change language
du bist dabei: home - pressearchiv newsletterkontaktlink

Unterstützung der Gemeinschaft

  
18 November 2016

Nel saluto di Gewargis III

Insieme per la pace

 
druckversion

Convocare «un raduno internazionale di tutti i patriarchi e primati delle Chiese apostoliche per studiare e capire come e perché tragedie indicibili stiano avvenendo nella regione mediorientale»: è la proposta suggerita da Mar Gewargis III nel discorso rivolto a Papa Francesco durante la sua prima visita ufficiale in Vaticano. Gli abitanti di Iraq e Siria, ha affermato il patriarca, «ripongono in noi la loro speranza di poter essere salvati dalle loro orribili condizioni, nella convinzione che qualsiasi cosa chiediamo sarà ottenuta» anche con la preghiera. Per questo, ha aggiunto, «noi dovremmo incrementare la nostra fraterna collaborazione attraverso discussioni serie e studi rigorosi che mettano in luce» la realtà attuale dei cristiani in Medio oriente.
«Oggi il nostro incontro fraterno - ha assicurato Gewargis III - accrescerà la contentezza dei cristiani di Iraq e Siria, sarà in sé fonte di gioia spirituale e incoraggiamento, in mezzo alle loro sofferenze e al loro dolore, che li uniscono alle sofferenze e al dolore di Cristo, e che sono causati dalle difficili e terribili circostanze in cui si trovano a vivere e che hanno portato molti di loro a lasciare la terra dei propri avi». «In questi Paesi - ha spiegato il patriarca - si trovano le radici della civiltà umana e le prime Chiese cristiane, la cui luce risplendette presso questi popoli nella seconda metà del primo secolo» proprio attraverso le attività missionarie degli apostoli. E nel mezzo di una sofferenza così grande, «le nostre antiche comunità cristiane d'Oriente in generale, e la nostra comunità cristiana assira in particolare, hanno continuato a dare testimonianza del Vangelo di Cristo, perfino pagando col proprio sangue».
Il patriarca non ha mancato di ricordare con affetto l'incontro con Giovanni Paolo II - riconoscendone l'impegno per la pace - dopo aver partecipato a una conferenza organizzata dalla comunità di Sant'Egidio a Bari nel 1991: in quel periodo «c'era molta paura e angoscia tra i nostri cittadini, preoccupati di poter diventare essi stessi vittime di attacchi militari». E noto a tutti, ha affermato ancora Gewargis III, che «la condizione delle nostre antiche comunità cristiane in Iraq ha provocato il trasferimento forzato di migliaia di persone: donne, bambini e anziani hanno lasciato le loro case e continuano a spostarsi incessantemente di città in città e di villaggio in villaggio, in cerca di una vita sicura». Proprio per questo motivo il patriarca ha chiesto di perseverare tutti insieme «nelle nostre ferventi preghiere e suppliche a Dio onnipotente per porre fine al dolore e alla persecuzione inflitti a migliaia di sfollati cristiani di Iraq e Siria», senza perdere la memoria «di coloro che hanno già pagato con la propria vita e il proprio sangue la propria fede».
In conclusione, Gewargis III ha espresso la «più sincera gratitudine» a Francesco per il suo impegno «per la pace, la giustizia e la riconciliazione in vari conflitti su scala mondiale». E ha anche auspicato che la Commissione congiunta per il dialogo teologico continui a lavorare per arrivare alla firma della dichiarazione comune sulla vita sacramentale.


 LESEN SIE AUCH
• NEWS
1 Februar 2018
IRAK

Sant’Egidio ist besorgt über den Einsatz der Todesstrafe

IT | ES | DE | FR
12 September 2017
MÜNSTER, DEUTSCHLAND

Aleppo wartet auf die Rückkehr der entführten Bischöfe. Aufruf des armenischen Bischofs Marayati zur Versöhnung beim Treffen #PathsofPeace

IT | DE
11 September 2017
MÜNSTER, DEUTSCHLAND

Sant'Egidio, bei “Wege des Friedens” ertönt der Schmerzensschrei der syrischen Christen

IT | EN | ES | DE | NL | ID
6 September 2017

Warum findet #stradedipace (das Treffen Wege des Friedens) in Münster-Osnabrück statt? Infos zur europäischen Geschichte

IT | DE
10 April 2017
DEUTSCHLAND

Ökumenische Gedenkfeiern für die Glaubenszeugen und Märtyrer unserer Zeit

24 März 2017
ROM, ITALIEN

Ökumenischer Gottesdienst für Europa am Vorabend des 60. Jahrestages der Römischen Verträge

IT | DE | FR
alle neuigkeiten
• RELEASE
26 Februar 2018
Roma sette

Congo e Sud Sudan, Gnavi: «La liberazione ha il nome di Gesù»

1 Februar 2018
SIR

50° Comunità Sant’Egidio: Hilarion (Patriarcato di Mosca), “la nostra una collaborazione che ha dato tanti buoni frutti”

30 Januar 2018
La Vanguardia

Treinta sirios llegan a Italia con los llamados "corredores humanitarios"

30 Januar 2018
Avvenire

Corridoi umanitari. Italia, Francia, Belgio, Andorra: l'Europa che accoglie i siriani

30 Januar 2018
Il Sole 24 ore

Corridoi umanitari, a Fiumicino 30 profughi siriani dal Libano

30 Januar 2018
Vaticannews

Corridoi umanitari: la collaborazione ecumenica via della speranza

die ganze presseschau
• GESCHEHEN
25 Januar 2018

Ökumenischer Gottesdienst in der Gebetswoche für die Einheit der Christen

ALLE SITZUNGEN DES GEBETS FÜR DEN FRIEDEN
• KEINE TODESSTRAFE
10 Oktober 2017

On 15th World Day Against the Death Penalty let us visit the poorest convicts in Africa

7 Oktober 2015
VEREINIGTE STAATEN

The World Coalition Against the Death Penalty - XIII world day against the death penalty

5 Oktober 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

24 September 2015

Pope Francis calls on Congress to end the death penalty. "Every life is sacred", he said

12 März 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

12 März 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

9 März 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 März 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

9 März 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

28 Februar 2015
VEREINIGTE STAATEN

13 Ways Of Looking At The Death Penalty

15 Februar 2015

Archbishop Chaput applauds Penn. governor for halt to death penalty

11 Dezember 2014
MADAGASKAR

C’est désormais officiel: Madagascar vient d’abolir la peine de mort!

gehen keine todesstrafe
• DOKUMENTE

Hilde Kieboom: "Die Freundschaft als Weise um Kirche zu sein"

alle dokumente