change language
sie sind in: home - pressearchiv newsletterkontaktlink

Unterstützung der Gemeinschaft

  
28 September 2016

Papa Francesco all'incontro di Assisi

«Il primo posto va a chi soffre»

 
druckversion

Le immagini di papa Francesco che, appena arrivato ad Assisi, saluta uno a uno i rappresentanti delle varie religioni, i capi di Stato, i rifugiati scappati dalla guerra, i politici, gli economisti, gli intellettuali, i fedeli; che pranza insieme con i potenti e i poveri; che prega, che sta in silenzio, che ammonisce, sintetizzano in un colpo solo le strade che ciascuno secondo le proprie responsabilità può intraprendere per fare spazio alla pace. Le strade del dialogo e dell'amicizia, del guardarsi negli occhi, del toccare le ferite gli uni degli altri, del conoscere, del tendere la mano.
A trent'anni di distanza dall'incontro voluto da Giovanni Paolo II il 27 ottobre del 1986, Francesco torna, grazie alla Comunità di Sant'Egidio, a parlare a un mondo che ha "Sete di pace", come recita il titolo dell'incontro. Lo fa accanto al patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I, tenace almeno quanto il Papa argentino nel chiamare a raccolta i suoi contro la guerra. Lo fa insieme al rabbino Abraham Skorka, suo amico fin dai tempi in cui Bergoglio era arcivescovo di Buenos Aires, al musulmano Abbas Shuman, vicepresidente dell'Università Al-Azhar, al buddhista Gijun Sugitani, consigliere supremo della scuola Tendai (Giappone).
Papa Francesco condanna il commercio delle armi e indica nel denaro una delle principali cause del proliferare della guerra mondiale a pezzi. Una guerra che spinge milioni di persone all'esodo dalle proprie terre e che sconvolge intere famiglie. «Non vogliamo», dice il Papa, «che queste tragedie cadano nell'oblio. Noi desideriamo dar voce tutti insieme a quanti soffrono, a quanti sono senza voce e senza ascolto. Essi sanno bene, spesso meglio dei potenti, che non c'è nessun domani nella guerra e che la violenza delle armi distrugge la gioia della vita. Noi non abbiamo armi. Crediamo però nella forza mite e umile della preghiera».
Francesco richiama Giovanni Paolo II per spiegare che l'essere ad Assisi non si riduce a una «semplice protesta contro la guerra», e che la pace non è «il risultato di negoziati, di compromessi politici o di mercanteggiamenti economici. Ma il risultato della preghiera». Le religioni che pregano insieme, senza sincretismi o relativismi, ma semplicemente «gli uni accanto agli altri, gli uni per gli altri», mettono in scacco quanti le strumentalizzano per giustificare guerre e barbarie. «Uccidere in nome di Dio è demoniaco», aveva detto Bergoglio nella Messa a suffragio di padre Jacques Hamel, il sacerdote sgozzato a Rouen. «Chi utilizza la religione per fomentare la violenza ne contraddice l'ispirazione più autentica e profonda», ricorda ad Assisi. Aggiungendo che «nessuna guerra può essere condotta nel nome di Dio, mai il nome di Dio può giustificare la violenza. Solo la pace è santa e non la guerra!».
Perdono, accoglienza, dialogo, superamento delle chiusure. Il Papa non si stanca di indicare la strada anche alle istituzioni internazionali per dare risposta alle nuove generazioni e al grido dei poveri. E chiede, a tutti, di pregare come hanno fatto ad Assisi i 500 leader religiosi. Una preghiera che non è «la quiete di chi schiva le difficoltà e si volta dall'altra parte, se i suoi interessi non sono toccati; non il cinismo di chi si lava le mani di problemi non suoi; non l'approccio virtuale di chi giudica tutti sulla tastiera di un computer, senza aprire gli occhi alle necessità dei fratelli e sporcarsi le mani per chi ha bisogno. La nostra strada è quella di immergerci nelle situazioni e dare il primo posto a chi soffre; di assumere i conflitti e sanarli dal di dentro; di percorrere con coerenza vie di bene, respingendo le scorciatoie del male; di intraprendere pazientemente, con l'aiuto di Dio e con la buona volontà, processi di pace».


 LESEN SIE AUCH
• NACHRICHTEN
22 Januar 2018
PERU

Die Gemeinschaft Sant’Egidio von Lima bei Treffen mit Papst Franziskus

IT | ES | DE | FR | PT
12 Januar 2018

Der Welttag des Migranten und Flüchtlings ermutige Europa zur Förderung der Integration – vorbildliches Modell der humanitären Korridore zur Nachahmung

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
31 Dezember 2017
ROM, ITALIEN

Gruß und Ermutigung durch Papst Franziskus für die Teilnehmer der Kundgebungen „Friede auf der ganzen Erde”

IT | ES | DE | FR | PT | NL | HU
21 Dezember 2017
ROM, ITALIEN

Andrea Riccardi wurde von Papst Franziskus in Audienz empfangen: Humanitäre Korridore und Frieden waren Gesprächsthemen

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID
16 Dezember 2017

Herzlichen Glückwunsch Papst Franziskus! Vielen Dank für die Freude eines Evangeliums, das Arme und Peripherien erreicht und der Welt einen Weg der Barmherzigkeit und des Friedens weist

IT | DE | FR | ID
9 September 2017
MÜNSTER, DEUTSCHLAND

Papst Franziskus zum Treffen "Wege des Friedens": "Die Gleichgültigkeit überwinden angesichts von Kriegen und Gewalt". "Europa möge offener und einiger sein"

IT | EN | ES | DE | PT | NL
all news
• RELEASE
20 Februar 2018
Vatican Insider

Sant’Egidio si unisce alla Giornata di digiuno per Congo e Sud Sudan indetta dal Papa

20 Februar 2018
SIR

Giornata preghiera e digiuno: Comunità di Sant’Egidio, adesione all’invito del Papa. Veglia nella basilica di Santa Maria in Trastevere a Roma e in molte città italiane

16 Februar 2018
Corriere della Sera

Dal palazzo alla tenda.Il cristianesimo in cammino

8 Februar 2018
Vaticannews

Spadaro: la geopolitica di Francesco è fondata sulla misericordia

7 Februar 2018
Avvenire

Il sociologo Bauman al Papa: «Sei la luce in fondo al tunnel» La testimonianza di Riccardi

7 Februar 2018
SIR

Papa Francesco: Riccardi (Sant’Egidio), la sua è una politica dei rammendi

die ganze presseschau
• DOKUMENTE

Zeugnis von Jaime Aguilar, Gemeinschaft Sant'Egidio in El Salvador

Zeugnis von Daniel, arbeitsloser Familienvater

Zeugnis von Branislaw Savic, Roma

alle dokumente

FOTOS

241 besuche

221 besuche

251 besuche

246 besuche

221 besuche
alle verwandten medien