change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
18 Aprile 2013 | BERLINO, GERMANIA

A 70 anni dalla deportazione dei rom e sinti di Berlino, la città ricorda, su invito della Comunità di Sant'Egidio

Settant’anni fa, nella primavera del 1943, più di 20.000 Sinti e Rom furono deportati nel campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau. La cerimonia e l'appello dei giovani

 
versione stampabile

Settant’anni fa, nella primavera del 1943, più di 20.000 Sinti e Rom furono deportati nel campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau dai territori allora appartenenti al Terzo Reich e da quelli occupati in base ad un ordine di Heinrich Himmler del 16 dicembre 1942. Tra i deportati vi erano anche i Sinti e i Rom del campo di lavori forzati berlinese di Marzahn. Di questi eventi si è fatto memoria a Berlino in una cerimonia di commemorazione organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio.

I partecipanti alla marcia silenziosa, fra i quali molti giovani, hanno sfilato da Potsdamer Platz fino al monumento in memoria dei Sinti e Rom uccisi durante il nazionalsocialismo. Cartelli con su scritti i nomi dei campi di concentramento hanno accompagnato la marcia, che ha suscitato l’attenzione di tanti passanti in questa fredda giornata di aprile.

Davanti al monumento, ha preso la parola
Rita Prigmore, una donna sinti, bambina all'epoca del Porajims, sopravvissuta agli esperimenti medici effettuati sui gemelli nella clinica universitaria di Wurzburg. Era già adulta quando ha saputo da sua madre che la sua sorella gemella, Rolanda, aveva trovato la morte in quella clinica. Rita Prigmore ha chiesto a tutti i partecipanti alla cerimonia di impegnarsi in prima persona contro ogni forma di razzismo e li ha esortati ad accogliere i Sinti e i Rom che negli ultimi anni si sono trasferiti a Berlino da paesi come la Romania e la Bulgaria. Rivolgendosi ai Sinti e ai Rom ha poi aggiunto: “Cercate uomini di buona volontà che vi aiutino a trovare lavoro, a ricevere una buona formazione e a trovare qui una nuova patria”. Una giovane Rom della Romania, che vive a Berlino da un mese e che ha preso parte con la sorella alla manifestazione, aveva le lacrime agli occhi ascoltando queste parole.  

Numerosi interventi hanno fatto eco alle sue parole.  La sovrintendente generale di Berlino, Ulrike Trautwein, che ha ricordato come i Sinti e Rom abbiano sofferto isolamento ed esclusione sin dal loro arrivo in Germania, nel XV secolo, e che ci è voluto fin troppo tempo perché in Germania ci si interrogasse seriamente sulle ingiustizie perpetrate nei loro confronti. Alexander Linke, della Comunità di Sant’Egidio, ha affermato: “Il popolo dei Sinti e dei Rom deve trovare il posto di cui è degno nelle città d’Europa, perché è un popolo che è stato perseguitato in passato e che ancora oggi è discriminato. È un popolo su cui pesano pregiudizi che si trasmettono di generazione in generazione”. Mentre la direttrice della Caritas di Berlino, Ulrike Kostka, ha sottolineato l'importanza di questo monumento, luogo di memoria, anche considerando la discriminazione e lo stigma che ancora colpiscono i circa 20.000 Sinti e Rom oggi presenti a Berlino
.

In conclusione della cerimonia è stato letto un appello in cui i giovani si sono impegnati a lottare contro ogni discriminazione. Vi si legge: “Vogliamo conoscere gli uomini di altre religioni, culture e nazionalità, giovani e anziani, migranti e nati qui, deboli e forti, ricchi e poveri […] Insieme vogliamo sognare che la nostra città non escluda nessuno, che ogni uomo vi possa trovare degli amici, che tutti vi possano vivere dignitosamente”.

Testo completo dell'appello: Per un mondo senza razzismo –  per un mondo senza violenza


 LEGGI ANCHE
• NEWS
4 Febbraio 2018
MACERATA, ITALIA

Macerata, solidarietà di Sant’Egidio con le vittime: una delegazione visita i feriti in ospedale

IT | ES
31 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

La Comunità di Sant’Egidio ricorda il prof. Joachim Gnilka scomparso a Monaco all’età di 90 anni.

IT | DE
28 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

'Il piatto più buono è quelllo dell'amicizia': lo offre Sant'Egidio a tanti amici nelle periferie di Monaco di Baviera

IT | DE
24 Gennaio 2018

I Giovani per la Pace contro il razzismo. Il loro messaggio in un video

19 Gennaio 2018
MÖNCHENGLADBACH, GERMANIA

La Storia di Rawan: dalla guerra in Iraq alla Scuola della Pace

IT | ES | DE | NL | HU
13 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

Vaccini antinfluenzali: Sant'Egidio e Federazione Medici realizzano campagna per 4 mila soggetti fragili

tutte le news
• STAMPA
25 Febbraio 2018
kathpress

Kardinal Marx fordert mehr Engagement für Einheit der Menschen

25 Febbraio 2018
Domradio.de

"Gräben zuschütten"

25 Febbraio 2018

„Gräben zuschütten, Spaltungen überwinden“

24 Febbraio 2018
Domradio.de

Im Dienst der karitativen Arbeit

10 Febbraio 2018
SIR

50° Sant’Egidio: Gentiloni (presidente del Consiglio), “dalla condizione dei più deboli si misura il benessere autentico di una società”

10 Febbraio 2018
Il Sole 24 ore

Migranti, Gentiloni: sbagliato promettere fine dei flussi

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
29 Settembre 2014
ANSA

Obama contro le discriminazioni razziali in America. Anche pena di morte applicata su base razziale

2 Luglio 2014

Sant'Egidio nella "task force" per la lotta alla pena di morte istituita dal governo italiano per il semestre europeo

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Non muri ma ponti: il messaggio di Andrea Riccardi al 4° congresso di 'Insieme per l'Europa'

Marco Impagliazzo: Il sogno di un'Europa che promuova la società del vivere insieme e la pace

Walter Kasper

Laudatio per il prof. Andrea Riccardi in occasione del conferimento del Premio Umanesimo 2016 a Berlino

Intervento di Branislav Savic durante la visita di Papa Francesco alla Comunità di Sant'Egidio

CAMPI ROM RISCATTO CERCASI , Avvenire 2 agosto 2013

tutti i documenti
• LIBRI

''Una giornata particolare''





Tau Editrice
tutti i libri

FOTO

330 visite

312 visite

337 visite

314 visite

349 visite
tutta i media correlati