change language
vous êtes dans: home - l'oecum...dialogue - rencontr...tionales - cracovie 2009 newslettercontactslink

Soutenez la Communauté

  

Les arrivées des premiers couloirs humanitaires 2018 en Italie. La nouvelle phase du projet, devenu un modèle d'accueil et d'intégration pour l'Europe

"PAIX SUR TOUTES LES TERRES" : 1er janvier, une marche pour un monde qui sache accueillir et intégrer

Le premier jour de l'année nouvelle, manifestations sur tous les continents pour soutenir le message du pape François

De l'Indonésie au Salvador, de l'Allemagne au Mozambique, voici les nouvelles galeries d'images des repas de Noël de Sant'Egidio dans le monde

Des photos continuent d'affluer de tous les continents, regardez-les sur notre carte interactive!

Galerie de photos et vidéos du repas de Noël à Santa Maria in Trastevere

Visite virtuelle de la crèche de Sant'Egidio : Jésus accueilli par les pauvres, les malades, les sans logis et les hommes de toutes confessions

Sant'Egidio et la Muhammadiyah signent à Djakarta un nouvel accord pour la paix et le dialogue interreligieux

une délégation de la Communauté menée par Marco Impagliazzo se trouve en Indonésie

Sant'Egidio au conseil de sécurité de l'ONU pour un point sur la République centrafricaine

Mauro Garofalo : "Le succès de ce premier désarmement garantit la crédibilité de l'ensemble du processus en actes"

Donner à manger aux personnes âgées au Mozambique : distribuitions d'aides alimentaires aux plus pauvres dans la ville de Beira

Aidons les réfugiés rohingyas au Bangladesh

La Communauté de Sant’Egidio lance une collecte de fonds pour envoyer des aides dans les camps de réfugiés au Bangladesh, en collaboration avec l’Eglise locale

Tous les textes de la rencontre #Pathsofpeace

L'assemblée d'inauguration de la rencontre internationale Chemins de Paix

Chemins de 2017 : tout sur la rencontre internationale des religions du monde pour la paix

Le programme, les intervenants et les événements en direct streaming

Global friendship, #MoreYouthMorePeace : le message et l’engagement des Jeunes pour la paix à Barcelone

rendez-vous l’année prochaine à Rome !

 
version imprimable
7 Septembre 2009 09:30 | Couvent des Dominicains

Contributo



Titos Christofides


Secrétaire di d’Etat à la Présidence de la République de Chypre

Eminenze,
Eccellenze,
Signore e Signori,
Cari amici,

Vorrei prima di tutto ringraziare la Comunità di Sant’Egidio per il vostro gentile invito ad assistere e partecipare a questa conferenza molto interessante.

Voglio trasmettervi da parte del nostro Governo e personalmente del Presidente della Repubblica di Cipro il Signor Demetris Christofias, il sostegno caloroso, il rispetto e l’apprezzamento per i fini e le idee che stanno dietro ai nobili sforzi che insieme condividiamo.

Le società europee storicamente sono multiculturali e multietniche. La loro diversità è un fattore positivo e di arricchimento. Tuttavia, comportamenti xenofobi persistono in giro per il mondo. Episodi occorsi in diverse parti d’Europa mostrano l’esistenza continua di atteggiamenti xenofobi, se non razzisti.

La xenofobia è, certamente, una lampante violazione dei principi di dignità, libertà, democrazia, rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali.
Questi sono i principi su cui è fondata l’Unione Europea e che sono comuni agli Stati Membri. Gli stati Europei sono tenuti a rispettare i diritti fondamentali, così come sono garantiti dalla Convenzione Europea per La Protezione dei Diritti Umani e delle Libertà Fondamentali e così come derivano dalle tradizioni costituzionali di tutti gli stati membri. 

A questo punto, lasciatemi sottolineare con enfasi che il Governo di Cipro condanna con vigore tutte le forme di xenofobia e di razzismo e si impegna ad usare a pieno tutti i poteri a sua disposizione per combattere tali fenomeni. Questo compito dovrebbe essere, ora più che mai, una priorità a tutti i livelli: internazionale, europeo, nazionale e locale. Tutti noi che desideriamo accrescere la solidarietà e l’unità tra i popoli dobbiamo essere in prima linea nella battaglia contro tutte le forme di xenofobia.

Per raggiungere questa importante dimensione dobbiamo promuovere i valori della libertà e solidarietà, soprattutto, attraverso un’attiva politica d’integrazione culturale. L’Europa non si può limitare al mero ruolo di cane da guardia, altrimenti potremmo star sottostimando la necessità di nutrire e far crescere le radici del dialogo e della reciprocità che sono le vere armi contro la xenofobia.

Quindi, da una parte, dobbiamo incoraggiare e promuovere un atteggiamento di vigilanza, rafforzato da un inquadramento legislativo adeguato. D’altra parte, dobbiamo promuovere ed impegnarci in azioni specifiche mirate alla questione dell’integrazione, salvaguardando allo stesso tempo la coesione sociale che è essenziale per la prosperità e lo sviluppo di ogni società.

Come ben sapete, Cipro è insieme alla Grecia, l’Italia, Malta e la Spagna, uno di quei pochi paesi europei, che a causa della loro collocazione geografica sono sotto enorme pressione nel far fronte ai problemi dell’immigrazione illegale.

C’è un bisogno urgente che i paesi europei affrontino congiuntamente questi problemi nell’ambito di regole accettate e vincolanti dal punto di vista legislativo.

Cos’altro al posto del xenofobia?

Crediamo davvero che la risposta più evidente sia la filoxenia, che letteralmente significa “amore per gli stranieri”. Ma non solo quello. Prima di garantire asilo, cibo e alloggio a persone che in molti casi viaggiano in condizioni avverse o diventano vittime del traffico e di trattamento illegale, i paesi sviluppati dovrebbero fornire i mezzi al mondo in via di sviluppo per intraprendere un percorso di sviluppo sostenibile.

Alla fine, lo sviluppo sostenibile costituisce l’unica scelta reale per la diffusione a livello globale di condizioni di stabilità e prosperità. E’ forse una delle armi più efficaci per far piazza pulita della xenofobia e aiutare far prevalere la filoxenia.

Combattendo la povertà e rafforzando lo stato sociale in tutto il pianeta, soprattutto nel pieno dell’attuale crisi finanziaria, si permetterà la diffusione di un clima di sicurezza e cooperazione.  Si rafforzeranno la fiducia e la solidarietà tra i popoli e si affronteranno le cause delle guerre e dei conflitti, fornendo accesso all’educazione, ai servizi sanitari di qualità e al lavoro.  Questi presupposti elimineranno radicalmente le ragioni che spingono la gente a migrazioni di massa e al conflitto.  Ridurranno inoltre i trattamenti disumani e lo sfruttamento, freneranno il terrorismo internazionale e infine creeranno delle condizioni migliori per il rispetto dell’ambiente. 

Vorrei cogliere quest’opportunità per ribadire che Cipro è attivamente impegnata negli sforzi della comunità internazionale e dell’Unione Europea per far crescere e migliorare la cooperazione  allo sviluppo e contribuisce, nei limiti delle sue capacità, al raggiungimento degli obbiettivi di sviluppo del Millennio stabiliti dalle Nazioni Unite.

 Il problema dell’immigrazione illegale, come potete ben capire, non ha nulla a che fare con i problemi degli insediamenti illegali che, come per esempio quello dovuto all’occupazione illegale turca della parte Nord di Cipro, mettono in pericolo la situazione demografica dell’isola.

L’Europa è a un bivio?

La risposta è affermativa, ma se vogliamo essere oggettivi, dovremmo dire che l’Europa è sempre stata a un bivio, a un crocevia. Un crocevia di persone e merci, ma anche d’idee. Che cosa ha distinto l’Europa da altre parti del mondo? La risposta può essere trovata nell’etimologia della parola. Nel greco antico, la parola “Europa” si riferiva ad uno con gli occhi spalancati, sia nel senso letterale che metaforico. La capacità di vedere oltre i complessi fenomeni dei nostri tempi è sempre stato un nostro attributo comune, comune anche al nostro continente.

Diverse caratteristiche culturali e religiose sono sempre esistite, al di là di ciò che filosofi di rilievo hanno considerato il cuore dell’Europa: la civiltà Greco- romana e il Cristianesimo. Proprio perché l’Europa è stata così “sicura” di se stessa, ha permesso ad altri elementi di emergere. Ma questi elementi non cancellano la sua identità. Al contrario la rafforzano. Fondati sulla democrazia che è un terreno comune, non abbiamo altra alternativa che essere tolleranti.

Tra la xenofobia e la filoxenia emerge il concetto di tolleranza.


Grazie mille per la vostra attenzione.


Cracovie 2009

La salutation du pape Benoît XVI à l'Angelus


{PROGRAMMA_BOX_PP}

Programme

Italiano - English - Polski