change language
sei in: home - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
26 Luglio 2017

Francesco: padre Jacques fa parte dei martiri

 
versione stampabile

«Oggi ci sono cristiani assassinati, torturati, carcerati, sgozzati perché non rinnegano Gesù Cristo, e padre Jacques Hamel fa parte di questa catena di martiri». Casa Santa Marta, Messa mattutina del 14 settembre 2016, festa liturgica dell'Esaltazione della Santa Croce. È con queste parole che papa Francesco aveva dipinto la figura del sacerdote francese barbaramente sgozzato il precedente 26 luglio da due giovani fondamentalisti islamici. Lo aveva fatto durante una celebrazione di suffragio alla presenza di una delegazione della diocesi di Rouen, guidata dal vescovo Dominique Lebrun, con la sorella della vittima, Roseline. Sull'altare, appoggiata ai due ceri, c'era la foto di don Hamel, che il Papa nella breve omelia non aveva esitato a chiamare «martire» e dunque «beato». Non solo, come aveva riferito ai giornalisti lo stesso monsignor Lebrun, alla fine della Messa il Pontefice, proprio in riferimento alla foto di padre Hamel collocata sull'altare, gli aveva detto: «Esponi
questa foto, perché lui è beato adesso. E se qualcuno ti dice che non puoi, rispondi che ti ha autorizzato il Papa». Il 12 ottobre successivo Lebrun annunciava ai fedeli che il Pontefice aveva concesso la dispensa per iniziare il processo di beatificazione senza aspettare i 5 anni canonici dalla morte come prevedono le norme vigenti.
Papa Francesco è rimasto impressionato fin da subito dalla figura di don Hamel. Fin dal giorno stesso della sua uccisione quando si disse «particolarmente scosso» per l'ennesimo tragico episodio di violenza terroristica, in un messaggio a firma del cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin. Il giorno dopo poi, era il 27 luglio, parlando sul volo che lo ha portato a Cracovia per la Gmg papa Francesco aveva voluto specificare che la crudele uccisione di padre Jacques era un atto che si inserisce nella guerra mondiale «a pezzi» in corso. Una "guerra" che però non è «una guerra di religione». Perché «tutte le religioni vogliamo la pace», mentre «la guerra la vogliono gli altri». Papa Francesco aveva quindi ringraziato coloro che avevano espresso le condoglianze per l'uccisione di padre Hamel, e «in modo speciale» il presidente François Hollande che «che ha voluto collegarsi con me telefonicamente, come un fratello». «Quando io parlo di guerra, - aveva quindi insistito -parlo di guerra sul serio, non di guerra di religione: no. C'è guerra di interessi, c'è guerra per i soldi, c'è guerra per le risorse della natura, c'è guerra per il dominio dei popoli: questa è la guerra. Qualcuno può pensare: "Sta parlando di guerra di religione". No. Tutte le religioni vogliamo la pace. La guerra la vogliono gli altri. Capito?».
Papa Francesco infine aveva ricordato la figura di don Hamel lo scorso 22 aprile, quando nella Basilica di San Bartolomeo all'Isola Tiberina di Roma aveva presieduto la Liturgia della Parola in memoria dei "Nuovi Martiri" del XX e XXI secolo con la Comunità di 
Sant'Egidio. Nella chiesa, che conserva il breviario di padre Jacques, il Pontefice aveva abbracciato Roseline Hamel che aveva portato una commossa testimonianza sul fratello trucidato


 LEGGI ANCHE
• NEWS
2 Febbraio 2018

Dall'Argentina al Santuario dei martiri di San Bartolomeo, le memorie dei religiosi uccisi nel 1976

IT | ES | FR
30 Gennaio 2018
PARIGI, FRANCIA

Bienvenue! L'arrivo a Parigi di 40 profughi siriani grazie ai corridoi umanitari

IT | ES | DE | FR | CA | ID
23 Gennaio 2018
PERU

La Comunità di Sant'Egidio di Lima agli incontri con papa Francesco in Perù

IT | ES | DE | FR | PT
19 Gennaio 2018
TORINO, ITALIA

Le periferie svuotate. Primo allarme di Francesco. Il commento di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

15 Gennaio 2018

Papa Francesco traccia la differenza tra immigrazione e invasione: il commento di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

13 Gennaio 2018

La Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato incoraggi l'Europa a promuovere e integrare - Seguire il modello dei corridoi umanitari

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
tutte le news
• STAMPA
21 Febbraio 2018
Vatican Insider

Sant’Egidio si unisce alla Giornata di digiuno per Congo e Sud Sudan indetta dal Papa

21 Febbraio 2018
SIR

Giornata preghiera e digiuno: Comunità di Sant’Egidio, adesione all’invito del Papa. Veglia nella basilica di Santa Maria in Trastevere a Roma e in molte città italiane

17 Febbraio 2018
Corriere della Sera

Dal palazzo alla tenda.Il cristianesimo in cammino

9 Febbraio 2018
Vaticannews

Spadaro: la geopolitica di Francesco è fondata sulla misericordia

8 Febbraio 2018
Avvenire

Il sociologo Bauman al Papa: «Sei la luce in fondo al tunnel» La testimonianza di Riccardi

8 Febbraio 2018
SIR

Papa Francesco: Riccardi (Sant’Egidio), la sua è una politica dei rammendi

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
4 Ottobre 2015
STATI UNITI

Il Governatore del Missouri commuta la condanna di Kimber Edwards

24 Settembre 2015
STATI UNITI

Papa Francesco al Congresso Usa: “Abolite la pena di morte. La vita è sacra!"

25 Marzo 2015
GIAPPONE

Messaggio a 1 anno dalla liberazione di Iwao Hakamada

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Intervista a Papa Francesco in occasione del viaggio apostolico in Svezia

Omelia di S.E. Paul R. Gallagher per la commemorazione dei martiri contemporanei

Lista martiri ricordati alla veglia di preghiera della settimana Santa 2015

Intervento di Jaime Aguilar, della Comunità di Sant'Egidio di San Salvador

Intervento di Branislav Savic durante la visita di Papa Francesco alla Comunità di Sant'Egidio

Intervento di Francesca, adolescente romana, durante la visita di Papa Francesco alla Comunità di Sant'Egidio

tutti i documenti

FOTO

149 visite

245 visite

284 visite

153 visite

234 visite
tutta i media correlati