change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
9 Ottobre 2012 | GENOVA, ITALIA

"Vivere insieme è il nostro presente": Genova accoglie i suoi immigrati

Più di 200 ricevono gli attestati della Scuola di lingua e cultura italiana della Comunità di Sant’Egidio. E gli universitari organizzano la “festa del diploma”

 
versione stampabile

Tante autorità alla consegna degli attestati della Scuola di lingua e cultura italiana della Comunità di Sant’Egidio. E gli universitari organizzano la “festa di diploma”«Comunicare è un bisogno primario: abbiamo bisogno di imparare a vivere insieme come abbiamo bisogno del pane. Convivere è il nostro futuro e oggi iniziamo a vederlo realizzato». Sono state parole molto commoventi quelle che hanno accompagnato la cerimonia di consegna degli attestati della Scuola di lingua e cultura italiana della Comunità di Sant’Egidio a Genova, sabato 6 ottobre. Le parole delle autorità, quelle dei maestri, ma soprattutto quelle degli studenti che hanno voluto affermare la gratitudine di chi, come spiega Abdu, che ha quindici anni ed è arrivato in Italia un anno fa dal Senegal: «pensava di trovare dei maestri e ha scoperto dei fratelli».

La cerimonia si è tenuta in uno dei luoghi più prestigiosi della città, la Sala del Minor Consiglio di Palazzo Ducale «la casa della cultura di tutti i cittadini – ha spiegato Luca Tante autorità alla consegna degli attestati della Scuola di lingua e cultura italiana della Comunità di Sant’Egidio. E gli universitari organizzano la “festa di diploma”Borzani, il presidente della Fondazione per la cultura che ha sede nel palazzo – quindi anche di questi studenti che provengono da paesi lontani». Circa duecento attestati sono stati consegnati ad altrettanti uomini e donne provenienti da una trentina di paesi: dal Marocco al Bangladesh, dal Senegal all’Equador e all’Ucraina. Alla cerimonia erano presenti Fernanda Contri, giudice emerito della Corte Costituzionale, Sara Pagano, direttore dell’Ufficio scolastico provinciale di Genova, l’assessore alla Legalità e ai Diritti del Comune di Genova Elena Fiorini. Insieme a loro è intervenuto anche Marco Allegretti, dirigente dell’Ufficio immigrazione della Questura di Genova.

GUARDA IL VIDEO SU YOUTUBE

L’insegnamento della lingua italiana – è stato sottolineato nella prima parte della cerimonia - è un passo importantissimo sulla via dell'integrazione quale strumento
Tante autorità alla consegna degli attestati della Scuola di lingua e cultura italiana della Comunità di Sant’Egidio. E gli universitari organizzano la “festa di diploma”essenziale per comunicare e comprendere la cultura del paese ospitante. Oggi le scuole, cresciute nei diversi quartieri, sono sempre più scuole di convivenza, dove si può costruire insieme un futuro diverso, rispondendo non soltanto al bisogno di istruzione ma contribuendo soprattutto alla costruzione di un tessuto umano, giusto e solidale.

A Genova le Scuole gratuite di italiano sono tre: una nel Centro storico della città (attiva da 26 anni) e due nel quartiere di Sampierdarena, dove la presenza immigrata è molto alta. Una scuola, in particolare è dedicata ad alunni più giovani, la maggioranza dei quali minorenni non accompagnati che risiedono in strutture. Durante l’anno scolastico 2011/2012 sono stati settecento gli studenti che hanno frequentato i corsi. Di questi, più di un terzo è arrivato all’esame finale e Tante autorità alla consegna degli attestati della Scuola di lingua e cultura italiana della Comunità di Sant’Egidio. E gli universitari organizzano la “festa di diploma”una quarantina hanno conseguito la Certificazione di conoscenza della lingua italiana (CELI) conferita dall’Università per stranieri di Perugia.

La giornata non si è conclusa con la cerimonia al Palazzo Ducale ma, come sempre avviene dopo il conseguimento di un diploma, è proseguita con una grande festa organizzata dagli studenti del movimento “Università solidale” che raccoglie i giovani della Comunità di Sant’Egidio. Cibo etnico preparato dai giovani universitari, giochi, musiche e balli scatenati. «Chi studia – spiega Simone, studente di Ingegneria – lo fa perché desidera migliorare il futuro suo e della società. Ma per noi il primo passo per costruire il futuro è imparare l’arte di vivere insieme».


 LEGGI ANCHE
• NEWS
5 Febbraio 2018

Mediatori interculturali, fattore di integrazione in una società plurale: oggi consegna dei diplomi

IT | ID
30 Gennaio 2018
PARIGI, FRANCIA

Bienvenue! L'arrivo a Parigi di 40 profughi siriani grazie ai corridoi umanitari

IT | ES | DE | FR | CA | ID
15 Gennaio 2018

Papa Francesco traccia la differenza tra immigrazione e invasione: il commento di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

13 Gennaio 2018

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati: il messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2018

28 Novembre 2017

Profughi, corridoi umanitari: giovedì il primo arrivo dall'Africa

IT | ES | CA
25 Novembre 2017
PARIGI, FRANCIA

Nuovi arrivi in Francia con i #corridoiumanitari! Ieri accolte 5 famiglie dalla Siria

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
tutte le news
• STAMPA
13 Marzo 2018
RP ONLINE

Flucht, Abi, Studium

20 Febbraio 2018
Avvenire

La Comunità, nei volti, nei luoghi

8 Febbraio 2018
SIR

Migrazioni: Pompei (Comunità Sant’Egidio), “nuove modalità di ingresso in Italia più flessibili ed efficienti”

5 Febbraio 2018
SIR

Immigrazione: Comunità Sant’Egidio, oggi anche la ministra Fedeli alla consegna dei diplomi per mediatori interculturali

15 Gennaio 2018
Corriere della Sera

Andrea Riccardi. Francesco traccia la differenza tra immigrazione e invasione

30 Novembre 2017
Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Europa e giovani migranti, il futuro va creato in Africa

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

Cinque proposte sull’immigrazione

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Dopo la paura, la speranza





San Paolo
tutti i libri

FOTO

1373 visite

1325 visite

1342 visite

1387 visite

1426 visite
tutta i media correlati