change language
vous êtes dans: home - l'oecum...dialogue - rencontr...tionales - barcelone 2010 newslettercontactslink

Soutenez la Communauté

  

Les arrivées des premiers couloirs humanitaires 2018 en Italie. La nouvelle phase du projet, devenu un modèle d'accueil et d'intégration pour l'Europe

"PAIX SUR TOUTES LES TERRES" : 1er janvier, une marche pour un monde qui sache accueillir et intégrer

Le premier jour de l'année nouvelle, manifestations sur tous les continents pour soutenir le message du pape François

De l'Indonésie au Salvador, de l'Allemagne au Mozambique, voici les nouvelles galeries d'images des repas de Noël de Sant'Egidio dans le monde

Des photos continuent d'affluer de tous les continents, regardez-les sur notre carte interactive!

Galerie de photos et vidéos du repas de Noël à Santa Maria in Trastevere

Visite virtuelle de la crèche de Sant'Egidio : Jésus accueilli par les pauvres, les malades, les sans logis et les hommes de toutes confessions

Sant'Egidio et la Muhammadiyah signent à Djakarta un nouvel accord pour la paix et le dialogue interreligieux

une délégation de la Communauté menée par Marco Impagliazzo se trouve en Indonésie

Sant'Egidio au conseil de sécurité de l'ONU pour un point sur la République centrafricaine

Mauro Garofalo : "Le succès de ce premier désarmement garantit la crédibilité de l'ensemble du processus en actes"

Donner à manger aux personnes âgées au Mozambique : distribuitions d'aides alimentaires aux plus pauvres dans la ville de Beira

Aidons les réfugiés rohingyas au Bangladesh

La Communauté de Sant’Egidio lance une collecte de fonds pour envoyer des aides dans les camps de réfugiés au Bangladesh, en collaboration avec l’Eglise locale

Tous les textes de la rencontre #Pathsofpeace

L'assemblée d'inauguration de la rencontre internationale Chemins de Paix

Chemins de 2017 : tout sur la rencontre internationale des religions du monde pour la paix

Le programme, les intervenants et les événements en direct streaming

Global friendship, #MoreYouthMorePeace : le message et l’engagement des Jeunes pour la paix à Barcelone

rendez-vous l’année prochaine à Rome !

 
version imprimable
4 Octobre 2010 09:30 | Ajuntament. Saló de Cent

Barcellona 2010 - Intervento di NIFON


Nifon


Métropolite orthodoxe, Patriarcat de Roumanie
I poveri – il Tesoro della Chiesa
 
È per me un grande onore, come metropolita ortodosso, avere l’opportunità di rivolgermi a voi tutti, cari fratelli e sorelle, che partecipate a questo incontro di Sant’Egidio. Mi è stato chiesto di parlare dei poveri nella loro qualità di “tesoro della Chiesa”. Penso concordiate con me sul fatto che il tema è stimolante e che l’istintiva reazione umana potrebbe essere quella di considerare piuttosto i poveri come un fardello per la società e forse persino per la Chiesa. Davvero, come Chiesa, consideriamo i poveri un “tesoro”? E se sì, perché sono un tesoro, dal momento che sappiamo esserci molti, troppi, poveri, anche nelle regioni considerate benestanti? Secondo le statistiche ufficiali del Parlamento Europeo, ci sono circa 80 milioni di poveri, solo in Europa. Perché considerare i poveri un tesoro dal momento che sappiamo che essi urlano forte per i propri diritti e contro l’ingiustizia? Perché dovremmo considerare i poveri un tesoro, dal momento che sono vulnerabili, diventano facilmente vittime di diverse forme di criminalità, e disturbano la nostra quiete?
 
Mentre i responsabili politici e la società potrebbero considerare i poveri un problema sociale, politico, od anche culturale, la Chiesa ci chiama a - e ci chiede di considerarli un tesoro. Questo innanzitutto perché la Chiesa non funziona secondo le regole di questo mondo. San Giovanni Crisostomo venne chiamato a rispondere, sul piano sociale, all’interrogativo sul perché Dio permetta l’esistenza dei poveri. La sua risposta è semplice e molto attuale: Dio permette l’esistenza dei poveri nel mondo perché noi possiamo praticare la virtù della misericordia. Il ben noto padre della Chiesa ci chiama a vedere nel povero Nostro Signore Gesù Cristo stesso.
 
San Giovanni Crisostomo non solo risponde a questo interrogativo, ma propone soluzioni molto concrete per il superamento della povertà nel contesto sociale. Predicando ad Antiochia, da giovane sacerdote, egli ha semplicemente calcolato che il 20% della popolazione fosse ricco e analogamente il 20% fosse povero, mentre il rimanente non era né povero né ricco. Secondo lui, se la popolazione benestante fosse stata disponibile a soccorrere quella povera, la povertà sarebbe scomparsa da Antiochia. Se guardiamo al nostro mondo globalizzato, ci rendiamo conto che è tanto simile all’Antiochia di San Giovanni Crisostomo ed anche che la soluzione proposta da San Giovanni è profondamente cristiana e molto attuale.
 
Un’altra testimonianza su come i cristiani siano chiamati a vincere la povertà ci è data da San Basilio di Cesarea. Come dignitario ecclesiastico, si trovò ad affrontare la crisi finanziaria ed economica dell’Impero Romano alla fine del IV secolo, con la quale l’attuale crisi presenta molte somiglianze. I poveri diventavano sempre più poveri, e i ricchi sempre più ricchi. Avidamente, la gente approfittava della disperata condizione dei poveri, dando loro prestiti ad alto interesse e comprando i loro ultimi beni ad un prezzo molto basso. San Basilio chiede ai ricchi, innanzitutto di non trarre profitto dalla condizione dei poveri, e poi di aiutarli, come fratelli e sorelle, a superare il periodo di crisi. Si rivolge anche ai poveri, chiedendo loro di esercitare più del solito la virtù della sobrietà e di non contrarre grossi debiti. San Basilio ritiene che anche i poveri debbano sforzarsi essi stessi di sconfiggere la propria povertà.
 
Ai giorni nostri, la Chiesa è chiamata a combattere il fenomeno sociale della povertà insieme a tutti gli altri soggetti che si sentono responsabili in questo campo. Il 30 settembre di quest’anno, quattro grandi istituzioni ecumeniche e diaconali europee – Eurodiaconia, Caritas Europa, la Commissione Chiesa e Società del Consiglio Europeo delle Chiese e il Segretariato della Commissione della Conferenza Episcopale della Comunità Europea (COMECE) – hanno presentato ufficialmente al Parlamento Europeo un documento intitolato “Non negare giustizia ai tuoi poveri. Proposte per combattere la povertà e l’emarginazione nell’UE”. Il documento è una risposta delle Chiese europee, associate in differenti organizzazioni ecumeniche e diaconali, all’Anno Europeo della Lotta alla Povertà e all’Esclusione Sociale, proclamato per il 2010, ma è al tempo stesso un chiaro segnale che, nei sistemi democratici, la Chiesa dovrebbe lavorare insieme ai responsabili politici per sconfiggere la povertà.
 
Avete visto che finora ho trattato il concetto del povero secondo il suo significato corrente, come pure avevano fatto San Giovanni Crisostomo e San Basilio di Cesarea. Ma nella Chiesa c’è un’altra dimensione della povertà, che è la povertà spirituale. Quante persone spiritualmente povere ci sono in Europa? Ovviamente, è impossibile dirlo. Quanti, di coloro che non sono considerati parte della categoria sociale dei poveri, fanno parte di quella degli spiritualmente poveri? Di nuovo, non abbiamo risposta. Ma, come membri della Chiesa di Gesù Cristo e membra del Suo Corpo spirituale che è la Chiesa, sappiamo che siamo chiamati da Nostro Signore a “portare i pesi gli uni degli altri”. E sappiamo che molti, di quanti sono considerati poveri su un piano sociale, sono spiritualmente ricchi. Certamente essi hanno qualcosa da offrire all’interno della Chiesa. Si tratta delle loro preghiere, della loro testimonianza al mondo che i valori spirituali devono sovrastare quelli materiali. All’interno della Chiesa, non c’è una netta distinzione tra chi aiuta e chi è aiutato. Ognuno ha ricevuto un dono che è finalizzato prima di tutto ad aiutare e servire gli altri.
 
Seguendo i principi che ho appena esposto, comprenderemo che, dal punto di vista della Chiesa, non c’è distanza tra ricchi e poveri, ed ancor più che le categorie di povero e non povero non sono così chiare se si considerano entrambi gli aspetti della povertà: quello sociale e quello spirituale. In questo senso, i poveri sono il tesoro della chiesa perché ognuno di noi, in quanto esseri umani, in quanto immagine di Dio, in quanto coloro per i quali Dio ha sacrificato Suo figlio, è tesoro della Chiesa.
 


Barcelona 2010

Mensaje
del Papa
Benedicto XVI


NOUVELLES EN RELATION
24 Janvier 2018
ROME, ITALIE

"La puissance de l'Eglise de Jésus est une force désarmée qui arrête le mal."


Prédication du pasteur Paolo Ricca pour la Semaine de Prière pour l'Unité des Chrétiens
IT | FR | HU
18 Octobre 2017

Un mois après la rencontre des religions à Münster, les Chemins de paix ont traversé quatre continents


Sur la photo, l'événement à Blantyre, Malawi. Voir les photos et vidéos des autres rencontres
IT | ES | DE | FR | RU
26 Septembre 2017
ABIDJAN, CÔTE-D'IVOIRE

Prière pour la paix en Côte d’Ivoire : la rencontre interreligieuse #PathsofPeace mise en œuvre par Sant’Egidio à Abidjan

IT | FR | HU
22 Septembre 2017
MÜNSTER, ALLEMAGNE

Tous les textes de la rencontre #Pathsofpeace

IT | EN | ES | FR | CA
15 Septembre 2017
MÜNSTER, ALLEMAGNE

En vidéo, les interventions de la table ronde "Faire la paix" à la rencontre internationale #PathsofPeace

IT | FR
14 Septembre 2017

Aux racines du terrorisme. VIDEO


#Pathsofpeace
IT | EN | FR
toutes les nouvelles connexes


{PROGRAMMA_BOX_PP}
NOUVELLES EN RELATION
24 Janvier 2018
ROME, ITALIE

"La puissance de l'Eglise de Jésus est une force désarmée qui arrête le mal."


Prédication du pasteur Paolo Ricca pour la Semaine de Prière pour l'Unité des Chrétiens
IT | FR | HU
18 Octobre 2017

Un mois après la rencontre des religions à Münster, les Chemins de paix ont traversé quatre continents


Sur la photo, l'événement à Blantyre, Malawi. Voir les photos et vidéos des autres rencontres
IT | ES | DE | FR | RU
26 Septembre 2017
ABIDJAN, CÔTE-D'IVOIRE

Prière pour la paix en Côte d’Ivoire : la rencontre interreligieuse #PathsofPeace mise en œuvre par Sant’Egidio à Abidjan

IT | FR | HU
22 Septembre 2017
MÜNSTER, ALLEMAGNE

Tous les textes de la rencontre #Pathsofpeace

IT | EN | ES | FR | CA
15 Septembre 2017
MÜNSTER, ALLEMAGNE

En vidéo, les interventions de la table ronde "Faire la paix" à la rencontre internationale #PathsofPeace

IT | FR
14 Septembre 2017

Aux racines du terrorisme. VIDEO


#Pathsofpeace
IT | EN | FR
toutes les nouvelles connexes