change language
you are in: home - press review newslettercontact uslink

Support the Community

  
April 26 2017

Andrea Riccardi e la cancelliera: ''Curiosa, ammira il Papa e dice: voi cosa vi aspettate da me?''

 
printable version

È un rapporto speciale quello tra la Comunità di Sant`Egidio e la cancelliera tedesca Angela Merkel, tanto che, nonostante i mille impegni e la visita di Ivanka Trump, la leader, ieri, ha voluto dedicare 45 minuti ad Andrea Riccardi che ha ricevuto alla Cancelleria insieme con il presidente Marco Impagliazzo. Un colloquio positivo e costruttivo che, oggi, si concretizzerà con la firma di un accordo di collaborazione tra Sant'Egidio e Berlino.

Riccardi, è la seconda volta che incontra la cancelliera. Come mai questo interesse?

«Merkel è una donna curiosa, la sua vita è la politica ma lei sa che bisogna aprirsi all'esterno. Mi ha chiesto: "Cosa vi aspettate da me?". Penso che ci unisca l'idea di un'Europa più compatta e più estroversa».

Estroversa?

«Sì, nel senso che guarda fuori ed è solidale. Abbiamo parlato tanto dell'Africa e di come sostenere in quei Paesi la creazione di società civili sensibilizzando i governi nazionali. Una solidarietà che, ha sottolineato Merkel, alla lunga è nel nostro interesse perché mitigherebbe il flusso dei migranti e aumenterebbe la sicurezza. I tedeschi stanno facendo un piano Marshall sull'Africa e Merkel ha visitato Mali e Niger recentemente».

Il tema dei profughi è stato preponderante?

«Non è stato l'unico tema affrontato. Ma certo abbiamo parlato di quanto sia importante insistere sul processo di integrazione e la cancelliera è sembrata molto interessata ai corridoi umanitari, il progetto pilota realizzato dalla nostra comunità con la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia a la tavola Valdese per concedere a persone in condizioni di vulnerabilità un ingresso legale sul territorio italiano con un visto umanitario e la possibilità di presentare domanda di asilo».

Si è parlato della posizione dell'Italia che sollecita una maggiore cooperazione del resto d'Europa per affrontare i flussi migratori?

«Sì, lei ha detto che capisce il problema italiano e che ne ha parlato in Europa e ci vuole aiutare. Io ho ribadito che dobbiamo capire dov'è la frontiera comune europea. O è in
Africa oppure è nelle Alpi. Esiste una necessità di assunzione di responsabilità non solo dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Ho citato anche il Papa che lei ammira: "Un'Europa che non accoglie e che non fa figli è un suicidio"».

Avete parlato anche di religioni, del problema dell`integrazione dei musulmani?

«Ci siamo trovati d'accordo sul fatto che la strada è quella del dialogo e dell`integrazione. Il prossimo anno anche la Germania parteciperà a un convegno che organizziamo in Togo tra leder cristiani e musulmani. Io ho insistito sul concetto che l'integrazione non passa solo dalla scuola e dalle istituzioni. È fondamentale il ruolo delle comunità».


 ALSO READ
• NEWS
March 25 2011

Wurzburg (Germany) - Ecumenical prayer to remember all those who have been living and died in the street

IT | EN | DE | FR | PT | NL
all the news
• PRINT
February 11 2019
Vatican Insider

Riccardi: tra Italia e Vaticano c’è freddezza ma non rottura

February 25 2018
kathpress

Kardinal Marx fordert mehr Engagement für Einheit der Menschen

February 25 2018
Domradio.de

"Gräben zuschütten"

February 25 2018

„Gräben zuschütten, Spaltungen überwinden“

February 24 2018
Domradio.de

Im Dienst der karitativen Arbeit

February 22 2018
Famiglia Cristiana

La preghiera sia un urlo contro le guerre

all press releases
• DOCUMENTS

Non muri ma ponti: il messaggio di Andrea Riccardi al 4° congresso di 'Insieme per l'Europa'

Andrea Riccardi - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà

Walter Kasper

Laudatio per il prof. Andrea Riccardi in occasione del conferimento del Premio Umanesimo 2016 a Berlino

Medì 2016: PROGRAMMA

Medì 2016: I RELATORI

all documents

PHOTO

345 visits

321 visits

323 visits

355 visits
all the related media