change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
21 Settembre 2012 | CRACOVIA, POLONIA

Giovani Europei ad Auschiwtz per un mondo senza violenza

I Giovani di Sant'Egidio incontrano gli ex deportati nei campi di sterminio nazisti

"Siamo convenuti a Cracovia e ad Auschwitz perché il razzismo, il male, l'odio bruciano ancora. Ebrei, Rom, altre minoranze continuano a essere minacciate. Non vogliamo permettere che da questa brace scoppi un altro incendio. Per evitarlo chiediamo a voi giovani aiuto. Aiutate, aiutate, aiutate!”.

 
versione stampabile

COSTRUIRE UN MONDO SENZA VIOLENZA.

È L'IMPEGNO DEI GIOVANI EUROPEI DOPO AVERE ASCOLTATO LE TESTIMONIANZA DEI SOPRAVVISSUTI ALL'ORRORE DELLA SHOà E DEL PORRAJMOS, IL GENOCIDIO DI ROM E SINTI DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE

 

 

“Le fiamme del crematorio furono spente, ma forse voi ne avete sentito ancora il calore. Siamo convenuti a Cracovia e ad Auschwitz perché il razzismo, il male, l'odio bruciano ancora. Ebrei, Rom, altre minoranze continuano a essere minacciate. Non vogliamo permettere che da questa brace scoppi un altro incendio. Per evitarlo chiediamo a voi giovani aiuto. Aiutate, aiutate, aiutate!”. Con questo appello vibrante Béla Varga, ebreo ungherese sopravvissuto alla deportazione nazista durante la seconda guerra mondiale, ha concluso il suo intervento davanti a una sala gremita di giovani europei, studenti di scuole superiori. Erano centinaia provenienti da diversi paesi (Cechia, Italia, Polonia, Romania, Russia, Slovacchia, Ucraina, Ungheria), giunti a Cracovia su invito della Comunità di Sant'Egidio. Toccati dalla testimonianza di chi da giovane ha vissuto e visto l'orrore della Shoà hanno voluto tributare all'anziano sopravvissuto una standing ovation che ha manifestato l'impegno a rispondere all'appello loro rivolto.

 

Come costruire un futuro senza violenza? Questa è stata la domanda che ha caratterizzato il primo giorno della Terza Edizione dell’Incontro Internazionale “Giovani europei per un mondo senza violenza”. È la domanda che nasce dall'impegno della Comunità di Sant'Egidio in numerose città europee, dove sono state molteplici le iniziative per favorire la diffusione di una cultura della solidarietà, della convivenza e del dialogo, con una particolare attenzione al mondo giovanile. Convegni pubblici sui temi dell'antisemitismo a Kiev,  iniziative per contrastare le manifestazioni di violento antigitanismo a Praga e a Budapest, conferenze cittadine sui temi della solidarietà nei confronti dei senza dimora a Varsavia, Bratislava e a Mosca, o degli anziani a Bucarest. Tale domanda si è rafforzata lungo l'intenso itinerario di preparazione che ha condotto all'Incontro di Cracovia-Auschwitz.

 

Non solo studenti di scuole superiori, ma anche numerose centinaia di universitari sono convenuti nella città polacca. Contemporaneamente in un'altra sala hanno ascoltato le parole di Zeev Tibi Ram, sopravvissuto al campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau, il quale ha testimoniato di come nella disumanità del nazismo sia stato possibile salvare l'umanità: “Ho visto molta sofferenza e ho sofferto molto – ha detto con commozione –. Ma non conosco la parola vendetta né la parola odio. Nella persone io vedo l’uomo, senza giudicare né disprezzare. Siete giovani che devono costruire una società migliore. È venuto il vostro turno di costruire un mondo più umano”. Gli ha fatto eco Rita Prigmore, una donna sinti da Würzburg in Germania, che è stata vittima degli esperimenti medici nazisti, ascoltata con intensa partecipazione dall'assemblea: “Essere con Sant’Egidio mi dà la speraza di trovare giovani che vogliono costruire un mondo senza violenza. È l’unica speranza per il futuro. Vi invito a non giudicare gli altri. Ognuno è prima di tutto un uomo”.

 Domani i passi dei circa 2000 giovani si muoveranno verso il campo di Auschwitz. “Visiteremo Auschwitz da liberi, perché in questi giorni ci siamo liberati del germe del male, della violenza, del pregiudizio – ha concluso mons. Marco Gnavi della Comunità di Sant'Egidio –. Non vogliamo essere schiavi di una logica che avvelena. Insieme avremo meno paura. Dobbiamo liberarci dalla corazza dell’indifferenza e della violenza per disarmarci”. Sarà questo il  programma e l'impegno per la seconda giornata dell'Incontro dei giovani europei.

TI PUO' INTERESSARE ANCHE:

Intervista su radio vaticana

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
7 Febbraio 2018

'Un aspetto chiave di Sant'Egidio è la sua dedizione al dialogo' Da Yad Vashem, il Memoriale dell'Olocausto a Gerusalemme, gli auguri per il 50mo

IT | DE
31 Gennaio 2018
MILANO, ITALIA

Il ricordo della deportazione degli ebrei dalla Stazione Centrale di Milano il 30 gennaio 1944

30 Gennaio 2018

Memoria della deportazione dalla Stazione di Milano

27 Gennaio 2018
LIVORNO, ITALIA

Una pietra d'inciampo per non dimenticare. A Livorno la manifestazione per la #Giornatadellamemoria2018

26 Gennaio 2018

Giornata della Memoria, Sant'Egidio: contro razzismo e antisemitismo far crescere la cultura dell'incontro e difendere i più deboli

IT | ES | DE | FR | CA
25 Gennaio 2018

'La nostra missione: una Global Friendship'. In un video il messaggio dei giovani europei per la #GiornatadellaMemoria

IT | EN | DE | FR | HU
tutte le news
• STAMPA
13 Marzo 2018
RP ONLINE

Flucht, Abi, Studium

10 Febbraio 2018
SIR

50° Sant’Egidio: Gentiloni (presidente del Consiglio), “dalla condizione dei più deboli si misura il benessere autentico di una società”

10 Febbraio 2018
Il Sole 24 ore

Migranti, Gentiloni: sbagliato promettere fine dei flussi

30 Gennaio 2018
SIR

Shoah: Milano, nel pomeriggio “Memoria della deportazione” con la testimonianza della neo senatrice a vita Liliana Segre

29 Gennaio 2018
Vatican Insider

Antisemitismo, il Papa: “Combattiamo il virus dell’indifferenza”

26 Gennaio 2018
Il Mattino di Padova

«Il dolore è lingua che accomuna»

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
27 Gennaio 2018 | NAPOLI, ITALIA

Naples without violence. La solidarietà cambia il mondo

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
2 Luglio 2014

Sant'Egidio nella "task force" per la lotta alla pena di morte istituita dal governo italiano per il semestre europeo

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Non muri ma ponti: il messaggio di Andrea Riccardi al 4° congresso di 'Insieme per l'Europa'

Marco Impagliazzo: Il sogno di un'Europa che promuova la società del vivere insieme e la pace

Walter Kasper

Laudatio per il prof. Andrea Riccardi in occasione del conferimento del Premio Umanesimo 2016 a Berlino

Intervento di Branislav Savic durante la visita di Papa Francesco alla Comunità di Sant'Egidio

Intervento di Francesca, adolescente romana, durante la visita di Papa Francesco alla Comunità di Sant'Egidio

tutti i documenti
• LIBRI

''Una giornata particolare''





Tau Editrice
tutti i libri

FOTO

1293 visite

1267 visite

1062 visite

1218 visite
tutta i media correlati