change language
vostè està en: home - recull de premsa newslettercom contactar-noslink

Ajuda la Comunitat

  
6 Març 2016

Il possibile intervento

No alla guerra. Si a una Libia unita

Il processo di creazione di un Governo libico è stato lentissimo. Ma è la direzione giusta

 
versió per imprimir

 Guerra alle porte per l'Italia in Libia? Alcuni lo auspicano per battere l'Isis e stabilizzare il Paese. Altri se lo aspettano. Noi lo temiamo, anche se siamo preoccupati per le infiltrazioni dell'Isis e per la frammentazione delle forze libiche. Ci ricordiamo dell'intervento italiano in Libia nel 2011, a seguito di Francia e Gran Bretagna. Bisognerebbe fare una seria autocritica per quell'azione avvenuta senza progetti sul futuro del Paese, con quelle decisioni internazionali a catena, in cui si è trascinati dalla logica «si deve essere presenti sul terreno, quando ci sono i nostri alleati» e «bisogna tutelare i nostri interessi» e via dicendo. In cinque anni la Libia si è frantumata. Ci si augura che il nuovo Governo riesca a innescare un processo di ricomposizione. Su questo bisogna continuare a lavorare.

Alcuni ritengono che la Libia non si ricomporrà più e sarà necessario riconoscerne la divisione in tre aree: Tripolitania, Cirenaica e Fezzan. Possibile. Si ritornerebbe a una situazione simile a prima della conquista italiana nel 1911 ci vollero 100 mila soldati per battere i turchi e i libici: la conquista si fermò alla Tripolitania e alla zona costiera. Solo nel 1931 si completò l'occupazione italiana -con molta violenza - e quindi l'unificazione. La Libia unita è durata 80 anni: ora è un Paese diviso, ma che ancora aspira all'unità. Oggi l'infiltrazione dell'Isis è invocata per motivare l'impegno militare italiano.

Ci ricordiamo tutti della terribile esecuzione dei 21 cristiani copti d'Egitto: un messaggio agli europei con la minaccia anche di conquistare Roma. Certo, la Libia è vicina all'Italia. Si dice: avremo l'Isis sotto casa e non possiamo restare inerti. Non è detto però che la strada per colpire l'Italia sia la Libia.Speriamo non succeda mai. La presenza dell'Isis è un fatto inquietante e forse sarà all'origine di azioni mirate.

Si deve però stare attenti a ogni forma di guerra, che darebbe all'Isis uno statuto simmetrico ai nostri Paesi e che soprattutto gli varrebbe consensi in Libia. Finora l'Italia ha contribuito in modo determinante a far reggere l'embargo sulle armi pesanti in Libia. Il processo politico di creazione di un Governo libico, quanto più unitario, è stato di un'estenuante lentezza. È però la direzione giusta, cui non rinunciare. I libici debbono trovare una dimensione unitaria, con l'aiuto dell'Italia e degli altri Paesi. E sono loro a dover lottare per liberare il loro Paese dall'Isis e da altre presenze indesiderabili.


 LEA TAMBÉ
• NOTÍCIES
22 Desembre 2017
ROMA, ITÀLIA

El papa Francesc rep en audiència a Andrea Riccardi. Els corredors humanitaris i la pau centren la trobada

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID
totes les notícies
• ALLIBERAMENT
11 Febrer 2019
Vatican Insider

Riccardi: tra Italia e Vaticano c’è freddezza ma non rottura

22 Febrer 2018
Famiglia Cristiana

La preghiera sia un urlo contro le guerre

22 Febrer 2018
Br-Online

Interview mit Sant'Egidio Mitgründer Andrea Riccardi

21 Febrer 2018
Famiglia Cristiana

La rivoluzione dell'amore e della tenerezza, l'unica necessaria #santegidio50

21 Febrer 2018
Famiglia Cristiana

I 50 anni di Sant'Egidio. L'abbraccio.

20 Febrer 2018
Roma sette

Mattarella: «Sant’Egidio, esperienza “glocale” di convivenza civile»

tots els comunicats de premsa
• ESDEVENIMENTS
3 Desembre 2017

Incontro con Andrea Riccardi, oggi alle 12.15 e alle 20:30 a Soul, TV2000

TOTES LES REUNIONS DE PREGÀRIA per la PAU
• NO PENA DE MORT
10 Octubre 2017

Nella Giornata mondiale contro la pena di morte visitiamo i condannati più poveri in Africa

15 Abril 2017
ESTATS UNITS

Fermate le esecuzioni in Arkansas in seguito all'esposto di un'azienda farmaceutica

18 Febrer 2016
ROMA, ITÀLIA

IX Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia per un mondo senza pena di morte, il 22 febbraio a Roma

27 Octubre 2015
JAPÓ

Il supplizio di Iwao, da 47 anni nel braccio della morte

20 Octubre 2015
JAPÓ

Giustizia e diritti umani per una società senza pena di morte - #NoJusticewithoutlife in Giappone

10 Octubre 2015
ESTATS UNITS

La Comunità di Sant'Egidio lancia la prossima "Giornata Mondiale delle città per la vita"

5 Octubre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

12 Març 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

12 Març 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

9 Març 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

9 Març 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

9 Març 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

anar a cap pena de mort
• DOCUMENTS

Andrea Riccardi - Oriente y Occidente - Diálogos de civilización

tots els documents

FOTOS

1561 visites

1492 visites

1533 visites

1502 visites

1490 visites
tots els mitjans de comunicació afins