change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
14 Agosto 2017 | MAROUA, CAMERUN

Imparare a leggere e a scrivere in carcere: inizia qui la libertà

Il programma "Liberare i prigionieri" per i ragazzi di strada in Cameroun

 
versione stampabile

Nella prigione di Maroua, nel Nord del Cameroun, nonostante sia un carcere per adulti, c’ è un buon gruppo di minori. Molti fra loro sono ragazzi che erano stati rapiti (o talvolta perfino venduti) dai diversi gruppi armati che agiscono dalla zona - tra cui anche Boko Haram della confinante Nigeria - per farli diventare bambini-soldato.

La Comunità di Sant’Egidio di Maroua li visita regolarmente realizzando un percorso di recupero per favorirne, una volta terminata la pena, il reinserimento nella società. Si comincia con l'alfabetizzazione. Molti di loro, infatti, non sanno nemmeno leggere e scrivere.

Accanto a questo, l'assistenza legale. Come abbiamo già raccontato, spesso alla pena detentiva si aggiunge una multa che i prigionieri più poveri - e soprattutto i minori, per lo più senza famiglia - non sono in grado di pagare. Per questo la Comunità ha dato vita al programma "Liberare i prigionieri" (per saperne di più).

E' grazie a questo programma che 22 ragazzi recentemente sono stati rilasciati. La loro lettera - in francese - rende conto non solo del legame affettivo che si è stabilito con loro - un elemento tanto importante per giovanissimi che hanno conosciuto solo abbandono e sfruttamento - ma anche del percorso fatto nel periodo di detenzione. Ora hanno più strumenti per affrontare la vita. Una sfida davanti alla quale non sono più soli. 

  La lettera   

“Grazie a voi nei nostri cuori è tornata la speranza di vivere. Quando siamo arrivati nella prigione centrale di Maroua eravamo mezzi morti. Qui abbiamo incontrato una nuova famiglia che è la Comunità di Sant’Egidio. Ora siamo liberi, respiriamo l’aria pura. Con il vostro intervento abbiamo imparato a leggere e scrivere perché quando siamo arrivati non capivamo niente, né del francese, né del foufouldé (la lingua locale). Grazie per la nuova vita che ci avete dato.

Firmato: "Gli amici liberati”
 

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
4 Gennaio 2018
PADOVA, ITALIA

'Tutti abbiamo servito tutti': una lettera dal carcere racconta il pranzo di Natale

22 Dicembre 2017
NAKURU, KENYA

In certe parti del mondo, l'acqua è il più bel regalo di Natale: una cisterna per le detenute di Nakuru in Kenya

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
28 Ottobre 2017
BLANTYRE, MALAWI

Dall'abisso alla luce dopo 10 anni: la storia vera di un'ingiustizia riscattata con l'amore in Malawi

IT | EN | ES
31 Luglio 2017

'E adesso la palla passa a me': storie di solitudine, riscatto e umanizzazione in carcere

29 Luglio 2017
NAPOLI, ITALIA

Un pomeriggio di solidarietà con i detenuti del carcere di Poggioreale a Napoli

tutte le notizie
• STAMPA
2 Gennaio 2018
Il Messaggero - ed. Civitavecchia

La comunità di Sant'Egidio offre il pranzo ai detenuti

29 Dicembre 2017
Avvenire

Kenya, Natale in cella. Adesso arriva l'acqua

29 Dicembre 2017
La Stampa

Sant’Egidio e il pranzo della serenità nel carcere

24 Novembre 2017
La Repubblica - Ed. Firenze

Fuori dal carcere: la guida per orientarsi in città

23 Novembre 2017
Famiglia Cristiana

Quelle coperte che scaldano le notti degli ultimi di Roma

24 Settembre 2017
Notizie Italia News

Giovani stranieri in carcere

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

ALCUNI NUMERI DELLA SOLIDARIETA’ NEL 2012 DALLA COMUNITA’ DI SANT’EGIDIO

Comunità di Sant'Egidio

CALANO I REATI, MA CRESCONO GLI ARRESTI E LE DETENZIONI

Comunità di Sant'Egidio

Le carceri in Italia:tra riforma, sovraffollamento e problemi di bilancio. Analisi e proposte delle Comunità di Sant'Egidio

Comunità di Sant'Egidio

Mai così tanti in carcere nella storia dell’Italia Repubblicana

tutti i documenti
• LIBRI

E adesso la palla passa a me





Guida Editori
tutti i libri

FOTO

147 visite

171 visite

134 visite

171 visite

124 visite
tutta i media correlati