change language
sei in: home - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
18 Agosto 2016

Dopo San Pietroburgo

L''Europa rilanci un progetto per l'Oriente

Assieme a Turchia e Russia per cercare la pace in Siria

 
versione stampabile

Il primo viaggio di Erdogan all'estero, dopo il tentato golpe, è stato in Russia. A San Pietroburgo ha incontrato Putin in un palazzo imperiale che porta il nome di Costantino (un granduca russo). L'incontro è un messaggio. Erdogan accusa gli occidentali di tiepidezza se non di complicità per il recente golpe. Respinge le insistenze occidentali delle ultime settimane sui diritti umani e contro la pena di morte. Parla di emergenza e di attentato alla democrazia turca, che spiegherebbero queste misure.
Non sono solo fatti contingenti. Pesano le distanze accumulate nel processo di negoziazione per l'ingresso di Ankara nell'Unione, in cui si è vista la diffidenza di molti Paesi europei verso la Turchia. Eppure, Erdogan ha annullato il ruolo dei militari nel sistema tur co (un vero contropotere fino a ieri) in nome dell'avvicinamento all'Europa. E questa, oggi, ha bisogno della Turchia per frenare l'afflusso dei profughi. Sì, il viaggio del presidente turco a San Pietroburgo è un messaggio: la Turchia, nonostante sia membro della Nato, si sente libera nelle sue scelte. E i Paesi europei sono imbarazzati e diffidenti di fronte al modo di governare del presidente turco.
A San Pietroburgo, però, non c'è stata un'inversione di posizioni, quasi un patto d'Oriente contro l'Occidente. Tra Russia e Turchia, i rapporti sono storicamente difficili. Mosca cercava l'accesso al Mediterraneo, mentre i turchi controllavano il Bosforo (diritto riconosciuto nel 1936 al Governo di Ankara). Non si dimentichi che la strage degli armeni - cent'anni fa - fu motivata dall'accusa a questi ultimi di collaborare con i russi contro l'impero ottomano. Una storia di conflitti che, nel secondo dopoguerra, fece della Turchia un bastione Nato contro l'Urss, con importanti istallazioni missilistiche. Né si scordi che in Siria, oggi, Mosca e Ankara sono su diverse posizioni: la prima sostiene a spada tratta Assad che, invece, è il nemico della Turchia, la quale però teme la creazione in Siria di uno Stato dei curdi che sul terreno sono alleati dei russi contro l'Isis. La storia pesa e non è a favore di un patto d'Oriente tra Mosca e Ankara. Tuttavia nuove esigenze premono, tra cui il Turkish Stream, che consentirebbe di portare 31 miliardi di metri cubi di gas in Europa meridionale saltando l'Ucraina (fatto mal visto dagli Stati Uniti). E poi Ankara vuole l'alleggerimento delle sanzioni russe.
La visita di Erdogan è un fatto politico di rilievo. Putin è attento, ma l'alleanza d'Oriente è un processo possibile, non un affare fatto. L'Europa ora deve affrontare un passaggio stretto tra la necessità di non perdere alleati sul Mediterraneo e la vigilanza sui diritti umani in un Paese Nato. Un'alternativa difficile, cui si può rispondere solo rilanciando un grande disegno europeo verso Oriente. Verso la Turchia, quando la situazione si stabilizzerà. Verso la Russia, soprattutto cercando insieme la pace in Siria.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
1 Febbraio 2018

Gli auguri del metropolita Hilarion, Presidente del Dipartimento per le relazioni esterne del Patriarcato di Mosca, ad Andrea Riccardi e alla Comunità per il 50mo anniversario di Sant'Egidio

IT | DE | RU
30 Gennaio 2018

Questa mattina l'arrivo a Roma dei primi corridoi umanitari del 2018 dalla Siria: la via della speranza

IT | ID
19 Gennaio 2018
TORINO, ITALIA

Le periferie svuotate. Primo allarme di Francesco. Il commento di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

15 Gennaio 2018

Papa Francesco traccia la differenza tra immigrazione e invasione: il commento di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

8 Gennaio 2018

Il 7 gennaio, giorno di Natale per i cristiani d'Oriente, a pranzo con i poveri in Russia, Ucraina e Polonia

22 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

Andrea Riccardi ricevuto in udienza da papa Francesco: corridoi umanitari e pace tra i temi del colloquio

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID
tutte le news
• STAMPA
11 Febbraio 2019
Vatican Insider

Riccardi: tra Italia e Vaticano c’è freddezza ma non rottura

26 Febbraio 2018
Roma sette

Congo e Sud Sudan, Gnavi: «La liberazione ha il nome di Gesù»

22 Febbraio 2018
Famiglia Cristiana

La preghiera sia un urlo contro le guerre

22 Febbraio 2018
Br-Online

Interview mit Sant'Egidio Mitgründer Andrea Riccardi

21 Febbraio 2018
Famiglia Cristiana

La rivoluzione dell'amore e della tenerezza, l'unica necessaria #santegidio50

21 Febbraio 2018
Famiglia Cristiana

I 50 anni di Sant'Egidio. L'abbraccio.

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Non muri ma ponti: il messaggio di Andrea Riccardi al 4° congresso di 'Insieme per l'Europa'

Andrea Riccardi - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà

Walter Kasper

Laudatio per il prof. Andrea Riccardi in occasione del conferimento del Premio Umanesimo 2016 a Berlino

Medì 2016: PROGRAMMA

Medì 2016: I RELATORI

tutti i documenti
• LIBRI

Andrea Riccardi - Tutto può cambiare





San Paolo

La forza disarmata della pace





Jaca Book
tutti i libri

FOTO

1562 visite

1493 visite

1504 visite

1694 visite
tutta i media correlati