change language
sie sind in: home - pressearchiv newsletterkontaktlink

Unterstützung der Gemeinschaft

  
21 September 2017

Già più di 200 morti per il terremoto

Il Messico piange le vittime dei crolli. Strage di bambini

Mobilitati i volontari di Sant'Egidio: «Aiutiamo vigili del fuoco e Protezione civile»

 
druckversion

«Non ci sono vittime italiane, abbiamo ricevuto moltissime chiamate dall'Italia anche per sapere di chi, turista, si trovava qui in Messico». Luigi Maccotta, ambasciatore italiano in Messico, era da poco rientrato dall'esercitazione di evacuazione per l'anniversario del sisma dell'85 quando, poco dopo le 13, è riscattato l'allarme. «Mi è sembrato strano, riascoltare l'allarme due volte nel giro di poco tempo. Invece era davvero il terremoto, siamo scesi in giardino e tutto il personale ha adottato le misure previste». Da poco in Messico, l'ambasciatore Maccotta ha sperimentato subito l'esperienza del sisma. «Non registriamo feriti o deceduti. Abbiamo avvertito il movimento oscillatorio e ondulatorio. Dopo il 7 settembre hanno adottato delle misure di prevenzione e un allarme che, dopo 97 secondi, avvisa quando si superano i 5 gradi», descrive apprezzando il lavoro di società civile, spalla a spalla con i corpi preposti al soccorso.
«Stavo scrivendo il pezzo della commemorazione del 1985 quando mi sono ricordato di cosa mi aveva detto un operatore della protezione civile e sono scappato fuori». Rafael Romo, corrispondente della Cnn, ci ha messo 50 lunghi, terribili secondi per lasciare l'edificio, cercare colonne e scale quando tutto si muove, e salvarsi.
A Città del Messico ci si salva anche con la memoria. «Nel 1985 ero alla Colonia Juarez e non posso descrivere nulla, non ce la faccio». È troppo carica di emozioni Reina Ruiz, una donna che vive nella zona colpita dal sisma della capitale messicana, mentre osserva per strada la fila dei cittadini che scavano tra le macerie.
«La situazione a Città del Messico è veramente grave, una megalopoli di circa 28 milioni di abitanti messa in ginocchio dalla forte scossa di terremoto: palazzi collassati; un quarto della popolazione ancora senza corrente elettrica. È interrotta la somministrazione del gas, si sono aperte voragini e parti di sopraelevate sono crollate». Giovanni Impagliazzo, responsabile della Comunità di Sant'Egidio per il servizio umanitario in America Latina, illustrala sua esperienza. I volontari della comunità, circa un migliaio, stanno tutti bene e, nella capitale e a Puebla, portano il loro aiuto con pasti caldi e attività di sostegno. «I messicani - racconta - sono un grande popolo: di fronte a questa immensa tragedia stanno dimostrando spirito di collaborazione. Sono l'uno accanto all'altro. Aiutano le squadre di soccorso tra Vigili del fuoco, Protezione civile ed esercito, a liberare le persone ancora intrappolate». I volontari si sono organizzati per preparare pasti caldi da distribuire alle persone che stanno scavando, in particolare nelle zone sud e centrale della città, sottolinea Impagliazzo. Divisi in squadre, cucinano nelle case e portano cibo a chi sta operando sulle macerie. «Abbiamo anche tante "scuole della pace". Un gruppo di giovani universitari è andato in cerca dei bambini per farli stare tutti insieme e giocare. La situazione a Puebla è leggermente diversa. Ci sono stati meno crolli di palazzi». Anche in questa città Sant'Egidio è impegnata con attività di sostegno ai bambini per dare loro un po' di serenità dopo la devastazione.
«Eravamo in riunione al quarto piano, a un certo punto il lampadario ballava, i vetri tintinnavano e le pareti si muovevano». Padre Yair Ortega Martinez descrive così l'esperienza vissuta a poche ore dall'anniversario del terremoto del 1985. «Dopo sono andato per le strade, sino alle tre di notte nei centri di raccolta per aiutare i soccorsi e provvedere ai beni di prima necessità». «Il secondo piano di casa è caduto, sono scappato, ma almeno siamo tutti salvi». Fermìn, 77 anni, vive a Cuautla, nello stato di Morelos, non lontano dall'epicentro del sisma. «Mio figlio mi ha invitato a casa sua, in una città vicina. Ho preferito rimanere qui, scavare tra le macerie e dare una mano a chi ha bisogno», spiega risoluto. «La luce è tornata a mezzanotte. Ho avuto terrore ricordando il 1985, erano solo due ore dall'anniversario, siamo usciti di casa, alla colonia del Valle si è sentito davvero forte», racconta Grace mentre va a messa il giorno dopo per ringraziare di essere viva. «Sembrava l'esplosione di un vulcano, sono sconvolta», riferisce Vicky Durruty, sposata con un italiano a Cuernavaca. «Abbiamo avuto 57 morti in questa zona. A Città del Messico un amico è stato sepolto dal suo appartamento».


 LESEN SIE AUCH
• NACHRICHTEN
18 November 2017

Welttag der Armen, Sant’Egidio – eine starke Botschaft der Solidarität, die zur Überwindung von Misstrauen aufruft

IT | ES | DE | RU
15 November 2017
MEXIKO-STADT, MEXIKO

Eine Geschichte über die Möglichkeit, das Leben von Straßenkindern durch kleine Gesten der Solidarität zu verändern

IT | ES | DE
21 September 2017
MEXIKO

Erdbeben – erste Hilfen der Gemeinschaft Sant’Egidio

IT | ES | DE | FR | CA
28 Juli 2017
MÜNCHEN, DEUTSCHLAND

Sommer der Solidarität - ein neues Zentrum für die Schule des Friedens in der Peripherie

27 Juli 2017
WÜRZBURG, DEUTSCHLAND

Sprache, Kultur und Solidarität – die Schlüssel der Integration

25 Juli 2017

Der Sommer der Solidarität 2017 mit der Gemeinschaft Sant'Egidio: Bilder aus Italien und der Welt

IT | EN | ES | DE | FR | ID
all news
• RELEASE
15 Februar 2018
La Nazione

Un pasto per chi non ha nulla. Ecco come si può dare una mano

4 Februar 2018
FarodiRoma

Raid xenofobo a Macerata. La Comunità di Sant’Egidio conforta i feriti

2 Februar 2018
el Periódico

La brújula de los sintecho

1 Februar 2018
La Vanguardia

La dificultad de acceso a vivienda aumenta el riesgo de pobreza en Barcelona

11 Januar 2018
Credere La Gioia della Fede

L'appello dì Sant'Egidio: non sì può morire dì freddo

7 Januar 2018
Redattore Sociale

Nuova via virtuale per i senza dimora, "augurio che cresca la solidarietà"

alle pressemitteilungen
• GESCHEHEN
1 Januar 2018 | MEXIKO-STADT, MEXIKO

Paz en todas las tierrasn en Ciudad de México

ALLE SITZUNGEN DES GEBETS FÜR DEN FRIEDEN
• KEINE TODESSTRAFE
10 Oktober 2017

On 15th World Day Against the Death Penalty let us visit the poorest convicts in Africa

7 Oktober 2015
VEREINIGTE STAATEN

The World Coalition Against the Death Penalty - XIII world day against the death penalty

5 Oktober 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

24 September 2015

Pope Francis calls on Congress to end the death penalty. "Every life is sacred", he said

12 März 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

12 März 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

9 März 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

9 März 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 März 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

28 Februar 2015
VEREINIGTE STAATEN

13 Ways Of Looking At The Death Penalty

15 Februar 2015

Archbishop Chaput applauds Penn. governor for halt to death penalty

11 Dezember 2014
MADAGASKAR

C’est désormais officiel: Madagascar vient d’abolir la peine de mort!

gehen keine todesstrafe
• DOKUMENTE

Gli aiuti umanitari in Siria e Libano

Programma "W gli anziani": attività con gli anziani a Roma nel luglio e agosto 2013

Contrasto all’esclusione sociale: iniziative per l'estate 2013

Giovani e anziani per un estate di solidarietà 2013

La GUIDA "DOVE mangiare, dormire, lavarsi" 2013

Programma in RUSSO

alle dokumente

FOTOS

739 besuche

1032 besuche

805 besuche

734 besuche

767 besuche
alle verwandten medien