change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
12 Agosto 2002

Albania - Le Scuole della Pace si moltiplicano, durante l’estate di solidarietà

 
versione stampabile

Dal nord al sud dell’Albania, le Scuole della Pace estive raccolgono 
centinaia di bambini albanesi e rom. I racconti e le notizie.

Quest’estate, in Albania, quasi ogni settimana si apriva una nuova scuola: sono state decine, infatti, le Scuole della Pace estive della Comunità di Sant’Egidio, che hanno raggiunto anche tante nuove località. Da Tirana a Lezha, fino a Scutari, sono stati coinvolti ogni settimana centinaia di bambini piccoli e grandi, albanesi e rom. Per questi in particolare, si è trattato spesso della prima esperienza di scolarizzazione. 

Nelle Scuole della Pace si è parlato del mondo, della condizione dei bambini in Africa, in Asia, in America Latina, costruendo una sorta di “treno” ideale, che partendo dal proprio paese attraversa i continenti. 

La solidarietà infatti si nutre anche di conoscenza degli altri, delle loro storie e dei loro problemi. Per questo i bambini, a centinaia, “sono partiti”, in ogni scuola, per un viaggio di conoscenza del mondo, di apertura agli altri, il modo migliore per crescere con sentimenti di pace. 


La scuola Fan Noli, a Tirana, è ormai luogo tradizionale della Scuola della Pace estiva della Comunità, come lo è il villaggio di Berxhite, dove anche il direttore della scuola primaria statale ha seguito ogni giorno le attività, al termine delle quali ha scritto in una lettera: “Ringrazio ancora una volta la Comunità per quello che ha realizzato in questa scuola, per il livello alto e diversificato delle attività che educano i bambini alla pace, all’amicizia e al rispetto dell’ambiente”.


Andando verso nord, sulla strada verso Elbasan, a mezz’ora di viaggio da Tirana, sulla collina, si incontra un villaggio che si chiama Ibe. Anche lì il direttore della scuola conosce la Comunità da anni. Per questo tutto il villaggio aspettava l’inaugurazione della Scuola della Pace: le mamme, gli anziani, i giovani e tanti, tanti bambini.


La scuola di Shen Gjin, un villaggio nel distretto di Lezha, e’ stretta fra il mare e la montagna, al centro del villaggio: la Comunità l’ha completamente ricostruita ed arredata 3 anni fa, durante la guerra del Kosovo, perché potesse accogliere i bambini profughi. A Shen Gjin tante famiglie rom, tutte poverissime, abitano case in parte distrutte. 

Pochi i bambini che vanno a scuola. La maggior parte è trattenuta dalla vergogna per gli abiti troppo logori, o dal bisogno di lavorare - raccogliendo le lattine di alluminio - per aiutare la famiglia.

Per il secondo anno consecutivo la scuola si e’ aperta per loro d’estate, per un corso di alfabetizzazione in lingua albanese.


Alla periferia di Scutari, la città più importante dell’Albania settentrionale, negli ultimi anni sono giunte tante famiglie dai villaggi delle montagne circostanti. Molte di esse vivono ancora oggi in condizioni disagiate.

Per loro, per la prima volta, si è aperta quest’anno la Scuola della Pace. Si sono iscritti più di 150 bambini. Alla fine della prima settimana, si è fatto festa per le strade della città: un coloratissimo trenino, realizzato dai bambini più piccoli, ha attraversato scenari dipinti dai più grandi, rappresentanti i diversi continenti. Lo stupore di tanti, giovani e anziani, si è trasformato presto in una festa in piazza, a cui hanno partecipato veramente tutti.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
12 Gennaio 2018
ALBANIA

A volte, per descrivere l'amicizia, non servono troppe parole: racconti dall'Albania

IT | DE | NL | HU
11 Gennaio 2018
MALAWI

Vestiti nuovi per 160.000 bambini in Malawi

IT | ES | DE | FR | PT | NL | HU
22 Dicembre 2017
BANGLADESH

Non dimentichiamo il popolo rohingya: la seconda missione di Sant'Egidio nei campi profughi

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
14 Dicembre 2017
LIBIA

Libia: aiuti umanitari agli ospedali della regione del Fezzan

IT | ES | DE | FR | NL
30 Novembre 2017

Europa e giovani migranti, il futuro va creato in Africa. Un articolo di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

29 Novembre 2017

In partenza una nuova missione di Sant'Egidio nei campi dei rohingya in Bangladesh

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID | PL
tutte le news
• STAMPA
19 Gennaio 2018
Famiglia Cristiana

Europa e Africa, un destino comune

13 Gennaio 2018
SIR

Giornata migrante e rifugiato: Comunità di Sant’Egidio, “i Paesi dell’Unione europea seguano il modello dei corridoi umanitari”

30 Dicembre 2017
Notizie Italia News

La politica estera italiana nell'ultima legislatura. Un breve bilancio

23 Dicembre 2017
Il Messaggero

Migranti, Sant’Egidio: in 2 anni corridoi umanitari diventano modello europeo

7 Dicembre 2017
Famiglia Cristiana

E ora l'Europa si accorge dell'Africa

25 Novembre 2017
La Vanguardia

La Comunidad de San Egidio se vuelca con los rohinyá mientras se espera al Papa

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
2 Luglio 2014

Sant'Egidio nella "task force" per la lotta alla pena di morte istituita dal governo italiano per il semestre europeo

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Non muri ma ponti: il messaggio di Andrea Riccardi al 4° congresso di 'Insieme per l'Europa'

Marco Impagliazzo: Il sogno di un'Europa che promuova la società del vivere insieme e la pace

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Walter Kasper

Laudatio per il prof. Andrea Riccardi in occasione del conferimento del Premio Umanesimo 2016 a Berlino

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Martiri d'Albania (1945-1990)





La Scuola
tutti i libri

FOTO

613 visite

541 visite

419 visite

497 visite

587 visite
tutta i media correlati