change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - antwerp ...e future newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
Peace is the future

 
versione stampabile
9 Settembre 2014 09:30 | Karel de Grote-Hogeschool, Campus Groenplaats, Aula Swaelen

Intervento


Elard Alumando


Comunità di Sant’Egidio, Malawi

La Comunità di Sant’Egidio in Malawy è nata nel gennaio del 1999, dopo il il bel congresso pan-africano di Zomba. È composta principalmente da giovani fra i 18 e i 40 anni. Sono giovani che vogliono vivere una vita di amicizia e solidarietà, nella speranza di un futuro migliore per tutti, giovani e vecchi, poveri e ricchi. Insieme per affrontare il futuro, speriamo di portare una nuova cultura nella società, la cultura dell’amore. 

Nella mia società aumenta la discriminazione nei confronti degli anziani. La società è cambiata con l’aumento dell’aspettativa di vita. Questo fatto è una benedizione per l’Africa, che però viene vissuta talvolta come una maledizione. Con tanti anziani diventa necessario un cambio di mentalità. Alla Comunità di Sant’Egidio ce ne siamo resi conto presto e abbiamo quindi organizzato la prima conferenza internazionale sugli anziani, proprio in Malawy. Abbiamo coinvolto i massimi esponenti, incluso il presidente, in modo da sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di politiche specifiche per il benessere degli anziani. Il risultato della conferenza è stato che il Parlamento ha cominciato la discussione di una legge sul benessere degli anziani, che potrebbe includere un fondo pensione. Un grazie alla Comunità per questo grande successo! 

I giovani sono oggi più individualisti, con l’idea globale di diventare più istruiti e indipendenti. È un cambiamento antropologico di grande rilevanza. Sotto questo aspetto l’Africa deve trovare il modo di creare una buona relazione fra le generazioni. Ricordo le parole dette da Papa Francesco a Santa Maria in Trastevere: "Un popolo che non protegge gli anziani, che non si prende cura dei giovani, è un popolo senza futuro, un popolo senza speranza. Perché i giovani - i bambini, i ragazzi - e i vecchi portano avanti la storia. I bambini, i ragazzi hanno la loro forza biologica. I vecchi portano la memoria. Quando una comunità perde la memoria è finita, è finita. È terribile vedere una comunità, un popolo, una cultura che ha perso la sua memoria."

L’Africa non è più quella che era negli anni passati. A questo sviluppo positivo e alla maggiore stabilità economica devono accompagnarsi nuove politiche e un nuovo ruolo del settore pubblico per affrontare le sfide poste dal cambiamento.

Permane una vecchia mentalità, un pregiudizio, incoerenti con il livello di istruzione raggiunto e con la comprensione dei problemi umani, che porta ad accusare i vecchi di stregoneria. È inaccettabile che dopo anni di duro lavoro e di tenacia profusi nella costruzione e lo sviluppo del nostro paese, un vecchio sia trattato in questo modo, quando la società dovrebbe invece apprezzarne il contributo al miglioramento dell’umanità e  delle condizioni di vita. Quello che non produce viene scartato. Dobbiamo contrastare questo pregiudizio.

Il nostro primo incontro con i poveri e specialmente con gli anziani ha portato gioia a ognuno di noi, è stato un rapporto a doppio senso. Myness Nyirenda ci ha detto:" Non mi sento più sola. Dio ha mandato i suoi angeli per accompagnarmi nel mio triste ritorno". Il suo è effettivamente un viaggio solitario nell’oscurità. Una vita in cui nessuno si cura di te, anzi ci si augura che tu muoia e smetta di dare fastidio. È un lungo viaggio nell’oscurità, perché Myness passa la maggior parte del tempo all’interno della casa, dove non c’è luce e i giorni passano senza che si veda il sole. La visita che le abbiamo fatto è stata per lei una visita degli angeli. Ha scoperto che i giovani possono anche essere rispettosi degli anziani, che parole gentili e amorose possono venire da quei giovani che ha sempre avuto paura di incontrare. 

Eppure una volta gli anziani invitavano i giovani per raccontare storie, storie piene di cultura e di insegnamenti. E ai giovani piacevano quegli incontri, da cui riportavano storie di vita reale, per cui i vecchi erano considerati le nostre biblioteche viventi e una fonte di ispirazione. Sulla faccia dei vecchi si vede la dolcezza ma anche la lotta per la vita, per cui possiamo trarne incoraggiamento a superare la tristezza che viene dalle difficoltà della vita, come la mancanza di lavoro o di soldi per pagarsi l’istruzione. È così che si crea una nuova società, un’alleanza fra generazioni in cui ognuno dà e riceve, noi diamo la nostra forza e gli anziani ci danno le loro parole di saggezza e la loro benedizione. Le loro preghiere sono una benedizione per noi, un tesoro per la vita della nostra comunità.

Un anziano una volta mi disse:" Non aspettare troppo a venirmi a trovare, potrei morire nel silenzio". Presentiamo agli anziani il dono di una nuova vita, una vita accompagnata dal rispetto reciproco. Gesù disse a Pietro: "quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi". Dobbiamo imparare che tutti invecchiando diventeremo deboli e avremo bisogno dell’assistenza degli altri.

 

IL VALORE DELLA VITA

Un anziano solo e povero e senza una pensione perde la fiducia in se stesso e si sente inutile e irrilevante. Oltre a fare visite agli anziani la nostra comunità, nelle diverse parti del Malawi in cui opera, cerca anche di coinvolgerli in diverse attività fuori casa che li fanno sentire apprezzati. Ogni volta che noi giovani abbiamo organizzato pranzi, o altri eventi pubblici come dibattiti, gli anziani sono stati in prima linea a guidarci, le loro parole di saggezza hanno sempre accompagnato i nostri discorsi. I parenti di questi anziani sono rimasti colpiti dal rapporto che avevamo instaurato con i loro nonni e hanno cominciato ad avvicinarli, dissipando le antiche paure. Questo è un aspetto importante del creare rapporti tra giovani e anziani: i parenti di questi ultimi, la società intorno a loro cominciano a vederli in modo diverso. Diventiamo come ci dice il Vangelo, nella visita di Maria alla sua vecchia cugina Elisabetta. Maria era impaziente e entusiasta, piena di amore e di premure per la sua vecchia cugina. Così anche noi, siamo impazienti di incontrare gli anziani perché da loro riceviamo consolazione e incoraggiamento. Andiamo controcorrente, in un mondo che sembra solo volersi liberare delle proprie radici dell’amore per gli anziani.

 

PROGRAMMA
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

Segui l'evento in streaming


NEWS CORRELATE
31 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

La Comunità di Sant’Egidio ricorda il prof. Joachim Gnilka scomparso a Monaco all’età di 90 anni.

IT | DE
30 Gennaio 2018
BANGUI, REPUBBLICA CENTRAFRICANA

Chantal, Elodie e le altre: storie di bambini e non solo in cura con il programma DREAM a Bangui, capitale del Centrafrica

IT | ES | DE | FR | CA | NL
28 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

'Il piatto più buono è quelllo dell'amicizia': lo offre Sant'Egidio a tanti amici nelle periferie di Monaco di Baviera


Visita di Marco Impagliazzo alla Scuola della Pace e alla mensa
IT | DE
25 Gennaio 2018
ROMA, ITALIA

Centrafrica, il presidente Touadera a Sant'Egidio: prosegue il processo di pace, parte ora la nuova fase del disarmo

IT | ES | DE | FR | PT | CA | ID
24 Gennaio 2018
Comunicato Stampa

Centrafrica, domani il presidente in visita a Sant'Egidio: Colloqui sul processo di pace e incontro con la stampa

IT | PT
15 Gennaio 2018

'Fare Pace - la diplomazia di Sant'Egidio' è in libreria


Alla vigilia del 50mo, un libro per comprendere il lavoro per la pace di Sant'Egidio
IT | ES | DE | PT
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
7 Febbraio 2018

50 anni di Sant'Egidio: la gioia del Vangelo da Roma alle periferie del mondo


La Comunità compie 50 anni. Una storia cominciata il 7 febbraio 1968 a Roma da Andrea Riccardi con un piccolo gruppo di liceali che volevano cambiare il mondo...
IT | DE | PT
7 Febbraio 2018

'Un aspetto chiave di Sant'Egidio è la sua dedizione al dialogo' Da Yad Vashem, il Memoriale dell'Olocausto a Gerusalemme, gli auguri per il 50mo

IT | DE
7 Febbraio 2018

'Vi auguro di continuare la vostra missione per la pace': Ahmad Al-Tayyeb, Grande Imam di Al-Azhar, per i 50 anni di Sant'Egidio

IT | DE

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
26 Febbraio 2018
Roma sette
Congo e Sud Sudan, Gnavi: «La liberazione ha il nome di Gesù»
23 Febbraio 2018
Domradio.de
"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"
22 Febbraio 2018
Famiglia Cristiana
La preghiera sia un urlo contro le guerre
21 Febbraio 2018
SIR
Giornata preghiera e digiuno: Comunità di Sant’Egidio, adesione all’invito del Papa. Veglia nella basilica di Santa Maria in Trastevere a Roma e in molte città italiane
21 Febbraio 2018
Vatican Insider
Sant’Egidio si unisce alla Giornata di digiuno per Congo e Sud Sudan indetta dal Papa
tutta la rassegna stampa correlata