change language
du bist dabei: home - pressearchiv newsletterkontaktlink

Unterstützung der Gemeinschaft

  
2 Januar 2018

In corteo 500 bambini con bandiere e palloncini

«Pace e accoglienza», Sant'Egidio in marcia con poveri e migranti

Dall'Annunziata a San Lorenzo per la messa con il cardinale. Samir: «Il Papa mi ha salvato»

, ,
 
druckversion

Samir Hanna viene dalla Siria e ha stretto due volte la mano a papa Francesco, Ismet Cismic viveva al campo nomadi di Molassana «ma adesso quel campo non c'è più e sotto un tetto si vive meglio». E poi arrivano Amina, Gioia e una fitta rappresentanza dei 500 bambini e bambine che frequentano le Scuole della pace in tutta la città. Eccoli, i mille volti del popolo di Sant'Egidio che è tornato ad invadere pacificamente le strade della città con i suoi colori e le sue mille storie: prima l'incontro alla basilica dell'Annunziata - fatto di testimonianze e racconti - con il cardinale Angelo Bagnasco, poi la marcia con bandiere e palloncini multicolori fino alla cattedrale per la messa conclusiva.
È una storia che parte da lontano : dal 1968, quando Paolo VI scrisse il primo Messaggio per la Pace esprimendo il desiderio che questa celebrazione si ripetesse all'inizio di ogni anno.
«Quella che viviamo è la cinquantunesima Giornata della Pace - dice Andrea Chiappori, anima della Comunità in Liguria - da una quindicina d'anni a Genova si svolge anche la marcia dall'Annunziata alla Cattedrale. E come sempre è un'occasione per riflettere sul messaggio del Papa e sulle parole pronunciate dall'arcivescovo al Te Deum».
«Non chiamateci zingari»
Ieri pomeriggio, sono da poco passate le 15 e il cardinale Angelo Bagnasco sale i gradini della chiesa dell'Annunziata da dove - un'ora dopo - partirà il corteo multicolore di Sant'Egidio. Si avvicina un uomo, Ismet Cismic, 50 anni. «Eminenza, volevo salutarla». Dopo un incrocio di sguardi e di sorrisi, spiega: «Ci siamo conosciuti al campo nomadi di Molassana e ci siamo parlati a lungo al pranzo di Sant'Egidio, si ricorda? Le ho regalato un libro, "Non chiamatemi zingaro"». «Adesso sì che mi ricordo - risponde il cardinale - abbiamo fatto anche le foto insieme». «E io le conservo e ne sono molto orgoglioso».
I miracoli di Sant'Egidio sono questi, incontri che penseresti impossibili. E quando il cardinale si informa sul campo di Molassana, Ismet allarga un sorriso: «Non esiste più, è rimasta solo l'area libera, oggi noi tutti viviamo in appartamenti sparsi qua e là nei quartieri. Ma ci teniamo in contatto, continuiamo a sentirci». La stessa formula dell'accoglienza diffusa che è la via privilegiata - quando è possibile - nell'accoglienza dei richiedenti asilo: piccoli gruppi che si possono così inserire più facilmente nella vita della città.
«Dove ci si può conoscere dice il cardinale - si superano i pregiudizi e le paure, tutto diventa più facile e l'integrazione è possibile».

«Io e papa Francesco»
All'interno della basilica, un giovane è chiamato a raccontarsi al microfono. Si chiama Samir Hanna, viene dalla Siria ed è uno dei primi arrivati attraverso i corridoi umanitari "inventati" dalla Comunità e fatti propri da Papa Francesco.
«Vengo dalla Siria, come sapete il mio Paese è da sette anni in guerra. E io ne ho vissuti cinque in mezzo all'orrore, ho visto cose che non è facile raccontare: la mia casa come molte altre è stata bombardata tre volte in pochi giorni. Molti miei amici sono morti, poi io nel 2015 ho lasciato il mio Paese e sono riuscito ad arrivare in Turchia, da dove con un barcone ho raggiunto la Grecia», Samir accenna appena alla vita in un campo profughi predisposto per accogliere duemila persone nell'isola di Lesbo, «ma eravamo cinquemila, ammassati in condizioni terribili. Finché è arrivato in visita Papa Francesco. L'ho potuto incontrare e conoscere, grazie a lui e ai corridoi umanitari della Comunità di Sant'Egidio sono arrivato in Italia».
A Genova, la città individuata come sua destinazione, lo scorso anno Samir ha avuto una nuova sorpresa: l'arrivo del Papa alla Guardia e un nuovo incontro. «Sì, gli ho detto molte cose ma soprattutto l'ho ringraziato con tutto il cuore per avermi accolto». Ora Samir si appresta ad frequentare un corso per diventare parrucchiere «come mio nonno e mia madre, il mestiere che avevo sempre sognato: e sarò un parrucchiere siriano-genovese».


 LESEN SIE AUCH
• NEWS
18 Dezember 2017

Internationaler Tag der Migranten – für eine Kultur des Dialogs, der Gastfreundschaft und der Inklusion

IT | ES | DE | FR | CA
19 Oktober 2017

Migranten, Sant’Egidio – die heute vom Europaparlament eingeleitete Reform des Dublin-Verfahrens ist positiv

IT | ES | DE | FR
22 August 2017

Für den Papst ist die Integration der wesentliche Prozess. Ein Artikel von Andrea Riccardi über die Botschaft von Papst Franziskus über die Migranten

IT | ES | DE | FR
22 Februar 2017

Unsere gemeinsame Antwort auf die Migration sind vier Verben: aufnehmen, beschützen, fördern und integrieren

IT | DE | FR | PT
2 Januar 2017

2017, die Kinder auf der ganzen Welt bitten um Frieden.

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA
1 Januar 2017

Friede auf Erden: Video über den Marsch und Angelus von Papst Franziskus

IT | ES | DE | FR | PT
alle neuigkeiten
• RELEASE
23 Februar 2018
Gazzetta di Parma

Maltempo: Comune Genova,anche tso per evitare morti per gelo

22 Februar 2018
Il Secolo XIX

Bagnasco ringrazia Sant’Egidio: «Il ’68 è passato, voi ci siete»

9 Februar 2018
Avvenire

Migrazioni. 7 punti per uscire dall'emergenza: l'agenda delle associazioni cattoliche

7 Februar 2018
Il Secolo XIX

Nessuno è troppo piccolo per aiutare

6 Februar 2018
La Notizia

I rifugiati sono una risorsa. Sant’Egidio: toni sbagliati

6 Februar 2018
Giornale di Sicilia

«Ma l'integrazione da noi è possibile»

die ganze presseschau
• GESCHEHEN
1 Januar 2018

Paz en todas las tierras . Liturgia Eucarística

1 Januar 2018 | BARCELONA, SPANIEN

La marcha Paz en Todas las Tierras en Barcelona

ALLE SITZUNGEN DES GEBETS FÜR DEN FRIEDEN
• KEINE TODESSTRAFE
10 Oktober 2017

On 15th World Day Against the Death Penalty let us visit the poorest convicts in Africa

7 Oktober 2015
VEREINIGTE STAATEN

The World Coalition Against the Death Penalty - XIII world day against the death penalty

5 Oktober 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

24 September 2015

Pope Francis calls on Congress to end the death penalty. "Every life is sacred", he said

12 März 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

12 März 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

9 März 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 März 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

9 März 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

28 Februar 2015
VEREINIGTE STAATEN

13 Ways Of Looking At The Death Penalty

15 Februar 2015

Archbishop Chaput applauds Penn. governor for halt to death penalty

11 Dezember 2014
MADAGASKAR

C’est désormais officiel: Madagascar vient d’abolir la peine de mort!

gehen keine todesstrafe
• DOKUMENTE

La Comunità di Sant'Egidio e i poveri in Liguria - report 2015

La Guida Dove mangiare, dormire, lavarsi - Genova 2016: alcuni dati

Guida DOVE Mangiare, dormire, lavarsi - Genova 2016

Appello di Pace 2016

alle dokumente