change language
vous êtes dans: home - revue de presse newslettercontactslink

Soutenez la Communauté

  
24 Mai 2014

Comunità di Sant'Egidio 25 anni di impegno in aiuto ai più deboli

Tutto nacque da un gruppo di liceali: dal primo doposcuola l'attività si è estesa a favore di anziani, stranieri e senza casa

 
version imprimable

Nel 1989 uno sparuto gruppo di studenti del Petrarca, accomunati dal desiderio di fare qualcosa per la propria città seguendo l'esempio del Vangelo, diede vita a un primo doposcuola multiculturale nel rione di Valmaura. Nacque così, da un piccolo seme, la Comunità di Sant'Egidio di Trieste. Passati 25 anni, i liceali sono diventati adulti e hanno messo su famiglia, e la comunità si è allargata esponenzialmente, estendendo il suo impegno al mondo degli anziani, con iniziative volte alla domiciliarità e alla cittadinanza attiva; degli stranieri, con una scuola di lingua e cultura italiana; dei senza fissa dimora, con la distribuzione di vivande, coperte e abiti nei pressi della stazione ferroviaria; e della lotta contro l'emarginazione. A occuparsi di tutto questo è una cinquantina di volontari di tutte le età, dai 18 ai 75 anni, coordinati dal presidente Paolo Parisini. Tra loro anche quel gruppo di ex liceali da cui nacque la comunità. Dice una di loro, Valentina Colautti: «Mai avremmo pensato che la nostra vita sarebbe stata così segnata da quel primo incontro tra ragazzi».

Per tutti i membri della Comunità l'appuntamento per festeggiare l'importante traguardo dei 25 anni sarà oggi alle 18.30, alla chiesa di San Giacomo, con la messa celebrata dal vescovo Giampaolo Crepaldi. «Nel 1989, quando da studenti decidemmo di avviare la Comunità racconta Emanuela Pascucci,  che si occupa ormai da 25 anni della Scuola per la Pace  partimmo dall'insegnamento di Gesù, che ci chiede di stare in mezzo ai più poveri. Ci recammo in periferia, a Valmaura, un rione di cui non conoscevamo nulla. Avevo 17 anni e arrivata al capolinea della 10 scoprii i casermoni delle case popolari. Lì la popolazione era composta da tante famiglie provenienti dal sud Italia: la Ferriera dava lavoro ai padri e le madri allevavano i figli, spesso numerosi. Nel rione non mancavano problemi di droga, alcolismo e microcriminalità. Capimmo subito che avremmo potuto aiutare le famiglie stando vicini ai bambini, così decidemmo di avviare in parrocchia un doposcuola, che chiamammo scuola popolare. Il doposcuola si allargò e facemmo amicizia anche con i genitori: entravamo nelle case un po' come amici di famiglia. Da una decina i bimbi divennero presto una quarantina».

Poi, nel 2000, la svolta: la situazione era cambiata e all'immigrazione dal Sud dell'Italia si sostituì quella globale, con l'arrivo a Trieste di un gran numero di stranieri e la crescita, soprattutto dopo l'11 settembre 2001, del sentimento di paura nei loro confronti. «Facemmo una riflessione prosegue Emanuela  e decidemmo di cambiare lavoro e nome. Diventammo la Scuola della Pace, con l'intenzione di lavorare per l'integrazione e l'educazione alla pace con bambini italiani e stranieri, che sarebbero così cresciuti assieme». Di lì a poco, il trasferimento in Largo Barriera: «Cinque anni fa lasciammo Valmaura, dove nel frattempo erano stati creati molti servizi, dai portierati sociali alle cooperative, per spostarci in via Matteotti 12, nella parrocchia di Santa Teresa, accolti da don Paolo. In questa zona, la "Balkan city", trovammo un mondo di stranieri: oggi su 54 iscritti al doposcuola i bimbi italiani sono solo sei. Gli altri bimbi vengono dai Paesi dei Balcani, ma anche da Turchia, Egitto, Marocco, Tunisia, Algeria, Cina». 

La Scuola della Pace ha aperto le porte anche ai piccoli malati in cura al Burlo, per restituire loro quella dimensione relazionale che in corsia è difficile da sviluppare. Tutto va avanti grazie al prezioso lavoro dei volontari che, spiega Emanuela, sono una ventina, tutti studenti delle superiori e dell'Università. 

 

Giulia Basso


 LIRE AUSSI
• NOUVELLES
13 Décembre 2017
PRAIA, CAP-VERT

Le prix de la commission des droits humains ''Contre la violence et pour la promotion d'une culture de paix'' remis aux Jeunes pour la paix du Cap-Vert

IT | FR | PT
12 Novembre 2017
INDONÉSIE

La visite de Marco Impagliazzo à l'école de la paix et au restaurant pour les pauvres de Sant'Egidio à Djakarta

IT | ES | DE | FR | PT | CA | RU | ID
3 Novembre 2017
GÊNES, ITALIE

Inauguration du nouveau siège de l'école de la paix de Sant'Egidio pour les enfants de la périphérie de Gênes

IT | FR
14 Août 2017

Les écoles de la paix du Pakistan fêtent les 70 ans de l'indépendance du pays

IT | ES | DE | FR
2 Août 2017

Leur rêve de faire des études leur coûta la vie : nous nous souvenons aujourd’hui de Yaguine et Fodé, et de leur lettre à l’Europe

IT | FR
25 Juillet 2017

L'été de la solidarité 2017 avec la Communauté de Sant'Egidio se poursuit : des images d'Italie et du monde

IT | EN | ES | DE | FR | ID
toutes les nouvelles
• DE PRESSE
21 Février 2018
Vatican Insider

Sant’Egidio si unisce alla Giornata di digiuno per Congo e Sud Sudan indetta dal Papa

15 Février 2018
La Nazione

Un pasto per chi non ha nulla. Ecco come si può dare una mano

7 Février 2018
Il Secolo XIX

Nessuno è troppo piccolo per aiutare

4 Février 2018
FarodiRoma

Raid xenofobo a Macerata. La Comunità di Sant’Egidio conforta i feriti

2 Février 2018
el Periódico

La brújula de los sintecho

1 Février 2018
La Vanguardia

La dificultad de acceso a vivienda aumenta el riesgo de pobreza en Barcelona

tous les communiqués de presse
• ÉVÉNEMENTS
23 Janvier 2018 | ROME, ITALIE

Presentazione del libro ''Alla Scuola della Pace. Educare i bambini in un mondo globale''

17 Janvier 2018 | NAPLES, ITALIE

Presentazione del libro ''Alla Scuola della Pace - Educare i bambini in un mondo globale''

TOUTES LES RÉUNIONS DE PRIÈRE POUR la PAIX
• DOCUMENTS

Gli aiuti umanitari in Siria e Libano

Programma "W gli anziani": attività con gli anziani a Roma nel luglio e agosto 2013

Giovani e anziani per un estate di solidarietà 2013

Contrasto all’esclusione sociale: iniziative per l'estate 2013

La GUIDA "DOVE mangiare, dormire, lavarsi" 2013

Programma in RUSSO

tous les documents

PHOTOS

207 visites

167 visites

213 visites

190 visites

213 visites
tous les médias associés