change language
sei in: home - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
17 Gennaio 2014

Centrafrica. L'Onu: «Si rischia il genocidio»

 
versione stampabile

«La paura è un sentimento generale», spiega Monsignor Dieudonné Nzapalainga, arcivescovo della capitale centrafricana, Bangui, dopo qualche giorno passato in Europa per far conoscere la sofferenza del suo Paese. «Gli scontri sono in corso in tutto il territorio. La gente è terrorizzata - continua l'arcivescovo -, ogni giorno aumenta il numero dei campi protetti dove i civili si riuniscono per dormire durante la notte». Sono settimane che i combattimenti che oppongono le truppe francesi e africane ai gruppi ribelli islamici della Seleka, o a quelli cristiani chiamati "anti-balaka", non permettono il ritorno alla normalità. Nella notte tra mercoledì e ieri, ci sono stati altri 7 morti nella capitale. «Senza dubbio ci sono tutti gli elementi di un genocidio», ha dichiarato John Ging, a capo dell'Ufficio Onu per il coordinamento degli affari umanitari (Ocha).

 Le violenze settarie ricordano infatti gli orribili eventi degli anni Novanta che si sono consumati in Bosnia e Ruanda. «Quello centrafricano è un conflitto che sembra sfuggito di mano anche agli eserciti intervenuti per disarmare le varie fazioni ribelli». «La Francia ha bisogno dell'Europa perché non può farcela da sola», assicura monsignor Nzapalainga, ospite a Roma della comunità di Sant'Egidio che, con il patto politico firmato qualche mese fa da autorità, leader religiosi e della società civile centrafricana, ha aiutato a mettere le prime fondamenta per una soluzione politica alla crisi. «I militari africani non sono equipaggiati come quelli francesi - spiega l'arcivescovo - e la situazione umanitaria come quella politica sono tuttora molto fragili e difficili da gestire». Con la fuga dell'ex presidente ad interim, Michel Djotodia, il primo leader musulmano nella storia del Paese, le autorità di Bangui hanno confermato che «il Parlamento eleggerà un sostituto entro lunedì».

 Senza una leadership politica, le condizioni umanitarie rischiano infatti di aggravarsi ogni giorno. «Nell'aeroporto dove vivono circa 100mila sfollati ho visto la gente soffrire la fame - continua il religioso -, le vittime più fragili sono le donne, tante incinta, e i bambini che le agenzie umanitarie tentano di aiutare come possono». La Francia ha dispiegato 1.600 soldati che appoggiano la Forza internazionale africana (Mista) costituita di circa 5mila uomini. Ma i militari non bastano. Bangui rimane una zona molto pericolosa, mentre il resto del Paese è in mano alla Seleka, con qualche sacca territoriale gestita dai miliziani "anti-balaka".

 Nonostante le differenza di credo tra i due gruppi, monsignor Nzapalainga ci tiene a sottolineare che in Centrafrica non è in corso un conflitto interreligioso: «Non tutti i Selekea sono musulmani e non tutti i musulmani fanno parte della Seleka», afferma l'arcivescovo. «La stessa confusione si è fatta con i gruppi anti-balaka  che esistevano già negli anni Novanta e agivano indipendentemente dalla religione. Sono i politici e i criminali i responsabili delle atrocità - conclude-, stanno sfruttando la religione per i propri interessi a discapito degli innocenti». 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
5 Gennaio 2018
CONAKRY, GUINEA

Il ministro degli Esteri Alfano visita il centro Dream di Conakry "Qui i sogni si trasformano in realtà"

IT | DE | PT
22 Dicembre 2017
NAKURU, KENYA

In certe parti del mondo, l'acqua è il più bel regalo di Natale: una cisterna per le detenute di Nakuru in Kenya

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
19 Dicembre 2017
ADDIS ABEBA, ETIOPIA

Una delegazione di Sant'Egidio ad Addis Abeba incontra il Presidente della Commissione dell'Unione Africana Moussa Faki

IT | DE | FR | NL
1 Dicembre 2017

​​World AIDS Day, Sant’Egidio: curare l’Africa è, oggi ancor di più, curare le sue donne

IT | DE | PT | NL | HU
30 Novembre 2017

Europa e giovani migranti, il futuro va creato in Africa. Un articolo di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

27 Novembre 2017
ROMA, ITALIA

Basilica di San Bartolomeo: Preghiera in memoria di Suor Veronika Theresia Ràckovà, la sua vita per i malati in Sud Sudan

tutte le news
• STAMPA
24 Febbraio 2018
Avvenire

A spasso per Milano aiutando l'Africa

24 Gennaio 2018
Avvenire

Sviluppo. Alfano: «La Cooperazione è tornata al centro dell'agenda politica»

19 Gennaio 2018
Famiglia Cristiana

Europa e Africa, un destino comune

8 Gennaio 2018
OnuItalia

Alfano chiude missione in Africa al centro ‘Dream’ di Conakry (sant’Egidio)

30 Dicembre 2017
Notizie Italia News

La politica estera italiana nell'ultima legislatura. Un breve bilancio

7 Dicembre 2017
Famiglia Cristiana

E ora l'Europa si accorge dell'Africa

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

''Entente de Sant'Egidio'': Accordo politico per la pace nella Repubblica Centrafricana

Analisi dei risultati e dei costi del programma "Viva gli Anziani"

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

tutti i documenti
• LIBRI
tutti i libri

FOTO

1569 visite

1498 visite

1404 visite

1510 visite

1526 visite
tutta i media correlati