change language
you are in: home - press review newslettercontact uslink

Support the Community

  

Il Nuovo Giornale

May 22 2015

#FREE2PRAY", LIBERI DI PREGARE / L'invito della Cei per la solennità di Pentecoste

Non dimentichiamo i cristiani perseguitati

 
printable version

La Chiesa della Siria sta morendo piano piano. La maggior parte dei cristiani che ancora vivono nel Paese si trovano a Damasco, dove sentono un po' di sicurezza essendo la capitale ed ancora tra le mani del governo. I bisogni sono tanti ma proprio tanti. Proprio ieri mi ha chiamato un'amica chiedendomi un aiuto per una signora che ha un tumore al seno e deve essere operata: il costo non è tanto alto, 250 euro, ma non può affrontarlo".
Da una parte l'avanzata dello Stato islamico, dall'altra l'embargo che ha messo in ginocchio la popolazione: sono parole cariche di sofferenza quelle che da Damasco, Siria, arrivano da Samaan Daoud, volto noto ai piacentini. Ha accompagnato in tanti pellegrinaggi come guida i parrocchiani della Santissima Trinità ed è stato ospite nei mesi scorsi in città per fare il punto sulla situazione dello Stato mediorientale da quattro anni in preda alla guerra civile. Ora Samaan - sposato, due figli, studi dai Salesiani a Valdocco - si occupa con la ong Avsi di aiutare i connazionali nelle loro necessità materiali. Ci parla delle "Suore del Buon Pastore" che si adoperano per tutti, cristiani e non. Finora anche lui ha lottato, si è prodigato in progetti all'insegna dell'«aiutateci a restare». Ma adesso non nasconde la dura verità: la presenza cristiana in Siria è ormai dimezzata, in fuga dall'Is che guadagna posizioni ad Aleppo e nella zona della Mesopotamia (Al-Hasaka e Qamishli). "Insomma se chiedi a qualsiasi cristiano in Siria «cosa desideri di fare?», ti risponde: «Voglio andare via da qui»".
Un dramma ignorato
Siria. Ma anche Iraq, Nigeria, Repubblica Centrafricana, Somalia, Sudan, Corea del Nord, Pakistan, India e Cina. La persecuzione dei cristiani e delle minoranze religiose nel mondo sta conoscendo un'escalation. Eppure il silenzio - infranto da alcuni episodi eclatanti, come l'uccisione dei dodici cristiani copti da parte dei fanatici dell'Is divulgata con uno dei soliti video del terrore - continua ad avvolgere la tragedia quotidiana vissuta da milioni di persone i cui diritti fondamentali alla vita e alla libertà religiosa vengono sistematicamente violati.
"Questa situazione ci interroga profondamente e deve spingerci ad unirci, in Italia e nel mondo, in un grande gesto di preghiera a Dio e di vicinanza con questi nostri fratelli e sorelle": questa la motivazione che ha spinto la Conferenza episcopale italiana a dedicare la veglia di Pentecoste, sabato 23 maggio, alla preghiera per i martiri del nostro tempo.
A Piacenza il Vescovo ha diffuso un messaggio alle parrocchie, con un'intenzione di preghiera da utilizzare per le messe di domenica 24 maggio. A Piacenza si pregherà per i cristiani perseguitati alla Veglia di Pentecoste in S. Rita e San Raimondo; anche le comunità neocatecumenali vivranno la Veglia in cui pregheranno per i cristiani che soffrono persecuzione.
All'Asia la maglia nera
Il Rapporto sulla libertà religiosa di "Aiuto alla Chiesa che soffre" registra limitazioni a tale fondamentale diritto in 116 dei 196 Paesi presi in esame. I cristiani sono il gruppo religioso maggiormente perseguitato. Il primato negativo va all'Asia. Negli Stati in cui vi è una religione di maggioranza si riscontra un incremento del fondamentalismo, non solo islamico, ma anche indù e buddista, che porta il gruppo dominante a vessare le minoranze, imponendo la sharia o approvando norme restrittive, quali la legge antiblasfemia (pensiamo al caso di Asia Bibi in Pakistan, la donna accusata di aver offeso il Corano che è in cella da oltre cinque anni). In Africa preoccupa la crescita di Al Quaeda nel Maghreb, di Boko Haram e al Shabaab; i casi di intolleranza religiosa stanno aumentando in Egitto, Libia, Sudan. In 6 Paesi considerati ad "elevato grado di violazione della libertà religiosa" è l'azione di regimi autoritari a creare il terreno per la persecuzione: Azerbaigian, Birmania, Cina, Corea del Nord, Eritrea, Uzbekistan.
Il Rapporto non trascura nemmeno l'Occidente, rilevando la crescita dell'intolleranza religiosa e dell'«ateismo aggressivo» in Europa, che spesso si manifesta sul fronte del mancato diritto all'obiezione di coscienza. In America Latina gli ostacoli sono quasi sempre causati dalle politiche di regimi apertamente laicisti o atei, come quelli del Venezuela e dell'Ecuador.
Cosa fare?
Preghiera. Sensibilizzazione. Solidarietà. Le vie per aiutare i cristiani perseguitati non mancano. "Aiuto alla Chiesa che soffre" è impegnata a sostenere i rifugiati cristiani iracheni e sta lavorando a un centro che accolga in Nigeria chi scappa dai Boko Haram. Caritas Italiana collabora con Caritas in Iraq, Libano e Turchia. Fondazione Avsi prosegue nelle iniziative di accoglienza per i profughi siriani in Libano e Giordania. "#Aleppodeve vivere" è l'hastag lanciato dalla Comunità di Sant'Egidio per tenere desta l'attenzione sulla città martire in Siria, dove da millenni cristiani e musulmani vivevano in pace. L'appello è affinché la comunità internazionale predisponga corridoi umanitari e rifornimenti per i civili, tratti la fine dei combattimenti e crei una forza d'interposizione Onu, una sorta di "Aleppo città aperta". Ma, mentre il mondo nicchia, si continua a morire.


 ALSO READ
• NEWS
September 11 2017
MÜNSTER, GERMANY

At the meeting #pathsofpeace, the cry of pain of christian Syria is heard

IT | EN | ES | DE | NL | ID
February 27 2017
ROME, ITALY

Refugees, one year of humanitarian corridors celebrated today with a new arrival from Lebanon

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
January 30 2017
ROME, ITALY

Building bridges, not walls: 540 Syrian refugees saved through #humanitariancorridors!

IT | EN | ES | DE | FR | PT | RU
October 24 2016
ROME, ITALY

Welcome! They arrived right now from Lebanon and Syria throught he humanitarian corridors. PHOTO & VIDEO

IT | EN | ES | FR | PT | CA | RU
October 19 2016

Out of war, beyond the sea: the way of hope. WATCH!

IT | EN | ES | DE | PT
June 16 2016

Syria, Sant’Egidio: confidence and hope after the ceasefire in Aleppo

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU | HU
all news
• PRINT
February 26 2018
Roma sette

Congo e Sud Sudan, Gnavi: «La liberazione ha il nome di Gesù»

January 30 2018
La Vanguardia

Treinta sirios llegan a Italia con los llamados "corredores humanitarios"

January 30 2018
Avvenire

Corridoi umanitari. Italia, Francia, Belgio, Andorra: l'Europa che accoglie i siriani

January 30 2018
Il Sole 24 ore

Corridoi umanitari, a Fiumicino 30 profughi siriani dal Libano

January 30 2018
Vaticannews

Corridoi umanitari: la collaborazione ecumenica via della speranza

January 30 2018
La Repubblica

Trenta profughi siriani in Italia grazie ai corridoi umanitari

all press releases
• EVENTI
May 10 2017 | TURIN, ITALY

Conferenza sul martirio dei cristiani e il futuro della Siria

ALL MEETINGS OF PRAYER FOR PEACE
• DOCUMENTS

Christians in the middle east: What Future ?

all documents

PHOTOS

855 visits

986 visits

628 visits

687 visits

844 visits
all the related media