change language
você está em: home - recortes de imprensa newsletterlink

Support the Community

  
11 Outubro 2008

Sant'Egidio - La coordinatrice per i minori Adriana Gulotta

«Per i bambini con handicap insostituibili i nostri centri»

 
versão para impressão

«Basta con le accuse a istituti e case famiglia. Il loro ruolo è insostituibile, oggi più che mai», tuona Adriana Gulotta, coordinatrice per la Comunità di Sant'Egidio delle attività verso i minori, e che si occupa di una casa famiglia a Roma.

«La nostra è una comunità particolare: ci occupiamo di bambini malati o affetti da handicap, e con noi ne abbiamo solo 7. Certo, ci saranno pure comunità più grandi: ma non è vero che le nuove leggi abbiano fatto solo buchi nell'acqua». C'è infatti un problema oggettivo, che riguarda soprattutto i minori del nostro Paese: «Specie in Italia i bambini in difficoltà non sempre sono "abbandonati" dalla famiglia - spiega - Spesso i loro genitori vivono sì un periodo di difficoltà, ma ci sono ancora: e mantengono un legame affettivo forte con loro. Insomma, una famiglia ce l'hanno. Magari messa male, ma c'è. Che fine farebbero se, improvvisamente, fossero catapultati dalla loro famiglia a un'altra? Direbbero di continuo: "Questo non è mio papà, questa non è mamma". Molto meglio una soluzione intermedia, dove il bimbo resta un po' in questi istituti, e poi torna a casa prima possibile». Pronta anche la replica per chi parla di «orfanotrofi camuffati»: «Nella nostra struttura due persone vivono lì, due mamme. E poi ci sono i volontari pronti a prestare aiuto. La casa è grande, ma senza barriere. Certo, mancano una vera mamma e un vero papà. Ma se no sarebbe un affidamento, e anch'esso, appunto, può creare problemi nella vita affettiva del minore». Continua: «Un esempio del cambiamento? L'istituto delle suore Calasanziane. Nato negli anni Settanta, ospitava 100 bambini. Poi, pian piano, le camerate sono state svuotate. E dopo la legge la trasformazione è stata definitiva. Le stanze sono state divise, ne sono state create di nuove dedicate al gioco ed alla ricreazione: insomma, sono state realizzate strutture familiari. Da lì sono nate circa tre case famiglia. E ci sono solo 25 ragazzi, divisi in ben tre strutture. A me questo sembra un bel cambiamento».


 LEIA TAMBÉM
• NOTÍCIA
30 Outubro 2017
KIGALI, RUANDA

A nova vida de Eric, de órfão do genocídio do Ruanda a neo graduado: foi suficiente uma adopção à distância!

IT | ES | DE | FR | PT | RU
17 Julho 2017
PORT-AU-PRINCE, HAITI

Adoções à distância no Haiti: um futuro diferente para Dana e as outras crianças, começa com a escola

IT | ES | FR | PT | NL
20 Novembro 2016

Dia mundial dos direitos da criança: Sant'Egidio ao lado das crianças

IT | ES | DE | PT | HU
18 Julho 2016
CATIÓ, GUINÉ-BISSAU

Com as adopções a distância, a escola de São Bento cresce juntamente com os seus alunos

IT | ES | DE | FR | PT
18 Março 2015
SLOVYANSK, UCRÂNIA

Adopções à distância: em Slovyansk reaberto o centro para as crianças e os refugiados da guerra no leste da Ucrânia

IT | EN | ES | DE | FR | PT | UK
20 Novembro 2014

Dia Mundial da Infância: Sant'Egidio para os direitos das crianças, para que nenhum deles já não seja invisível

IT | ES | DE | PT
todas as novidades
• DIVULGAÇÃO
11 Novembro 2014
Regió7

La comunitat de Sant Egidi comença a recollir joguines

1 Julho 2014
L'Osservatore Romano

Risposte da dare

24 Maio 2014
Il Piccolo

Comunità di Sant'Egidio 25 anni di impegno in aiuto ai più deboli

19 Fevereiro 2014
Famiglia_Cristiana.it

Fuori dall'ombra con Sant'Egidio

5 Janeiro 2014
La Stampa.it

Ecco chi resiste alla fuga dalle scuole

18 Dezembro 2013
Corriere della Sera

Buonissimo Natale a tutti quanti

todos os press releases
• DOCUMENTOS
Comunità di Sant'Egidio

La mensa per i poveri di Via Dandolo

Saluto del Presidente Mario Monti

Bambini e ragazzi di origine straniera per una legge sulla cittadinanza nell’interesse del Paese

todos os documentos

FOTOS

192 visitas

169 visitas

214 visitas

159 visitas

245 visitas
todos os meios de comunicação relacionados