change language
du bist dabei: home - pressearchiv newsletterkontaktlink

Unterstützung der Gemeinschaft

  
26 Januar 2018

La pace in Centrafrica riparte da Francesco

In udienza il presidente Touadéra. A Sant’Egidio: progressi nel disarmo

 
druckversion

ll presidente della Repubblica Centrafricana Faustin-Archange Touadéra ha espresso «gratitudine per la particolare attenzione con cui il Santo Padre e la Chiesa cattolica accompagnano la vita del Paese». Lo ha fatto nel corso dell’udienza avuta ieri mattina in Vaticano con papa Francesco e, successivamente, con il cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin accompagnato dall’arcivescovo Paul Richard Gallagher, “ministro degli Esteri” della Santa Sede.
Un comunicato della Sala Stampa vaticana ha spiegato che «nel corso dei colloqui, svoltisi in un clima cordiale, sono state evocate le buone relazioni esistenti» tra Bangui e Roma, «ulteriormente rafforzate dall’Accordo Quadro tra la Santa Sede e la Repubblica Centrafricana, firmato a Bangui il 6 settembre 2016». La nota ha specificato che ci si è «soffermati sulla situazione nazionale, apprezzando in particolare gli sforzi positivi volti al ripristino della stabilità politico-istituzionale».
Dopo essere stato in Vaticano, Touadéra ha visitato anche la Comunità di Sant’Egidio nella sede di Trastevere. Dopo un lungo colloquio con il fondatore Andrea Riccardi, il presidente ha illustrato, in conferenza stampa, la situazione del Paese, dove Sant’Egidio lavora da anni per favorire la pace. Touadéra ha ringraziato la Comunità per questo impegno che ha portato nel giugno scorso alla firma di un accordo tra i diversi gruppi politico-militari presenti sul territorio avviando il processo di pace. «Dopo l’accordo firmato a Sant’Egidio – ha detto – pur di fronte a grandi difficoltà, tra cui quello delle popolazioni sfollate, abbiamo registrato alcuni progressi nella smobilitazione dei gruppi armati». Così «si concluderà nei prossimi giorni il “programma pilota" di disarmo, con l’adesione di 12 gruppi armati su 14 e il reinserimento nella società civile o nell’esercito regolare di circa 600 combattenti». «Ora – ha aggiunto Touadéra – sta per partire la fase del vero e proprio disarmo generale e contiamo sul coinvolgimento di tutte le forze in campo», compresi i due gruppi rimasti fuori.
Dopo aver ricordato il prezioso sostegno al Paese realizzato dalla «visita memorabile» di papa Francesco del novembre 2015, Touadera ha anche confessato di «confidare in un più ampio dispiegamento delle forze Onu della Minusca (la Missione Onu per il mantenimento della pace in Centrafrica, ndr) in modo da accelerare il processo di pace». E ha anticipato che il suo governo «chiederà che il Premio Nobel per la Pace 2018 venga assegnato alla Comunità di Sant’Egidio» per il «ruolo essenziale» svolto a favore della pacificazione del suo Paese.
Touadera ieri è stato ricevuto anche dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Il leader di Bangui ha ringraziato la Chiesa cattolica per l’attenzione verso il suo Paese: «Ora ci servono più forze Onu».


 LESEN SIE AUCH
• NEWS
30 Januar 2018
BANGUI, ZENTRALAFRIKANISCHE REPUBLIK

Chantal, Elodie und andere – Geschichten von Kindern und anderen, die im DREAM-Programm der zentralafrikanischen Hauptstadt Bangui behandelt werden

IT | ES | DE | FR | CA | NL
25 Januar 2018
ROM, ITALIEN

Der Präsident der Zentralafrikanischen Republik Touadera in Sant’Egidio: Der Friedensprozess wird fortgesetzt, eine neue Phase der Entwaffnung beginnt

IT | ES | DE | FR | PT | CA | ID
23 Januar 2018
PERU

Die Gemeinschaft Sant’Egidio von Lima bei Treffen mit Papst Franziskus

IT | ES | DE | FR | PT
1 Januar 2012

Veranstaltungen "Friede auf Erden"

IT | DE | FR | NL | RU
1 Januar 2012

1. Januar 2012 - Weltfriedenstag

IT | ES | DE | CA
22 Dezember 2011

Andrea Riccardi - Internationaler Pressespiegel

IT | ES | DE | FR | PT
alle neuigkeiten
• RELEASE
11 Februar 2019
Vatican Insider

Riccardi: tra Italia e Vaticano c’è freddezza ma non rottura

26 Februar 2018
Roma sette

Congo e Sud Sudan, Gnavi: «La liberazione ha il nome di Gesù»

23 Februar 2018
Domradio.de

"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"

22 Februar 2018
Famiglia Cristiana

La preghiera sia un urlo contro le guerre

22 Februar 2018
Br-Online

Interview mit Sant'Egidio Mitgründer Andrea Riccardi

21 Februar 2018
Famiglia Cristiana

La rivoluzione dell'amore e della tenerezza, l'unica necessaria #santegidio50

die ganze presseschau
• DOKUMENTE

''Entente de Sant'Egidio'': Political Agreement for Peace in the Central African Republic

Speech of Marco Impagliazzo at the UN Security Council on the situation in the Central African Republic

Libya: The humanitarian agreement for the region of Fezzan, signed at Sant'Egidio on June 16th 2016 (Arabic text)

alle dokumente