change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
24 Novembre 2000

Budapest - Solidarietà con la comunità ebraica d'Ungheria

 
versione stampabile

La Comunità di Sant'Egidio in Ungheria ha redatto una lettera aperta al rabbino capo ed alla comunità ebraica del paese, per esprimere la propria solidarietà a seguito della profanazione di 60 tombe avvenuta tra il 2 e il 4 novembre. L'appello, pubblicato dal quotidiano Nepszabadsag in data 23 novembre, porta l'adesione anche di numersi ordini religiosi, diversi movimenti e associazioni.

LETTERA APERTA
AL RABBINO CAPO ED ALLA COMUNITA' EBRAICA DI UNGHERIA

   


Caro Capo Rabbino,

Deplorando ogni atto vandalico, vorremmo con queste parole esprimere particolarmente e in modo speciale a Lei ed a tutta la Comunità Ebraica Ungherese la nostra più sincera compassione per le barbare profanazioni avvenute recentemente nel Cimitero di Via Kozma.

Ci addolora che tutto ciò sia potuto accadere.

Ci addolora questo gesto di intolleranza, di violenza, di odio, che suscita sdegno negli uomini e nelle donne di fede.

Questo avvenimento invita la nostra Comunità di Sant'Egidio e quanti sottoscrivono questa lettera ad assicurare a Lei e, attraverso di Lei, a tutti gli ebrei ungheresi, la nostra solidarietà e vicinanza spirituale, soprattutto perché consapevoli della sofferenza incommensurabile che il secolo appena finito ha inflitto ai figli d'Israele.

Perché i credenti cristiani debbono alzare la voce quando vedono gli ebrei offesi, mentre ci sono tanti altri dolori e tante altre sofferenze che hanno segnato e segnano ancora il nostro mondo e i nostri tempi? Perché non basta condannare l'odio in modo più inclusivo, più generico?

Colui che cerca di evitare la presa di posizione dinanzi ad una sofferenza concreta - e la sofferenza è sempre qualcosa di concreto - rischia di diventare astratto. Chi afferma di poter comprendere tutte le sofferenze del mondo, rischia di non comprenderne alcuna. Chi invece capisce la solitudine di un anziano o di un malato, capirà quella di tutti gli anziani e di tutti i malati. Chi capisce le tribolazioni di un popolo, riuscirà ad aver compassione di tutti i popoli sfortunati.

La Shoah, con il suo carico incommensurabile di dolore, ci ricorda che ogni volta che il popolo ebraico è offeso, si compie un attentato alla dignità umana di tutti. Crediamo pertanto che quando brucia la sinagoga, brucia anche la chiesa, la moschea, la cultura e tanto altro.

Sentiamo anche come le radici spirituali del Primo Testamento e la storia spingano noi, cristiani, ad un debito di amore e di fraternità verso di voi, "fratelli maggiori", secondo le parole usate da Giovanni Paolo II durante la visita alla sinagoga di Roma nel 1986.

Le parole usate dal Papa durante il suo pellegrinaggio in Terra Santa ci impegnano e ci incoraggiano. Nel suo saluto rivolto ai due Rabbini Capi di Israele, Meir Lau e Mordechai Bakshi-Doron, il 23 marzo a Gerusalemme, Giovanni Paolo II disse: "La Chiesa condanna totalmente l'antisemitismo e ogni forma di razzismo … perché in radicale contrasto con i principi del cristianesimo". E ancora, lo stesso giorno al memoriale di Yad Vashem: " La Chiesa … motivata dalla legge evangelica della verità e dell'amore e non da considerazioni politiche, è profondamente rattristata per l'odio, gli atti di persecuzione e le manifestazioni di antisemitismo dirette contro gli ebrei".

E' la stessa legge evangelica che ci invita non soltanto a non fare il male, ma a fare il bene.

Siamo convinti che occorrono gesti di pace e non di violenza, di amore e non di odio, di unità e non di divisione per costruire questa nostra società più umana, più civile, più giusta: è la sfida posta dalla nostra epoca a tutti i credenti, a tutti gli uomini.

Sentiteci vicini in questo momento di prova, certi di trovare in noi amici, fratelli, sorelle che credono che si puó vincere il male con il bene.

Budapest, 10 novembre 2000.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
7 Febbraio 2018

'Un aspetto chiave di Sant'Egidio è la sua dedizione al dialogo' Da Yad Vashem, il Memoriale dell'Olocausto a Gerusalemme, gli auguri per il 50mo

IT | DE
30 Gennaio 2018

Memoria della deportazione dalla Stazione di Milano

27 Gennaio 2018
LIVORNO, ITALIA

Una pietra d'inciampo per non dimenticare. A Livorno la manifestazione per la #Giornatadellamemoria2018

26 Gennaio 2018

Giornata della Memoria, Sant'Egidio: contro razzismo e antisemitismo far crescere la cultura dell'incontro e difendere i più deboli

IT | ES | DE | FR | CA
17 Gennaio 2018

Giornata di riflessione sui rapporti tra ebraismo e cristianesimo: intervista a mons. Ambrogio Spreafico

22 Novembre 2017

Con i bambini rifugiati in Ungheria

IT | ES | FR
tutte le news
• STAMPA
30 Novembre 2017
Die Tagespost

Die Geschichte eines langen römischen Winters

28 Novembre 2017
POW - Pressestelle des Ordinariates Würzburg

Erinnerung bleibt Aufgabe für alle

16 Novembre 2017
Vatican Insider

Riccardi: “Con Laras scompare una grande figura della cultura contemporanea”

4 Novembre 2017
Avvenire

Marco Impagliazzo. Ebraismo: la fine di un pregiudizio

24 Giugno 2017
Magyar Kurir

„Akik a remény útján haltak meg” – Ökumenikus imaórát tartottak Budapesten a menekültekért

17 Febbraio 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

L'Ungheria sta chiudendo dietro a un muro il proprio futuro

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
23 Gennaio 2018 | LIVORNO, ITALIA

Memoria della deportazione degli ebrei di Livorno

18 Gennaio 2018 | ROMA, ITALIA

'Siamo qui, siamo vivi. Il diario inedito di Alfredo Sarano e della famiglia scampati alla Shoah'. Colloquio sul libro

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Lettera ai consiglieri comunali di Budapest in difesa dei senza fissa dimora

Comunità di Sant'Egidio

APPELLO FINALE - Pellegrinaggio ad Auschwitz-Birkenau

Zuccari Alessandro

NON C'È FUTURO SENZA MEMORIA - Intervento di apertura di Alessandro Zuccari, Comunità di Sant'Egidio

Toaff Elio

NON C'È FUTURO SENZA MEMORIA - Intervento di Elio Toaff, Rabbino capo di Roma

Riccardi Andrea

Andrea Riccardi, Comunità di Sant'Egidio NON C'È FUTURO SENZA MEMORIA

tutti i documenti

VIDEO FOTO
6:36
Giornata della memoria: non dimentichiamo la Shoah

647 visite

732 visite

621 visite

546 visite

526 visite
tutta i media correlati