change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
10 Aprile 2013 | BARCELLONA, SPAGNA

“Sull'orlo dell’Olocausto - dialoghi con un sopravvissuto”

Il libro intervista a Jaime Vándor

 
versione stampabile

Una vita “Sull’orlo dell’Olocausto - dialoghi con un sopravvissuto” (Al filo del Holocausto. Diálogos con un superviviente - Edizioni Viena). E’ questo il titolo di un libro intervista a Jaime Vandor, presentato l’8 Aprile a Barcellona, Giornata Internazionale del popolo Rom, un giorno dopo quello in cui gli ebrei ricordano la Shoah. Più di 6 milioni di ebrei e 400.000 zingari furono assassinati dall’odio nazista. 

“Più che la presentazione di un libro, questo incontro costituisce un omaggio al percorso di Jaime Vándor. Come professore universitario, pensatore e poeta il suo umanesimo ha preso le mosse sempre dalla sua esperienza di un’infanzia sull’orlo dell’Olocausto” così hanno detto Carles Duarte, Vicenç Villatoro, Lluis Bassat e Jaume Castro nei loro interventi.


La partecipazione numerosa e la commozione nella sala del Palazzo Centelles Solferino hanno dimostrato l’affetto e la necessità di non perdere la memoria perchè mai più si ripeta nulla di simile. “Nella storia di Jaime la vita ha vinto l’orrore dell’olocausto. Ma quante vite si persero nell’infanzia, nell’adolescenza, nella giovinezza, e rimasero troncate per sempre?” sottolineava Vicenç Villatoro ricordando l’orrore dello sterminio.


Jaime Vándor nacque a Vienna il 26 febbraio 1933, un giorno prima dell’incendio del Reichstag tedesco. Dopo l’annessione dell’Austria da parte del terzo Reich la sua famiglia di origine ebraica fuggi in Ungheria. Nel 1940 il padre emigrò in Spagna con la speranza di potersi ricongiungere lì più tardi con sua moglie e i suoi figli, tuttavia il blocco alle frontiere lo impedì, e loro tre dovettero rimanere in Ungheria, nel sovraffollato “ghetto internazionale” di Budapest. Nel 1944 i tedeschi occuparono l’Ungheria e migliaia di persone furono deportate e morirono fra cui gran parte degli amici e dei familiari dei Vándor. Jaime, sua madre e suo fratello sfuggirono a questo destino grazie all’opera di Angel Sanz Britz e Giorgio Perlasca, che salvarono dalla deportazione più di 5200 ebrei rifugiati nell’Ambasciata di Spagna. Dopo molte vicissitudini, nel 1947, in pieno dopoguerra spagnolo, i tre riuscirono ad arrivare finalmente a Barcellona.

“Se ti chiedi: che posso fare? La risposta è prima di tutto conoscere”. Risponde Jaime Vándor in questa intervista in cui alla sua esperienza di bambino e adolescente in mezzo alla barbarie della II Guerra Mondiale, unisce una contestualizzazione storica degli eventi e numerose riflessioni serene, miti ed illuminanti sulla memoria, l’etica e l’arte dopo l’esperienza dell’Olocausto.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
31 Gennaio 2018
MILANO, ITALIA

Il ricordo della deportazione degli ebrei dalla Stazione Centrale di Milano il 30 gennaio 1944

30 Gennaio 2018

Memoria della deportazione dalla Stazione di Milano

27 Gennaio 2018
LIVORNO, ITALIA

Una pietra d'inciampo per non dimenticare. A Livorno la manifestazione per la #Giornatadellamemoria2018

26 Gennaio 2018

Giornata della Memoria, Sant'Egidio: contro razzismo e antisemitismo far crescere la cultura dell'incontro e difendere i più deboli

IT | ES | DE | FR | CA
25 Gennaio 2018

'La nostra missione: una Global Friendship'. In un video il messaggio dei giovani europei per la #GiornatadellaMemoria

IT | EN | DE | FR | HU
19 Gennaio 2018

La nomina di Liliana Segre a senatrice a vita è il giusto riconoscimento ad una donna che ha fatto capire quanto è disumana l'indifferenza

tutte le news
• STAMPA
21 Febbraio 2018
Famiglia Cristiana

I 50 anni di Sant'Egidio. L'abbraccio.

10 Febbraio 2018
SIR

50° Sant’Egidio: Gentiloni (presidente del Consiglio), “dalla condizione dei più deboli si misura il benessere autentico di una società”

10 Febbraio 2018
Il Sole 24 ore

Migranti, Gentiloni: sbagliato promettere fine dei flussi

9 Febbraio 2018
Vaticannews

Spadaro: la geopolitica di Francesco è fondata sulla misericordia

7 Febbraio 2018
Il Secolo XIX

Nessuno è troppo piccolo per aiutare

7 Febbraio 2018
Vaticannews

“Fare pace”: la diplomazia della speranza cristiana di Sant’Egidio

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Guida DOVE Mangiare, dormire, lavarsi - Roma 2016

Intervento di Branislav Savic durante la visita di Papa Francesco alla Comunità di Sant'Egidio

CAMPI ROM RISCATTO CERCASI , Avvenire 2 agosto 2013

Benedetta Ferone - Povertà a Napoli: venti anni di amicizia per strada

Povertà a Napoli: rilevazioni della Comunità di Sant’Egidio

tutti i documenti
• LIBRI

''Una giornata particolare''





Tau Editrice
tutti i libri

VIDEO FOTO
6:36
Giornata della memoria: non dimentichiamo la Shoah

544 visite

522 visite

576 visite

603 visite

610 visite
tutta i media correlati