change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - antwerp ...e future newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
Peace is the future

 
versione stampabile
9 Settembre 2014 09:30 | Auditorium Elzenveld

Intervento

Sjirk Van Der Zee


Pastore protestante, Olanda
Chi opprime il povero offende il suo creatore,
chi ha pietà del misero lo onora.(Pr 14,31)
 
Al primo incontro interreligioso della storia parteciparono solo due persone: Mosè e il Faraone. Oggi siamo più di 300, e mi auguro che questa conferenza apra nuove prospettive e termini con speranze maggiori rispetto a quel primo incontro.
Il Faraone infatti, alla domanda postagli da Mosè su ordine del Signore, il Dio di Israele, che gli aveva comandato: «Lascia partire il mio popolo», rispose: «Chi è il Signore, perché io debba ascoltare la sua voce per lasciar partire Israele? Non conosco il Signore». Mosè e Aronne allora replicarono: «Il Dio degli Ebrei si è presentato a noi. Dunque, Faraone, ora tu sai chi è il Signore» (Es 5, 2 e 5,3).
Il Dio degli Ebrei è il Dio della libertà, della giustizia e della pace.
Ascolteremo quindi innanzitutto la voce dei suoi profeti. I profeti dell’antico Israele furono i primi a pensare in maniera globale, a conoscere un Dio che trascendeva la dimora del suo popolo e le frontiere nazionali. Vedevano il genere umano come un’unica comunità morale, tenuta insieme da un’alleanza di reciproca responsabilità (l’alleanza con Noè dopo il diluvio). Essi furono anche i primi a concepire la società come un luogo in cui «Piuttosto scorra come acqua il diritto e la giustizia come un torrente perenne» (Amos 5,24) e a profetizzare un futuro in cui non ci sarebbe stata più la guerra e i popoli avrebbero vissuto in pace tra di loro.
Le cose che turbavano profondamente i profeti, oggi avvengono all’ordine del giorno in ogni parte del mondo. Non c’è società per la quale le parole del profeta Amos non siano valide:
«Ascoltate questo, voi che calpestate il povero,
e sterminate gli umili del paese,
voi che dite: "Quando sarà passato il novilunio
e si potrà vendere il grano?
E il sabato, perché si possa smerciare il frumento,
diminuendo le misure e aumentando il siclo
e usando bilance false,
per comprare con denaro gli indigenti
e il povero per un paio di sandali?
Venderemo anche lo scarto del grano» (Amos 8, 4-6)
 
Il profeta è un uomo che ha una percezione profonda della responsabilità che Dio ha posto sulla sua anima (Amos 8, 4-6) e noi dobbiamo, tanto per cominciare, vivere questo stesso sentimento, questa stessa responsabilità durante questa conferenza. Egli è chino e sbalordito davanti all’estrema cupidigia dell’uomo. L’agonia dell’uomo è terribile, nessuna voce umana può renderne appieno il terrore. La profezia è la voce che Dio ha donato a questa silenziosa agonia, una voce per il povero calpestato, per le ricchezze del mondo profanate. È in un certo senso una specie di vita, un punto di frontiera tra Dio e l’uomo. Dio esprime tutta la sua ira attraverso le parole del profeta.
 
PATHOS.
I profeti non avevano una teoria né una “idea” di Dio: ne avevano una VISIONE. Per i profeti Dio era reale in modo sconvolgente e straordinariamente presente. Non ci hanno lasciato una dissertazione sulla natura di Dio, ma piuttosto una descrizione dell’idea che Dio ha dell’uomo e della sua preoccupazione per lui.
Dio può essere scosso nel profondo. Non ha soltanto intelligenza e volontà, ma anche pathos, inteso come viva attenzione e forte impegno verso il mondo esterno. Il pathos è una reazione alla storia dell’umanità, un atteggiamento generato dal comportamento umano.
Mai nella storia l’uomo è stato preso così seriamente in considerazione come nel pensiero dei profeti. L’uomo non è solamente l’immagine di Dio: è la sua eterna preoccupazione. L’idea del pathos aggiunge una nuova dimensione all’esistenza umana. Qualsiasi cosa l’uomo faccia, non ha una ricaduta soltanto sulla sua vita, ma anche sulla vita di Dio, poiché questa è rivolta verso l’uomo.
L’importanza dell’uomo lo innalza oltre il livello di semplice essere vivente. Egli è un compagno, un partner, un fattore nella vita di Dio. 
 
MISHPAT E TSEDAKAH – GIUSTIZIA E RETTITUDINE
La giustizia è una modalità di azione, la rettitudine è una qualità della persona. La rettitudine va oltre la giustizia: la giustizia è rigida ed esatta nel dare a ciascuno quanto dovuto; la rettitudine implica benevolenza, affabilità, generosità. Sarebbe sbagliato pensare che ci sia una dicotomia tra misphat e gentilezza: «La giustizia non era una giustizia indifferente ma con una predilezione in favore dei poveri. La giustizia tendeva sempre alla misericordia verso l’orfano e la vedova».
La giustizia divina implica la misericordia e la compassione di Dio.
«Eppure il Signore aspetta per farvi grazia, 
per questo sorge per aver pietà di voi,
 perché un Dio giusto è il Signore;
 beati coloro che sperano in lui!» (Is 30,18)
 
La giustizia muore quando è disumanizzata, non importa in che modo venga esercitata. La giustizia muore quando è divinizzata, perché al di là di ogni giustizia c’è la compassione di Dio. La logica della giustizia può sembrare impersonale, in realtà la preoccupazione per la giustizia è un atto di amore.
 
 
NESSUNA RELIGIONE E’ UN’ISOLA
 
Le religioni del mondo non sono autosufficienti, indipendenti o isolate più di quanto non lo siano gli individui o le nazioni. Le energie, le esperienze e le idee che nascono al di fuori dei limiti di una o di tutte le religioni continuano a porre sfide e a ripercuotersi su ognuna di esse. 
C’è un movimento ecumenico, diffuso e influente a livello globale: il nichilismo. 
Dobbiamo scegliere tra l’interconfessionalità e l’internichilismo. 
Le religioni dovrebbero forse continuare a illudersi del loro completo isolamento?
Dovremmo rifiutarci di avere rapporti di dialogo tra noi e sperare l’uno nel fallimento dell’altro? Oppure, al contrario, dovremmo pregare ognuno per l’altrui benessere e aiutarci reciprocamente a preservare sia le nostre rispettive eredità che un’eredità comune?
Lo scopo della cooperazione interreligiosa non è adularsi o confutarsi l’un l’altro, ma AIUTARSI, condividere idee e saperi, cooperare in imprese accademiche ad altissimo livello e, cosa ancor più importante, cercare nelle terre ancora incontaminate nuove fonti di devozione, tesori di quiete, la forza dell’amore e dell’interesse per l’uomo. Abbiamo urgentemente bisogno di trovare modi per aiutarci a vicenda nella difficile situazione di oggi, attraverso il coraggio di credere che la parola di Dio dura per sempre così come qui e ora, di cooperare per una rinascita della sensibilità e un risveglio delle coscienze, di mantenere accese le scintille del divino nelle nostre anime, di nutrire un’apertura alle diverse tradizioni e allo spirito dei Salmi, il rispetto per le parole dei profeti e la fedeltà a Gesù Cristo, nostro Signore e DIO VIVENTE.
 
 
 
LA PREGHIERA SALVA IL MONDO (???)
La preghiera è il privilegio più grande che abbiamo. Pregare è fondare la nostra stessa esistenza, il nostro diritto a vivere sulla verità e sull’importanza suprema di ciò per cui preghiamo. La preghiera è dunque un impegno radicale, un coinvolgimento pericoloso nella vita di Dio. Pregare è sovversivo e rivoluzionario. In questa consapevolezza, noi preghiamo…
Perché sappiamo: sappiamo che l’io non è il fulcro ma il raggio della ruota in movimento della storia. 
Dio è il fulcro: la coscienza di noi stessi non è che un mero raggio, una sottile consapevolezza di vivere come oggetti dell’interesse di Dio.
La caratteristica principale del pensiero profetico è la supremazia del coinvolgimento di Dio nella storia. 
E noi sappiamo che c’è un tema ricorrente nella sinfonia incompiuta dell’umanità, un’impresa di cui non siamo mai all’altezza. 
Dio è presente ovunque gli uomini siano colpiti. Dove è presente Dio ora?
Non sappiamo come piangere, non sappiamo come pregare! La nostra coscienza è così timida, le nostre parole così indistinte, la nostra misericordia così flebile. O PADRE, abbi pietà di noi, aiutaci a vincere l’arroganza del potere.
Pregare, dunque, significa riportare Dio nel mondo, stabilire la sua sovranità, far prevalere la sua gloria. La preghiera ha una grande forza: adorare Dio infatti significa ampliare la sua presenza nel mondo. La via della preghiera passa attraverso atti di stupore e di meraviglia. 
La preghiera è un invito a Dio ad intervenire nelle nostre vite e a far prevalere la sua volontà nelle nostre vicende. 
Pregare significa partecipare al sogno di Dio di un mondo redento, della riconciliazione del cielo e della terra, di un’umanità veramente a sua immagine, che rifletta la sua saggezza, la sua giustizia e la sua compassione. Il sogno di Dio è di non rimanere solo, di avere l’umanità come compagna nel dramma di una creazione continua. Con qualsiasi nostra azione, con ogni nostro gesto, noi promuoviamo od ostacoliamo il dramma della redenzione, riduciamo o aumentiamo il potere del male.
PREGARE E’ L’UNICO MODO PER SALVARE IL MONDO!!!
 
Durante questa Conferenza, noi auspichiamo un’alleanza di pace, una riconciliazione.
 
«finché… la sua salvezza non risplenda come lampada» (Is 62,1)

 

PROGRAMMA
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

Segui l'evento in streaming


NEWS CORRELATE
31 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

La Comunità di Sant’Egidio ricorda il prof. Joachim Gnilka scomparso a Monaco all’età di 90 anni.

IT | DE
30 Gennaio 2018
BANGUI, REPUBBLICA CENTRAFRICANA

Chantal, Elodie e le altre: storie di bambini e non solo in cura con il programma DREAM a Bangui, capitale del Centrafrica

IT | ES | DE | FR | CA | NL
28 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

'Il piatto più buono è quelllo dell'amicizia': lo offre Sant'Egidio a tanti amici nelle periferie di Monaco di Baviera


Visita di Marco Impagliazzo alla Scuola della Pace e alla mensa
IT | DE
25 Gennaio 2018
ROMA, ITALIA

Centrafrica, il presidente Touadera a Sant'Egidio: prosegue il processo di pace, parte ora la nuova fase del disarmo

IT | ES | DE | FR | PT | CA | ID
24 Gennaio 2018
Comunicato Stampa

Centrafrica, domani il presidente in visita a Sant'Egidio: Colloqui sul processo di pace e incontro con la stampa

IT | PT
15 Gennaio 2018

'Fare Pace - la diplomazia di Sant'Egidio' è in libreria


Alla vigilia del 50mo, un libro per comprendere il lavoro per la pace di Sant'Egidio
IT | ES | DE | PT
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
7 Febbraio 2018

50 anni di Sant'Egidio: la gioia del Vangelo da Roma alle periferie del mondo


La Comunità compie 50 anni. Una storia cominciata il 7 febbraio 1968 a Roma da Andrea Riccardi con un piccolo gruppo di liceali che volevano cambiare il mondo...
IT | DE | PT
7 Febbraio 2018

'Un aspetto chiave di Sant'Egidio è la sua dedizione al dialogo' Da Yad Vashem, il Memoriale dell'Olocausto a Gerusalemme, gli auguri per il 50mo

IT | DE
7 Febbraio 2018

'Vi auguro di continuare la vostra missione per la pace': Ahmad Al-Tayyeb, Grande Imam di Al-Azhar, per i 50 anni di Sant'Egidio

IT | DE

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
26 Febbraio 2018
Roma sette
Congo e Sud Sudan, Gnavi: «La liberazione ha il nome di Gesù»
23 Febbraio 2018
Domradio.de
"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"
22 Febbraio 2018
Famiglia Cristiana
La preghiera sia un urlo contro le guerre
21 Febbraio 2018
SIR
Giornata preghiera e digiuno: Comunità di Sant’Egidio, adesione all’invito del Papa. Veglia nella basilica di Santa Maria in Trastevere a Roma e in molte città italiane
21 Febbraio 2018
Vatican Insider
Sant’Egidio si unisce alla Giornata di digiuno per Congo e Sud Sudan indetta dal Papa
tutta la rassegna stampa correlata