giovane eritreo sopravvissuto alla tragedia del 3 ottobre scorso nella quale persero la vita più di 360 persone. Quel giorno fu recuperato dalle acque e subito trasportato in elicottero in Sicilia perchè in gravi condizioni di salute.
Da allora non era mai tornato a Lampedusa. E' stato un momento doloroso ma anche l'occasione per cercare (era svenuto e non ricorda le fasi del salvataggio), abbracciare e ringraziare Costantino Baratta, il pescatore lampedusano che lo salvò traendolo dall'acqua del mare e portandolo in salvo sulla sua barca.

 

Questo ragazzo appena sbarcato si riposa accanto
all'unica cosa che ha portato con se: le piccole foto dei
suoi familiari che ha messo ad asciugare sul molo
Bambini appena giunti al Centro
di accoglienza di Contrada Imbriacola
 
T. insieme a Costantino Baratta,
il pescatore che gli ha salvato la vita lo scorso 3 ottobre

 LEGGI ANCHE
• NEWS
5 Febbraio 2018

Mediatori interculturali, fattore di integrazione in una società plurale: oggi consegna dei diplomi

IT | ID
30 Gennaio 2018
PARIGI, FRANCIA

Bienvenue! L'arrivo a Parigi di 40 profughi siriani grazie ai corridoi umanitari

IT | ES | DE | FR | CA | ID
15 Gennaio 2018

Papa Francesco traccia la differenza tra immigrazione e invasione: il commento di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

13 Gennaio 2018

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati: il messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2018

18 Dicembre 2017

Giornata Internazionale dei diritti dei migranti: per una cultura del dialogo, dell'accoglienza, dell'inclusione

IT | ES | DE | FR | CA
29 Novembre 2017

In partenza una nuova missione di Sant'Egidio nei campi dei rohingya in Bangladesh

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID | PL
tutte le news
• STAMPA
13 Marzo 2018
RP ONLINE

Flucht, Abi, Studium

21 Febbraio 2018
OnuItalia

Rohingya: la crisi nei colloqui di Sant’Egidio con la premier del Bangladesh

14 Febbraio 2018

Der Weg bleibt beschwerlich

8 Febbraio 2018
SIR

Migrazioni: Pompei (Comunità Sant’Egidio), “nuove modalità di ingresso in Italia più flessibili ed efficienti”

30 Gennaio 2018
La Vanguardia

Treinta sirios llegan a Italia con los llamados "corredores humanitarios"

29 Gennaio 2018
Agenzia Fides

Asia/Bangladesh - Una scuola per i bambini profughi Rohingya

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Comunità di Sant'Egidio

Cinque proposte sull’immigrazione

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Il grande viaggio





Leonardo International
tutti i libri

FOTO

444 visite

427 visite

442 visite

429 visite

1771 visite
tutta i media correlati