change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
17 Novembre 2008

Vivono a Kaduna in Nigeria. Hanno in comune un presente che li unisce e un passato, messo da parte, che li ha divisi

Un pastore pentecostale e un imam dalla Nigeria raccontano la loro storia al Meeting di Sant’Egidio a Cipro

 
versione stampabile

Programma
I luoghi
Trasmissioni
TV Web Sat
Stampa
Tutti i video dell'evento

James Wuje e Mohammed Ashafa sono l’un pastore pentecostale e l’altro un imam. Vivono a Kaduna in Nigeria. Hanno in comune un presente che li unisce e un passato, messo da parte, che li ha divisi, come divide tante persone a latitudini diverse del pianeta. James porta nel braccio destro il segno di questo passato: gli fu in parte amputato dopo uno scontro contro gruppi musulmani che lui combatteva, in qualità di leader di milizie cristiane. Era il ’92. D’altra parte Ashafa guidava un gruppo radicale islamico. “Negli anni ’70 c’era la crisi economica e una grande povertà, nella quale tanti di noi hanno coltivato la paura degli sconosciuti. Ci sono modi diversi per affrontarla – spiega l’imam – Una strada è quella di distruggere gli sconosciuti. Altri non vogliono avere a che fare con quelli che considerano nemici e quindi fuggono”. Ashafa sceglie l’approccio più violento, “seguendo leader religiosi ignoranti e abusici. Pensavo che fosse l'Islam a darmi il diritto di eliminare il nemico”. Ma un giorno incontra  un imam saggio che “mi ha mostrato come nel Corano sia spiegato che nell’Islam c’è posto per l’altro e la violenza l’ho messa da parte”. James e Mohammed raccontano la loro storia al meeting di Sant’Egidio sulla pace, in corso a Cipro. “Volevo convertire i musulmani al cristianesimo – riprende James – Fui assunto da un’associazione che mi mandò a predicare ai musulmani. Un imam mi contestò dicendomi che poteva parlare di Cristo ai musulmani, ma con amore, non con l’odio che mostravo. Per tre anni ho lavorato con lui, ma segretamente coltivavo l’idea di eliminarlo. Ma la lettura della Bibbia mi ha impedito di farlo”. Infine, quattordici anni fa, l’incontro decisivo. Un giornalista amico di entrambi, convinto che gli uomini di fede potessero essere utili alla pace, li invitò ad un incontro. Sapeva bene delle loro ferite: James mutilato a un braccio, Mohammed con due fratelli uccisi dalle milizie cristiane. L’incontro avvenne nella casa del Governatore. Fu quel loro amico a presentarli e poi a lasciarli soli a parlare. “Ci siamo disarmati così”, dice James che ora conduce con Mohammed l’Interfaith Mediation Centre di Kaduna. “Lavoriamo per la pace in Nigeria – concludono insieme - e in altre parti dell'Africa e andiamo nel mondo intero a raccontare la nostra storia, con il suo messaggio di pace possibile”.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
6 Febbraio 2018

Gli auguri del pastore valdese Bernardini per i 50 anni di Sant'Egidio: continuiamo insieme per la pace, la giustizia, i corridoi umanitari

IT | HU
31 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

La Comunità di Sant’Egidio ricorda il prof. Joachim Gnilka scomparso a Monaco all’età di 90 anni.

IT | DE
28 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

'Il piatto più buono è quelllo dell'amicizia': lo offre Sant'Egidio a tanti amici nelle periferie di Monaco di Baviera

IT | DE
24 Gennaio 2018
ROMA, ITALIA

'La potenza della Chiesa di Gesù è una forza disarmata che ferma il male' La predicazione del pastore Paolo Ricca per la Settimana dell'Unità tra i cristiani

IT | FR | HU
24 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

La Chiesa è il popolo dell'attesa. Meditazione del pastore valdese Paolo Ricca

18 Ottobre 2017

A un mese dall'Incontro delle religioni a Münster, le Strade di Pace hanno attraversato 4 continenti

IT | ES | DE | FR | RU
tutte le news
• STAMPA
23 Febbraio 2018
Domradio.de

"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"

1 Febbraio 2018
SIR

50° Comunità Sant’Egidio: Hilarion (Patriarcato di Mosca), “la nostra una collaborazione che ha dato tanti buoni frutti”

30 Gennaio 2018
Vaticannews

Corridoi umanitari: la collaborazione ecumenica via della speranza

26 Gennaio 2018
POW - Pressestelle des Ordinariates Würzburg

Angst und Lethargie überwinden

15 Gennaio 2018
Roma sette

Ecumenismo, in processione con anglicani, luterani e ortodossi

15 Dicembre 2017
GNZ

Im Mittelpunkt steht das Gebet für den Frieden

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

ASSISI 2016 - il programma in pdf

Ahmad Al Tayyeb - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà - Parigi 2016

Andrea Riccardi - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà

Incontro di Preghiera per la Pace

tutti i documenti
• LIBRI

L'abbraccio di Gerusalemme





Paoline

il senso della vita





Francesco Mondadori
tutti i libri