change language
sei in: home - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
22 Agosto 2013

La via aperta da Francesco al dialogo tra le religioni

Se il papa fa gli auguri ai fratelli islamici

 
versione stampabile

Ci voleva il modo di fare "caldo" di un Papa argentino per riprendere il dialogo con il mondo musulmano.
I ripetuti gesti di apertura e attenzione, il discorso di Lampedusa, gli auguri per il Ramadan firmati personalmente da papa Francesco, come già una volta aveva fatto Giovanni Paolo Il, fanno parte di uno stile che si sta facendo apprezzare anche dai più diffidenti. «Ho deciso di firmare io stesso questo tradizionale messaggio e di inviarvelo, cari amici, come espressione di stima e amicizia per tutti i musulmani, specialmente coloro che sono capi religiosi», ha spiegato il Papa.
Il gelo calato con papa Benedetto dopo il discorso di Ratisbona del 2006 e quello del gennaio del 2011 dopo l`attentato di capodanno ad Alessandria aveva cominciato a sciogliersi già all`indomani della nuova elezione. «Ci fa ben sperare il nome Francesco, grande esempio di santità e apertura con l`Oriente e con l`Islam, e la figura di Sant`Ignazio di Loyola, fondatore dell`ordine gesuita, che ci richiama a quel senso di aspirazione verso la conoscenza di Dio che è al cuore di ogni vera spiritualità», avevano dichiarato i musulmani italiani del Coreis. E mentre da oltreoceano arrivavano le testìmonìanze del segretario del Centro islamico della Repubblica argentina, Sumer Noufouri e dello sceicco Mohsen Ali, responsabile della Casa per la diffusione dell`Islam, anche í teologi di Al Azhar, la più importante istituzione sunnita, avevano aperto qualche spiraglio.
Già nella Messa di inizio pontificato, i tanti rappresentanti islamici, i diversi principi regnanti arabi, la presenza per la prima volta dopo mille anni - del patriarca di Costantinopoli, avevano dato il segno del ruolo che Francesco vuole avere nel dialogo interreligioso ed ecumenico. Un dialogo, ha invocato papa Francesco con il messaggio per la fine del Ramadan, «fatto di mutuo rispetto (...) Specialmente tra cristiani e musulmani, siamo chiamati a rispettare la religione dell`altro, i suoi insegnamenti, simboli e valori». Augurandosi, nell`Angelus della domenica successiva che «cristiani e musulmani si impegnino per promuovere il reciproco rispetto, specialmente attraverso l`educazione delle nuove generazioni».
«Con papa Francesco si è aperta una nuova stagione», sottolinea la Comunità di Sant`Egidio, da sempre impegnata a tenere vivo quello "spirito di Assisi", così sollecitato da Giovanni Paolo II con lo storico incontro del 1986 tra le religioni.
E nel solco di Francesco, il XXVII incontro sul dialogo promosso dalla Comunità, avrà per tema la possibilità di «convivere in modo responsabile». Quest`anno, dal 29 settembre al primo ottobre, a Roma, dopo la tappa dello scorso anno a Sarajevo, le religioni e le culture si confronteranno sul tema Il coraggio della speranza. «Come invita papa Francesco», dicono gli organizzatori, «il coraggio della speranza indica al mondo globalizzato la via del dialogo per un futuro di convivenza pacifica».

NEL SUO MESSAGGIO PER LA FINE DEL RAMADAN IL PONTEFICE HA INVITATO «CRISTIANI E MUSULMANI A RISPETTARE LA RELIGIONE DELL`ALTRO, I SIMBOLI, GLI INSEGNAMENTI, I VALORI». NELLO "SPIRITO Di ASSISI".


 LEGGI ANCHE
• NEWS
7 Febbraio 2018

'Vi auguro di continuare la vostra missione per la pace': Ahmad Al-Tayyeb, Grande Imam di Al-Azhar, per i 50 anni di Sant'Egidio

IT | DE
23 Gennaio 2018
PERU

La Comunità di Sant'Egidio di Lima agli incontri con papa Francesco in Perù

IT | ES | DE | FR | PT
19 Gennaio 2018
TORINO, ITALIA

Le periferie svuotate. Primo allarme di Francesco. Il commento di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

15 Gennaio 2018

Papa Francesco traccia la differenza tra immigrazione e invasione: il commento di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

13 Gennaio 2018

La Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato incoraggi l'Europa a promuovere e integrare - Seguire il modello dei corridoi umanitari

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
13 Gennaio 2018

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati: il messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2018

tutte le news
• STAMPA
21 Febbraio 2018
Vatican Insider

Sant’Egidio si unisce alla Giornata di digiuno per Congo e Sud Sudan indetta dal Papa

21 Febbraio 2018
SIR

Giornata preghiera e digiuno: Comunità di Sant’Egidio, adesione all’invito del Papa. Veglia nella basilica di Santa Maria in Trastevere a Roma e in molte città italiane

17 Febbraio 2018
Corriere della Sera

Dal palazzo alla tenda.Il cristianesimo in cammino

9 Febbraio 2018
Vaticannews

Spadaro: la geopolitica di Francesco è fondata sulla misericordia

8 Febbraio 2018
Avvenire

Il sociologo Bauman al Papa: «Sei la luce in fondo al tunnel» La testimonianza di Riccardi

8 Febbraio 2018
SIR

Papa Francesco: Riccardi (Sant’Egidio), la sua è una politica dei rammendi

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
4 Ottobre 2015
STATI UNITI

Il Governatore del Missouri commuta la condanna di Kimber Edwards

24 Settembre 2015
STATI UNITI

Papa Francesco al Congresso Usa: “Abolite la pena di morte. La vita è sacra!"

25 Marzo 2015
GIAPPONE

Messaggio a 1 anno dalla liberazione di Iwao Hakamada

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Intervista a Papa Francesco in occasione del viaggio apostolico in Svezia

ASSISI 2016 - il programma in pdf

Ahmad Al Tayyeb - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà - Parigi 2016

Speech of Ahmad Al-Tayyeb, Grand Imam of Al Azhar at "East and West: dialogues between civilizations" (Arabic)

Intervento di Jaime Aguilar, della Comunità di Sant'Egidio di San Salvador

Intervento di Francesca, adolescente romana, durante la visita di Papa Francesco alla Comunità di Sant'Egidio

tutti i documenti
• LIBRI

Uno sguardo su Cuba. L'inizio del dialogo





Francesco Mondadori
tutti i libri

FOTO

242 visite

144 visite

202 visite

184 visite

123 visite
tutta i media correlati