change language
usted está en: home - ecumenis...diálogo - encuentr...r la paz - antwerp ...e future newslettercómo contactarnoslink

Ayuda a la Comunidad

  

Liturgia de Acción de Gracias por el 50 aniversario de la Comunidad de Sant'Egidio

10 de febrero, a las 17.30 h Basílica de San Juan de Letrán

Más dificultades para los más pobres para encontrar, conservar o quedarse en una casa

Presentación de la guía DÓNDE 2018

Llegan a Italia los primeros corredores humanitarios de 2018. La nueva fase del proyecto que se ha convertido en un modelo de acogida e integración para Europa


 
versión para imprimir
9 Septiembre 2014 07:30 | Thomas More, Campus Carolus, Aula 006

Intervento


Jawad Al-Khoei


Secretario general de "Al-Khoei Institute", Iraq

Vorrei cominciare con la dimensione umana, irachena, a prescindere dai confini delle religioni, delle nazionalità e non vorrei usare questi termini. Quello che noi vogliamo in Iraq è uno Stato civile, non uno Stato religioso. La separazione tra la religione e lo Stato, e questo noi lo abbiamo detto a Najaf, è il problema dell’Islam politico: quando noi vogliamo dare un aspetto religioso alla politica, usiamo il nome del Signore, di Dio, in ogni parte della vita.

I leader religiosi devono allontanarsi dalla politica; noi, come leader religiosi, dobbiamo ritornare al nostro ruolo iniziale, dal punto di visto morale e umano. Abbiamo bisogno dello Stato delle Istituzioni, non dello Stato degli individui.

In Belgio c’è stato un record per quanto riguarda l’elezione del premier, ma la vita è andata avanti in modo molto normale. Questo non è successo da noi in Iraq, perché noi non abbiamo formato uno Stato delle Istituzioni. Il paese è basato su delle persone. E’ questo il problema più grande in Medio Oriente e nel mondo arabo in generale. Bisogna formare lo Stato del cittadino, non lo Stato delle appartenenze nazionali; posso dire che io sono iracheno, non importa qual è la mia etnia, qual è la mia religione. Posso dire: io sono iracheno, sono uguale a tutti nei doveri e nei diritti.

I cristiani, centinaia di anni fa, erano una maggioranza, erano i padroni della terra. Noi musulmani siamo subentrati solo più tardi in Mesopotamia. Dopo centinaia di anni i cristiani sono diventati una minoranza, dal punto di vista dei numeri. Ma l’essere maggioranza non dà diritto ad emarginare l’altro, ad escludere l’altro. Che c’è in comune tra l’arabo, il curdo e il turcomanno? Che c’è in comune tra il sunnita e lo sciita? Che c’è in comune tra il cristiano e il musulmano? Soltanto la cittadinanza e l’identità irachena.

Abbiamo un problema in Iraq: la definizione dell’identità. Lo sciita dice: io sono il vero iracheno! E il sunnita dice: io sono l’iracheno originale, quello degli inizi! Gli yazidi? Sono estranei in questa terra? Certamente no.

La convivenza è quello che vogliamo. Noi vogliamo l’uguaglianza fra tutti, la giustizia per tutti. Certo, questo è un augurio, ma io ho diritto di essere ottimista e di augurare questo. Ma io sono anche sicuro che ciò che è giusto si debba avvera e arriverà il giorno in cui vedremo questo augurio realizzarsi.

Il problema più importante oggi nel mondo, soprattutto nel mondo musulmano e arabo, è quello del giudicare l’altro come infedele. Dire all’altro: tu sei infedele, vuol dire togliergli un diritto importante, quello di respirare! Questo linguaggio è estraneo alla società irachena. La società irachena è una società civile, non una società religiosa. E’ questo è il messaggio di Najaf, il messaggio della più alta istituzione religiosa che chiede la separazione tra la religione e lo Stato.

Il conflitto in Iraq non è un conflitto religioso e confessionale, ma è un conflitto politico. Vorrei fare un esempio realistico. Tutti dicono che in Iraq c’è un conflitto tra curdi e arabi, tra musulmani e cristiani tra sunniti e sciiti. Io mi domando: in Libia ci sono cristiani? Perché i musulmani in Libia si uccidono a vicenda? Nel Sinai, in Egitto, ci sono sciiti? Mi domando: perché lì decapitano le persone? Questo dimostra che si tratta di gruppi che dicono che l’altro è infedele e non vogliono che l’altro viva.

Il conflitto è tra il bene e il male, il conflitto è tra chi vuole vivere e chi vuole eliminare l’altro, il conflitto è tra la vita e  la morte, tra la civiltà e la barbarie. Noi tutti siamo nella stessa barca. Chi ha appiccato il fuoco in Iraq e chi getta benzina sul fuoco, un giorno senza dubbio ne patirà le conseguenze.

Mi chiedo: noi spendiamo ore e ore a chiederci come risolveremo il problema dell’ISIS. Ma abbiamo pensato per un momento a quali sono le motivazioni dell’ISIS? Come sono apparsi in Iraq? Sono forse scesi dal cielo o piuttosto sono venuti dai paesi confinanti? Chi finanzia l’ISIS? Chi li addestra? Chi ha fornito all’ISIS questa enorme quantità di armi?

Il problema sta nella nostra educazione, nella nostra cultura; il problema è nei nostri programmi scolastici, nella nostra storia. E’ possibile combattere l’ISIS in due modi. Uno militare: la NATO e altri paesi possono combattere; il secondo con l’intelletto e la scienza. 

Ci sono due fattori, uno interno e uno esterno. Quello interno è più importante di quello esterno. Noi dobbiamo resistere, noi dobbiamo lottare, noi dobbiamo unirci e non dobbiamo permettere a queste persone di infiltrarsi in Iraq.

Noi in Iraq abbiamo bisogno di un supporto europeo, internazionale a tutti i livelli. Noi viviamo una democrazia appena nata, per quanto riguarda la libertà e la costruzione dello Stato. L’Iraq combatte contro il terrorismo non solo per se stesso, noi combattiamo il terrorismo anche per conto del mondo. Se i terroristi vinceranno in Iraq, andranno in Europa, in America, in tutti i paesi del mondo.

Abbiamo bisogno di un supporto culturale, militare, politico internazionale. Il supporto delle Istituzioni delle società civili, a tutti i livelli. Nel futuro prossimo per liberare le zone occupate dai terroristi; a medio termine per far mettere radici a una vera democrazia; a lungo termine per promuovere il linguaggio del dialogo e della convivenza. Sono consapevole che quello che dico è difficile. 

Io sono contrario all’emigrazione di queste componenti che fanno parte del mosaico iracheno. Forse non sono obiettivo e non sono logico, perché il terrorismo, l’ISIS e altri gruppi identici, vuole che queste componenti lascino l’Iraq e quindi andando via dall’Iraq faremo quello che vogliono loro. Noi piuttosto lotteremo e resisteremo. Noi a Najaf abbiamo aperto il nostro cuore e le nostre case a tutti.

 

(trascrizione dalla registrazione audio-video a cura della redazione)

 

PROGRAMMA
PDF

Eventos EN DIRECTO y EN DIFERIDO



NOTICIAS RELACIONADAS
29 Enero 2018
BANGUI, REPÚBLICA CENTROAFRICANA

Chantal, Elodie y las demás: historias de niños y adultos que siguen tratamiento con el programa DREAM en Bangui, capital de la República Centroafricana

IT | ES | DE | FR | CA | NL
24 Enero 2018
ROMA, ITALIA

República Centroafricana, el presidente Touadera en Sant'Egidio: continúa el proceso de paz; empieza la nueva fase de desarme

IT | ES | DE | FR | PT | CA | ID
14 Enero 2018

Ya está en las librerías “Fare Pace - la diplomazia di Sant'Egidio”


En vísperas del 50 aniversario, un libro para comprender el trabajo por la paz de Sant'Egidio
IT | ES | DE | PT
31 Diciembre 2011

Jornada Mundial de la Paz. La manifestación PAZ EN TODAS LAS TIERRAS

IT | ES | DE | CA
23 Octubre 2011

El Espíritu de Asís: 25 años de oración por la paz

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
20 Marzo 2011

Jos (Nigeria): Conferencia sobre la paz, el servicio a los pobres y el diálogo interreligioso

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
todas las noticias relacionadas

NOTICIAS DESTACADAS
5 Febrero 2018

Sant'Egidio, 50 años al servicio de la paz - entrevista a Marco Impagliazzo


"Satisfecho de haber hecho descubrir a muchos la alegría del Evangelio"
IT | ES | CA | ID | HU
3 Febrero 2018 | MACERATA, ITALIA
Comunicado de prensa

Macerata, solidaridad de Sant'Egidio con las víctimas: una delegación visita a los heridos en el hospital


“Al lado de quien ha sufrido el odio y el racismo. No al desprecio que provoca violencia”
IT | ES
31 Enero 2018 | IRAK

Iraq: preocupación de Sant'Egidio por el recurso a la pena de muerte

IT | ES | DE | FR

PRENSA RELACIONADA
25 Febrero 2018
Roma sette
Congo e Sud Sudan, Gnavi: «La liberazione ha il nome di Gesù»
22 Febrero 2018
Domradio.de
"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"
21 Febrero 2018
Famiglia Cristiana
La preghiera sia un urlo contro le guerre
20 Febrero 2018
SIR
Giornata preghiera e digiuno: Comunità di Sant’Egidio, adesione all’invito del Papa. Veglia nella basilica di Santa Maria in Trastevere a Roma e in molte città italiane
20 Febrero 2018
Vatican Insider
Sant’Egidio si unisce alla Giornata di digiuno per Congo e Sud Sudan indetta dal Papa
todo relacionado con la prensa