change language
du bist dabei: home - pressearchiv newsletterkontaktlink

Unterstützung der Gemeinschaft

  

Roma

21 August 2017

L'evento. Ad Anacapri si è tenuta la presentazione del nuovo volume "E adesso la palla passa a me"

Vita e morte nei racconti dì Mattone

 
druckversion

«Nel carcere che Antonio Mattone racconta, la vita odora di vita e allo stesso tempo puzza di morte». «Possiamo e dobbiamo voltarne le pagine, certo non possiamo voltarci da un'altra parte». In queste poche e succinte parole citate, la prima di Alessandro Barbano, direttore de "Il Mattino" e la seconda del ministro Andrea Orlando, sono racchiuse la chiave di lettura di una evidente evoluzione, ma anche riflessioni sul complesso del mondo penitenziario.
Si è concluso, nel giardino del centro multimediale del Comune di Anacapri, l'incontro con Antonio Mattone, volontario della comunità di 
Sant'Egidio, che dal 2006 visita ogni settimana i detenuti del carcere di Poggioreale, ed altri penitenziari italiani, autore del libro dal titolo "E adesso la palla passa a me", con la prefazione del ministro Orlando e la presentazione del direttore de "Il Mattino" Alessandro Barbano. Allo stesso tavolo erano seduti Vincenzo de' Gregorio, direttore emerito del Conservatorio di Napoli, e l'assessore al Turismo di Anacapri Massimo Coppola che hanno dato inizio all'incontro cominciando ad analizzare, oltre all'ultima fatica letteraria di Mattone, i meriti dell'umiltà e dell'altruismo.
La giornalista Anna Maria Boniello ha brevemente introdotto l'autore per poi giungere al cuore del libro con l'intervento di Ernesto Mazzetti, giornalista e saggista, e Claudio Salvia, figlio di Giuseppe Salvia, vicedirettore del carcere di Poggioreale, caprese, ucciso in un agguato nel 1981. La città di Capri ha intitolato al vicedirettore una scuola dell'infanzia, in via Tiberio, e nel 2013 lo stesso è stato insignito della medaglia d'oro al valore civile.
«Ho scritto questo libro - ha precisato Mattone - per raccontare un viaggio in un mondo molto complesso e difficile, dove ho incontrato solitudine, violenza, tanta voglia di riscatto, e voglia di mettersi in gioco. Il titolo del libro nasce da una frase che mi ha scritto un ragazzo detenuto: "quando uscirò dal carcere la palla passa a me". Saper raccontare storie è un dono, ed è un dono anche saperle ascoltare e leggere».
Mattone sottolinea poi il ricordo di Adriana Tocco, garante dei detenuti in Campania, scomparsa nei giorni scorsi: «Donna di eccezionale umanità e sensibilità, aveva consacrato la sua esistenza alla difesa dei diritti dei più deboli, era stimata e apprezzata da tutti per la grande discrezione con cui svolgeva il suo ruolo. Evidenzio la presenza di Claudio Salvia, figlio di Giuseppe: siamo qui in suo onore e continuare a ricordare la sua figura per svolgere con un supporto maggiore il vivere civile e la cultura alla legalità».


 LESEN SIE AUCH
• NEWS
5 Februar 2018

In Würde leben und sterben bedeutet vor allem, niemanden allein zu lassen

15 Januar 2018

Frieden schaffen - die Diplomatie von Sant'Egidio' ist im Buchhandel - auf Italienisch und bald auch auf Deutsch

IT | ES | DE | PT
22 Dezember 2017
NAKURU, KENIA

In Teilen der Welt ist Wasser das schönste Weihnachtsgeschenk: eine Zisterne für die Gefangenen von Nakuru

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
19 November 2017

„Das Wort Gottes jeden Tag 2018“ zum Gebet und zur Betrachtung der Heiligen Schrift ist erschienen und im Buchhandel erhältlich

14 August 2017
MAROUA, KAMERUN

Lesen und Schreiben lernen im Gefängnis – so beginnt die Freiheit

IT | ES | DE | FR
16 Juni 2017
JOS, NIGERIA

Sant’Egidio organisiert fließendes Wasser für das Jugendgefängnis von Jos in Nigeria

IT | ES | DE | FR
alle neuigkeiten
• RELEASE
21 Februar 2018
Famiglia Cristiana

I 50 anni di Sant'Egidio. L'abbraccio.

9 Februar 2018
Vaticannews

Spadaro: la geopolitica di Francesco è fondata sulla misericordia

7 Februar 2018
Il Secolo XIX

Nessuno è troppo piccolo per aiutare

7 Februar 2018
Vaticannews

“Fare pace”: la diplomazia della speranza cristiana di Sant’Egidio

5 Februar 2018
La Repubblica - Ed. Napoli

Violenza: la battaglia non è persa

19 Januar 2018
RomaSette.it

“Siamo qui, siamo vivi”: la famiglia Sarano, salvata da un sottufficiale tedesco

die ganze presseschau
• GESCHEHEN
27 Januar 2018 | NEAPEL, ITALIEN

Naples without violence. La solidarietà cambia il mondo

23 Januar 2018 | ROM, ITALIEN

Presentazione del libro ''Alla Scuola della Pace. Educare i bambini in un mondo globale''

ALLE SITZUNGEN DES GEBETS FÜR DEN FRIEDEN
• DOKUMENTE

La GUÍA "DÓNDE comer, dormir, lavarse" 2016

alle dokumente

FOTOS

659 besuche

684 besuche

665 besuche

702 besuche

663 besuche
alle verwandten medien