change language
vous êtes dans: home - revue de presse newslettercontactslink

Soutenez la Communauté

  
21 Novembre 2016

Sant'Egidio. «Quella in Centrafrica non è una guerra di religione»

Il cardinale Nzapalainga: la Piattaforma di Bangui una vera «forza di pace» dei leader religiosi. Oggi l'appello alla Moschea di Roma

Paix, ,
 
version imprimable

Leader religiosi in campo per fermare la guerra civile nella Repubblica Centrafricana. Il neocardinale Dieudonné Nzapalainga, assieme a rappresentanti locali delle comunità evangelica e musulmana, lancerà oggi un appello per la pace dalla Moschea di Roma.
«Il conflitto nel nostro Paese non è una guerra di religione», affermano insieme. «Fazioni politiche e manipolatori hanno strumentalizzato le confessioni». L'annuncio arriva dai protagonisti della Piattaforma interreligiosa per la riconciliazione nazionale, ospitati dalla Comunità di 
Sant'Egidio che in questi anni si è adoperata per trovare una soluzione alla crisi politico-militare. Sabato l'arcivescovo di Bangui - dove il Papa il 29 novembre 2015 aprì la prima Porta Santa del Giubileo - è stato accompagnato a Roma per il Concistoro, in cui è stato elevato alla porpora cardinalizia, da esponenti protestanti e islamici. Un fatto che non sembra avere precedenti. E oggi il cardinale Nzapalainga ricambierà la cortesia recandosi alla Moschea di Roma. Ad accoglierlo ci sarà il direttore del Centro islamico Abdellah Redouane. Prima di entrare in moschea il cardinale si raccoglierà in preghiera.
Il conflitto nel Paese è tra la fazione Sèlèka, principalmente composta da musulmani, e anti-Balaka, composta da cristiani. Ma la religione è - come spesso accade - solo un pretesto, sottolineano i protagonisti del dialogo. Tanto che lo stesso imam Kobine Layama, minacciato dai guerriglieri islamici per le sue posizioni pacifiste, ha vissuto per un periodo a casa dell'arcivescovo di Bangui.

Lo stesso locale che ha visto la firma nel 1992 degli accordi di pace in Mozambico e di molti altri incontri di mediazione in conflitti africani. Col cardinale Nzapalainga c'è l'imam Kobine e il pastore protestante Philippe Sing-Na. Il cardinale ringrazia Sant'Egidio per «aver favorito il processo di riconciliazione nazionale e aver mostrato la forza di pace dei leader religiosi». E ammonisce: «Se cominciamo a vedere ciò che ci divide, non andremo da nessuna parte».
La Piattaforma interreligiosa sostiene l'efficacia di un metodo che ha aperto una speranza per il Paese e soprattutto «ha sottratto tanti giovani alla propaganda manipolatrice dello scontro. I dialoghi della Piattaforma - afferma - hanno creato un'unione sacra: cattolici, musulmani e protestanti, insieme per il ritorno della pace». Come "armi", «la preghiera e il dialogo», per liberare le religioni dalla «violenza che le sfigura». In questo senso, dice il cardinale, «la crisi è stata un'opportunità per svelare il volto autentico della religione e ci ha spinto a una conversione alle ragioni della pace». «Ma il nostro - ripete l'arcivescovo di Bangui - non è uno scontro interreligioso». Per arrivare alla pace la nostra forza è la parola, noi siamo la religione della parola e non delle armi e dobbiamo usarla per responsabilizzare le coscienze e creare quel clima di fiducia che solo può far deporre le armi ai gruppi armati in lotta».
«Il nostro impegno per la Repubblica Centrafricana - spiega Mauro Garofalo, responsabile Esteri della Comunità - continuerà sia nel dialogo, sia con iniziative umanitarie per favorire lo sviluppo del Paese. La pace è giovane in Centrafrica, che è anche un Paese di giovani. Per questo c'è bisogno di una vera e propria educazione alla pace. Il messaggio di cristiani e musulmani è una narrativa del bene che va oltre il Centrafrica. Un modello di dialogo da incoraggiare e replicare».




 LIRE AUSSI
• NOUVELLES
29 Janvier 2018
BANGUI, RÉPUBLIQUE CENTRAFRICAINE

Chantal, Elodie et les autres : des enfants en soins avec le programme DREAM à Bangui, capitale de la Centrafrique

IT | ES | DE | FR | CA | NL
24 Janvier 2018
ROME, ITALIE

Centrafrique. Le président Touadéra en visite à Sant’Egidio : « Merci pour le soutien au processus de paix : la nouvelle phase de désarmement commence maintenant »

IT | ES | DE | FR | PT | CA | ID
8 Janvier 2018
BANGUI, RÉPUBLIQUE CENTRAFRICAINE

Des aides humanitaires en République centrafricaine tandis que les opérations de désarmement se poursuivent

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
31 Décembre 2017
ROME, ITALIE

Salutations et encouragements du pape François aux participants à la manifestation "Paix sur toutes les terres"

IT | ES | DE | FR | PT | NL | HU
31 Décembre 2017

Des pas vers la paix en Casamance : le gouvernement sénégalais libère deux prisonniers du MFDC

IT | DE | FR | PT | NL | HU
29 Décembre 2017
ROME, ITALIE

"PAIX SUR TOUTES LES TERRES" : 1er janvier, une marche pour un monde qui sache accueillir et intégrer

IT | ES | DE | FR | CA | NL
toutes les nouvelles
• DE PRESSE
25 Février 2018
Roma sette

Congo e Sud Sudan, Gnavi: «La liberazione ha il nome di Gesù»

22 Février 2018
Domradio.de

"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"

21 Février 2018
Famiglia Cristiana

La preghiera sia un urlo contro le guerre

20 Février 2018
Vatican Insider

Sant’Egidio si unisce alla Giornata di digiuno per Congo e Sud Sudan indetta dal Papa

20 Février 2018
SIR

Giornata preghiera e digiuno: Comunità di Sant’Egidio, adesione all’invito del Papa. Veglia nella basilica di Santa Maria in Trastevere a Roma e in molte città italiane

6 Février 2018
Vaticannews

“Fare pace”: la diplomazia della speranza cristiana di Sant’Egidio

toute la revue de presse
• NON LA PEINE DE MORT
9 Octobre 2017

On 15th World Day Against the Death Penalty let us visit the poorest convicts in Africa

6 Octobre 2015
ÉTATS-UNIS

The World Coalition Against the Death Penalty - XIII world day against the death penalty

4 Octobre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

23 Septembre 2015

Pope Francis calls on Congress to end the death penalty. "Every life is sacred", he said

11 Mars 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

11 Mars 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

8 Mars 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

8 Mars 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

8 Mars 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

27 Février 2015
ÉTATS-UNIS

13 Ways Of Looking At The Death Penalty

14 Février 2015

Archbishop Chaput applauds Penn. governor for halt to death penalty

10 Décembre 2014
MADAGASCAR

C’est désormais officiel: Madagascar vient d’abolir la peine de mort!

aller à pas de peine de mort
• DOCUMENTS

''Entente de Sant'Egidio'': Accord politique pour la paix en Republique Centrafricaine

Intervention de Marco Impagliazzo au Conseil de Sécurité des Nations Unies sur la situation en République Centrafricaine

tous les documents