change language
usted está en: home - ecumenis...diálogo - encuentr...r la paz - sarajevo 2012 newslettercómo contactarnoslink

Ayuda a la Comunidad

  

Liturgia de Acción de Gracias por el 50 aniversario de la Comunidad de Sant'Egidio

10 de febrero, a las 17.30 h Basílica de San Juan de Letrán

Más dificultades para los más pobres para encontrar, conservar o quedarse en una casa

Presentación de la guía DÓNDE 2018

Llegan a Italia los primeros corredores humanitarios de 2018. La nueva fase del proyecto que se ha convertido en un modelo de acogida e integración para Europa


 
versión para imprimir
10 Septiembre 2012 14:30 | Hanika Hall (close to Gazi Husrev-begova medresa)

Contributo di Hozumi



Gensho Hozumi


Budismo Rinzai Zen, Japón

Nel corso della storia, la religione è stata per gli esseri umani un argomento di tale importanza che non poteva non essere affrontato. Se le religioni del mondo sono arrivate fino a noi, è per aver affrontato le numerose problematiche e per aver sapientemente riflettuto su di esse. Le varie denominazioni religiose con numerosi fedeli non devono farsi sfuggire il seguente particolare. Ossia, che al giorno d’oggi è impensabile credere di poter salvare l’umanità solo con la propria religione. Così come per il cristianesimo, è divenuto necessario per tutti cercare una via costruttiva attraverso il dialogo e la reciproca comprensione tra le diverse religioni.

Il “Concilio Vaticano II”, indetto tra il 1962 e il 65, è stato esattamente questo. Successivamente al Concilio, ebbe inizio il dialogo tra le varie religioni in maniera molta attiva e, quando Paolo Giovanni II, di origine polacca, salì sul soglio pontificio, esso prese ancor più vigore.
Nel 1986, anno in cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato come “Anno Internazionale della Pace”, il papa disse che avrebbe voluto che tutti gli uomini rivolgessero l’attenzione al tema della “pace” e che si impegnassero per la sua realizzazione e aggiunse di voler invitare ad un “grande movimento di preghiera per la pace” non solo i cattolici, ma tutti i cristiani, quindi anche gli ortodossi e i protestanti compresi. In seguito, durante l’omelia fatta presso San Paolo fuori le mura a Roma, aggiunse che “avrebbe iniziato degli incontri per organizzare un incontro speciale ad Assisi per pregare per la pace con i rappresentanti di tutte le religioni cristiane e del mondo”, spiegando che Assisi, grazie alla purezza di San Francesco, è la città che simboleggia il concetto universale di fraternità e che tale incontro sarebbe stato indetto il 27 ottobre. L’obiettivo era riunire ad Assisi tutti i leaders delle religioni del mondo, affinché si pregasse insieme per la pace, ognuno secondo il proprio credo. E’ stato il papa stesso, fautore di questo incontro, ad indicare la strada “per pregare per la pace”. E’ inutile dire quanto questo incontro sia stato rivoluzionario.
Iniziare l’“Incontro Interreligioso di preghiera per la pace” fu un voto fatto da Papa Giovanni Paolo II. In questo modo i rappresentanti delle religioni del mondo si riunirono in un monastero di Assisi.

La Comunità di Sant’Egidio ha ereditato lo Spirito di Assisi nel tempo e per questo 26esimo incontro è stata scelta la città di Sarajevo.
Nel frattempo, l’11 settembre 2001 vi è stato l’attacco terroristico devastante a New York, in America, che ha comportato la distruzione di 2 grattacieli. Il 24 gennaio dell’anno successivo, il Papa invitò nuovamente i rappresentati religiosi ad Assisi.
In quell’occasione anch’io venni invitato all’incontro e vi partecipai.  Abbiamo pregato affinché una tragedia del genere non si ripetesse mai più. Prima ancora di chiedermi cosa si potesse fare con la preghiera, mi sono accorto della preziosità della vera preghiera e come senza la preghiera non si possa fare nulla.
Noi abbiamo il dovere di portare avanti il dialogo affinché non venga dimenticato l’11 settembre e di pregare per la pace del mondo. Ho sentito dal profondo del cuore quanto sia importante quest’incontro per l’umanità che va oltre le differenze etniche, tra gli Stati e le religioni. Il canto che mi sovvenne in quel momento era “La primavera di questo mondo, in cui il sole, la luna, la terra brillano insieme di vita”.
Anche l’allora Zashu (n.d.t. abate) del Buddismo Tendai, il Rev. Etai YAMADA, ha voluto ereditare lo spirito di preghiera per la pace di Assisi e dall’anno successivo, ogni 4 di agosto, viene organizzato un incontro mondiale di preghiera per la pace presso il monte Hiei, considerato come culla del Buddismo giapponese. Quest’anno abbiamo celebrato il 25esimo incontro e il giorno precedente vi sono state sia la celebrazione che varie tavole rotonde presso la Kyoto International Conference Center. Il fatto che anche in Giappone si continui a trasmettere lo spirito della preghiera per la pace di Assisi è perché abbiamo il dovere e la responsabilità di tramandarlo anche alle generazioni future.

Vorrei concludere il mio discorso riportandovi la “Poesia Semplice” attribuita a San Francesco d’Assisi e che sta alla base del suo pensiero.
Signore, fa di me uno strumento della Tua Pace.
Dove è odio, fa ch’io porti l’Amore.
Dove è offesa, ch’io porti il Perdono.
Dove è discordia, ch’io porti l’Unione.
Dove è dubbio, ch’io porti la Fede.
Dove è disperazione, ch’io porti la Speranza.
Dove sono le tenebre, ch’io porti la Luce.
Dove è tristezza, ch’io porti la Gioia.
Oh Maestro, fà che io non cerchi tanto:
Di esser consolato, quanto di consolare;
Di esser compreso, quanto di comprendere;
di  essere amato, quanto di amare.
Poiché così è: donando che si riceve,
Perdonando, che si è perdonati, Morendo, che si resuscita a vita eterna.

Questo discorso è stato scritto il 2 agosto, mentre rientravo da un convegno interreligioso tenutosi in Messico, facendo scalo a San Francisco in America.

Vi ringrazio per l’ascolto.

Mensaje del Papa para el Encuentro de Sarajevo
Benedicto XVI

Programa Inglés
PDF

BROADCAST LIVE PROGRAMME

NOTICIAS RELACIONADAS
17 Octubre 2017

Un mes después del Encuentro de las religiones en Münster, los Caminos de Paz han pasado por 4 continentes


En la foto, acto realizado en Blantyre (Malawi). Mira las fotos y los vídeos de los otros actos
IT | ES | DE | FR | RU
10 Octubre 2017
LA HABANA, CUBA

Las religiones se reúnen en La Habana para abrir Caminos de Paz en Cuba


El encuentro interreligioso de oración por la paz organizado por Sant'Egidio en el Estado caribeño
IT | EN | ES | DE | NL | ID
24 Septiembre 2017
JOS, NIGERIA

#PathsofPeace en Nigeria: en Jos, cristianos y musulmanes dialogan para abrir Caminos de Paz


Después de Münster se multiplican los encuentros de oración y diálogo entre las religiones organizados por Sant'Egidio
IT | EN | ES | DE | CA
22 Septiembre 2017

En VÍDEO, las intervenciones de la mesa redonda 'Migrantes: salvar, acoger, integrar'


#PathsofPeace
IT | ES | CA
21 Septiembre 2017
MÜNSTER, ALEMANIA

Caminos de Paz: textos. vídeos y noticias del encuentro internacional de oración por la paz de Münster

IT | EN | ES | FR | CA
21 Septiembre 2017
ESPAÑA
Comunicado de prensa

No dejemos pasar más tiempo. Solamente un diálogo verdadero y razonable, permitirá encontrar una salida a la crisis Cataluña-España

IT | ES | CA
todas las noticias relacionadas

NOTICIAS DESTACADAS
5 Febrero 2018

Sant'Egidio, 50 años al servicio de la paz - entrevista a Marco Impagliazzo


"Satisfecho de haber hecho descubrir a muchos la alegría del Evangelio"
IT | ES | CA | ID | HU
3 Febrero 2018 | MACERATA, ITALIA
Comunicado de prensa

Macerata, solidaridad de Sant'Egidio con las víctimas: una delegación visita a los heridos en el hospital


“Al lado de quien ha sufrido el odio y el racismo. No al desprecio que provoca violencia”
IT | ES
31 Enero 2018 | IRAK

Iraq: preocupación de Sant'Egidio por el recurso a la pena de muerte

IT | ES | DE | FR

PRENSA RELACIONADA
22 Febrero 2018
Domradio.de
"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"
31 Enero 2018
SIR
50° Comunità Sant’Egidio: Hilarion (Patriarcato di Mosca), “la nostra una collaborazione che ha dato tanti buoni frutti”
29 Enero 2018
Vaticannews
Corridoi umanitari: la collaborazione ecumenica via della speranza
25 Enero 2018
POW - Pressestelle des Ordinariates Würzburg
Angst und Lethargie überwinden
14 Enero 2018
Roma sette
Ecumenismo, in processione con anglicani, luterani e ortodossi
todo relacionado con la prensa

LIBROS
La Palabra de Dios cada día 2018



Ediciones Sígueme
catálogo


CÓMO SEGUIR EL ENCUENTRO
Sarajevo 2012

Si Ringrazia